in ,

#Venerdì Vintage – 10 Cose che ti faranno capire se sei un Pacey o sei un Dawson

dawson

Dawson o Pacey? L’eterno dilemma!

Uno è biondo, l’altro moro. Uno ha un romantico nome d’altri tempi, Dawson; l’altro si chiama come un gattino (“Pacey? Qui micio! Qui bello!”). Uno Spielberg, l’altro al massimo Michael Bay e i Transformers
Insomma, i due protagonisti maschili di Dawson’s Creek sembrano essere totalmente all’opposto. E la loro diversità rappresenta il divario tra due vere e proprie categorie maschili: il mondo di divide in persone che conoscono il codice binario e persone che non lo conoscono, in addicted che amano Breaking Bad e addicted che non capiscono niente (scherzo! XD) e in uomini che assomigliano a Dawson e uomini che somigliano a Pacey.
Sono leggi matematiche.
E voi, giovanotti malati di serie tv, siete più dei registi dall’animo delicato oppure dei furbetti con la battuta sempre pronta?

1. Concludete sempre il contrattodawson

Si parla in termini sessuali, è ovvio. Già, perché sia Dawson che Pacey piacciono (per qualche sconosciuto motivo) a tante ragazze, ma mentre il primo ha il vizio di asfissiare l’aspirante partner con chiacchiere e pseudo drammi esistenziali fino a farle passare qualsiasi desiderio di appartarsi in angoli oscuri a fare le cosacce… Beh, il secondo tende ad andare subito al sodo: una pizza, quattro risate e via, a letto!
Perciò signori, guardate con onestà alla vostra vita sentimentale: se non avete mai visto la cicatrice dell’appendicite sul corpo delle donne che frequentate, però in compenso le avete aiutate a laurearsi con lode in psicologia, sapete cosa pensare.

Written by Elisa Costa

Sono studentessa di Scienze della Musica e dello Spettacolo.
Le mie più grandi passioni sono la scrittura e (ovviamente!) le serie tv.
Finora ho pubblicato tre libri, e il mio grande sogno sarebbe trovare un lavoro nel mondo dell'arte, in tutte le sue declinazioni!

Serie Tv anni ottanta

#VenerdìVintage – 5 Serie Tv che guardavi con tua nonna

Bob Kelso

#VenerdìVintage – Bob Kelso, l’infamia di un ruolo