in ,

Bob Odenkirk non è solo Saul Goodman

Bob Odenkirk

Bob Odenkirk è Saul Goodman e passerà alla storia della serialità per questo. Non c’è dubbio. Nato come spin-off di Breaking Bad, Better Call Saul ci ha regalato uno dei protagonisti più interessanti degli ultimi anni: Jimmy McGill è stato capace di enormi cambiamenti lungo tutta la serie, sviluppando un character dvelopment invidiabile. Una scrittura come al solito brillante e soprattutto scelte registiche stratosferiche capaci di confezionare un prodotto di altissima qualità. Ma non potevamo aspettarci niente di meno da Vince Gilligan, un perfezionista tale da rimpiangere miseri dettagli all’interno di serie altrimenti perfette.

Better Call Saul forse è uno dei pochi spin-off a essere riuscito a tenere botta rispetto alla serie madre, quasi eguagliandone i ratings. Però, appunto, Bon Odenkirk non è solo Saul Goodman e per quanto la serie abbia avuto l’indubbio merito di farlo conoscere al vasto pubblico, non sarebbe giusto ridurlo solo a questo. Pochi sanno, infatti, che Bob Odenkirk è stato anche un prolifico scrittore di programmi nonché produttore oltre che attore. Tuffiamoci quindi nella sua lunga, e in parte sorprendente, carriera!

Gli anni ’90: Bob Odenkirk scrittore, attore di teatro, produttore

Bob Odenkirk

Tutto inizia con il Saturday Night Live nel 1987.Bob Odenkirk inizia a scrivere per la televisione negli anni ‘80 e ‘90, il che vuole dire scrivere soprattutto per i grossi show di pubblico come appunto il Saturday Night Live. Grazie alla sua lunga amicizia con Ben Stiller (conosciuto al SNL e con il quale condivideva il camerino), Bob Odenkirk comincia anche a scrivere per il The Ben Stiller Show nel 1992. Per la sua scrittura in generale, ma soprattutto per questo show, Bob Odenkirk ottiene due Emmy Award per Outstanding Writing for a Variety Series nel 1989 e nel 1993. Per tutto il 1993 e il 1994 scrive per il Late Night with Connor O’Brian, diventando grande amico di quest’ultimo.

Proprio con Conan O’Brian e Robert Smigel si esibisce nel 1988, in uno spettacolo teatrale intitolato Happy Happy Good Show che ebbe grande successo. Questo lo porta, l’anno successivo, a esibirsi in uno show solista e a scrivere, produrre e recitare nello spettacolo Flag Burning Permitted in Lobby Only che viene poi ripreso in parte nel nuovo Saturday Night Live. Inoltre, Bob Odenkirk comincia a scrivere anche per il The Larry Sanders Show, ottenendo anche la parte ricorrente dell’agente Stevie Grant.

Successivamente, Odenkirk inizia ad apparire in televisione in piccole parti, come nel famosissimo Roseanne (conosciuto in Italia come Pappa&Ciccia). Scrive poi la serie Mr. Show insieme a David Cross, che va in onda su HBO per ben quattro stagioni e che prevede la presenza di una serie di commedianti che esploderanno successivamente, come Jack Black. La serie viene candidata agli Emmy moltissime volte e diventa un cult del genere.

Gli anni ’00: Bob Odenkirk e la televisione

Bob Odenkirk

Gli anni 2000 sanciscono in generale l’avvicinamento di Bob Odenkirk al piccolo schermo, con una lunga serie di piccoli ruoli in Joey, Curb Your Enthusiasm, Arrested Development, Entourage, Weeds e HIMYM, ma anche la scrittura di molti episodi pilota. Nel 2003 scrive e dirige Melvin Goes to Dinner che ah un ottimo successo di critica e ottiene l’Audience Award al SXSW Film e Music Festival. Dopo aver conosciuto il duo comico Tim&Eric, li aiuta a scrivere e produrre uno show semi-animato intitolato Tom goes to the Mayor e il loro secondo spettacolo Tim and Eric Awesome Show, Great Job!

Bob Odenkirk è stato addirittura considerato per il ruolo di Michael Scott in The Office fino al pilota, ma alla fine quel ruolo va all’ottimo Steve Carrell. Comunque Odenkirk ha fatto una piccola apparizione nella serie durante la stagione finale nei panni di un manager di Philadelphia molto simile a Michael Scott. Successivamente scrive la serie Let’s Go to Prison con protagonisti Dax Shepard, Chi McBride e Will Arnett e dirige The Brothers Solomon con Will Arnett e Kristen Wiig. Non solo attore, quindi, ma soprattutto scrittore e regista. Un pacchetto completo il nostro Bob Odenkirk!

Gli anni ’10: Breaking Bad e carriera cinematografica

Bob Odenkirk

Bob Odenkirk entra nel cast di Breaking Bad nel 2009 nei panni dell’avvocato corrotto Saul Goodman. Voci di corridoio affermano che il personaggio sia stato elaborato su quello che lo stesso Odenkirk scrisse per Mr. Show. L’idea iniziale era quella di coprire un arco di soli tre episodi nella seconda stagione, ma sappiamo bene come è finita. La sua performance convinse non solo Vince Gilligan ma anche lo sceneggiatore Peter Gauld che per primo aveva raccontato il personaggio a Bob Odenkirk.

Nonostante Breaking Bad comunque, Bob Odenkirk continua parallelamente la sua attività di scrittore per Adult Swim, un network americano, e per lo show di sketch The Birthday Boys. In entrambi i progetti idea e recita alcuni piccoli ruoli. Ma molto più importante è la carriera cinematografica che comincia a svilupparsi come conseguenza della sua presenza in Breaking Bad: negli stessi anni, infatti, Bob Odenkirk partecipa a Gli Incredibili 2, Piccole donne, The Post, The Disaster Artist, The Spectacular Now. Con quest’ultimo ottiene lo Special Jury Award for Acting al Sundance Festival del 2013, mentre con Nebraska ottiene una nomination per la Palma d’Oro al Film Festival di Cannes 2013.

Bob Odenkirk e Better Call Saul

E così arriviamo a Better Call Saul e a Saul Goodman che spadroneggia dal 2015. Forse pochi sanno che Bob Odenkirk è creditato come produttore della serie. Eppure ancora una volta Saul Goodman non è l’unica cosa che distingue Bob Odenkirk in questi anni: Netflix commissiona a lui e al suo ex collega scrittore David Cross una serie basata su sketch comici chiamata W/Bob and David, nella quale i due non sono solo scrittori e produttori ma anche attori. Nel frattempo che Bob Odenkirk viene nominato quattro volte per i Primetime Emmy Award for Outstanding Lead Actor in Drama Series, continua a scrivere per Netflix.

Ancora una volta, Odenkirk co-scrive, produce e recita in un film targato Netflix intitolato Girlfriend’s Day, un noir ispirato a Chinatown. Questo è un po’ un punto di arrivo importante per Bob Odenkirk, che affermò di stare aspettando di scrivere questo film da ben sedici anni! Nel 2020, con la fine di Better Call Saul vicina, Bob Odenkirk apre la sua casa di produzione chiamata Cal-Gold Pictures e firma un contratto di “prima occhiata” con la Sony Pictures Television. Lo scopo di Bob Odenkirk è quello di:

“sviluppare storie uniche, con personaggi dinamici e rilevanza sociale”.

Il primo film della casa di produzione è stato Nobody: un action thriller uscito il 26 marco 2021 che ha ottenuto 56 milioni al botteghino a fronte dei 16 per realizzarlo. Protagonisti della pellicola, oltre a Bob Odenkirk stesso, Connie Nielsen (Hippolyta in Wonder Woman), RZA e il mitico Christopher Lloyd.

Insomma, da oggi non potremmo più dire che Bob Odenkirk è solo Saul Goodman!

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Concetta Sorvillo

C'è chi vive nella realtà. E poi c'è un mondo fatto di Dottori che viaggiano nello spazio-tempo, di draghi e streghe, di piccoli paesi pieni di personaggi bizzarri, di supereroi e magia inspiegabile. Noi viviamo in questo mondo.
L'unica cosa che possiamo fare per tornare alla realtà, ogni tanto, è scriverci su.

5 cose che (forse) non sai sulla fine di Breaking Bad

10 attori che volevano interpretare un altro personaggio nella serie che li ha resi famosi