in ,

Baby 1×03 – Tutta una questione di prospettive

baby

È tutta una questione di prospettive: Baby ti fa vedere il mondo dall’alto, poi ti precipita in basso, cambiando le prospettive, giocando con le distanze e i sentimenti più diversi.

Ludo osserva la vita dall’alto delle montagne verdi che la portano a vedere tutto in un’ottica diversa, quella che le ha mostrato Fiore: un mondo di lusso, di amore, dove anche lei riesce a sentirsi amata. E anche Chiara vede tutto dall’alto: da dove l’ha portata Damiano, si trova davanti a una Roma arrendevole e caotica, in cui gli altri sono semplici formiche. E le distanze sono evidenti anche dal punto di vista del preside che, durante un litigio tra Damiano e Niccolò, prende subito posizione per quest’ultimo, senza neanche dare tempo all’altro di reagire o prepararsi una difesa.

baby

Le altezze sono vertiginose, soprattutto se le osservi da una prospettiva sbagliata, da un punto di vista dominante, come, appunto, il padre di Fabio, che è un dio prepotente e soffocante.

Questo non è amore: è semplicemente controllo.

“Odio e amo, tu forse chiedi perché lo faccia: non lo so, ma sento che succede.”

Chiara traduce Catullo, in una dicotomia concreta tra la propria vita e ciò che prova per Damiano, tra il suo senso di amicizia verso Camilla e la sua relazione segreta con Niccolò.

Odio e amo: non c’è niente di più controverso, di più definito, di più reale per comprendere questo episodio di Baby.

Damiano, anti-eroe con molte macchie e molta paura, cerca di aprirsi a Fabio, a Chiara, a qualcuno che sia in grado di ascoltare.

Perché, in fondo, questo è il grande nodo da sciogliere in Baby: nessuno sta a sentire, nessuno ascolta, nessuno sa prendersi il tempo per aspettare, nemmeno Damiano che sbircia una conversazione tra Chiara e Niccolò, travisandone del tutto il senso.

È una prospettiva anche la gara di corsa tra Chiara e Camilla. Mentre un ignoto teppista distrugge lo studio del preside, Chiara distrugge Camilla e la supera, la distacca e vince: nella vita di tutti i giorni, anche la principessa dei Parioli può subire una sconfitta.

Il rapporto tra le due è sbilanciato, perché inconsapevolmente Camilla guarda Chiara dall’alto verso il basso e non importa che abbia vinto la gara, perché Camilla sarà sempre più intelligente, “più” perfetta dell’amica: è un rapporto destinato a logorarsi e svanire nel nulla.

baby

Camilla non ammette errori, difetti o inciampi: lei non sbaglia mai, nel suo mondo perfetto tutto va secondo le sue direttive e chi sbaglia ne è fuori. 

Mentre Ludo piange disperata, Fiore le presenta Ursula e le apre un mondo tutto nuovo: Fiore ha soldi facili, ma lei non li vuole, perché non può accettare denaro per un sentimento che ritiene essere sincero.

Il vandalo della presidenza ha un nome: è Damiano. In realtà non è lui, è stato incastrato, ma non è un grosso problema, perché il papà ricco, potente, ambasciatore può intervenire e proteggere il figlio.

Parcheggiate qui i vostri figli con la pretesa che quando tornano a casa siano educati  e pronti ad affrontare quello che li aspetta là fuori, ma non è così: la scuola non può sostituirvi.

Il preside avrà pure tante colpe, ma non sbaglia nel dire queste parole.

Intanto, le lunghe mani viscide di Saverio si protraggono verso la vulnerabilissima Ludo: il tutto sotto il beneplacito di Fiore, che osserva turbato, ma non osa intervenire.

baby

Ricordiamoci che Baby non è una storia di fantasia, ma parla di fatti di cronaca vera: normalissime ragazzine di buona famiglia sono finite a prostituirsi con uomini adulti. Loro sono le vittime, loro vanno difese e protette, come non si può fare a meno di provare un senso di protezione nei confronti di Ludovica.

E anche la fragilissima Chiara ci casca dentro: va ad una festa, distrutta, in lacrime, confusa e Saverio è lì a consolarla.

Un salvatore, un protettore, un padre benevolo?

Anche in questo caso, è tutta una questione di prospettive.

Leggi anche – Baby: 1×01 – Il migliore dei mondi possibili

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

The resident

Se siete in astinenza da Grey’s Anatomy potreste consolarvi con The Resident

Fear the walking dead

Fear the Walking Dead 4×16 – Un finale degno di questa stagione