in

10 Serie Tv ‘gioiellino nascosto’ che puoi recuperare in un weekend

serie tv

Amiamo i lunghi racconti, è più forte di noi. Con il desiderio di catapultarci in un nuovo mondo iniziamo serie su serie, pronti a scoprirne ogni più piccola sfumatura. Non è sempre così, però. Perché si sa, incominciare una serie tv, specie se lunga, è un impegno; bisogna dedicarcisi con passione e soprattutto tempo, i fan di Lost e non solo loro ne sono testimoni.

A volte abbiamo semplicemente voglia di guardare una serie tv, appassionarcene, giusto il tempo di un weekend o meno: poche puntate, poche ore di trasmissione.

Di brevi show di qualità è pieno il mondo, ed alcuni di essi sono proprio dei gioiellini nascosti. Poche puntate ma assolutamente valide, a tal punto da renderci malinconici una volta finite.

In questa classifica vi proponiamo ben 10 serie tv che rispondono a queste richieste: impossibile non trovare il proprio microcosmo in cui buttarsi uno di questi weekend.

Cominciamo:

1) Fleabag

Cominciamo con Fleabag, che è l’unica serie di questa lista a essere si un gioiellino ma ormai non più tanto nascosto, data la popolarità che questa serie ha raggiunto e ampiamente meritato2 stagioni, 12 episodi, 5 ore. Ecco il tempo necessario per vedere Fleabag. Una dark comedy emozionante, ironica e dannatamente vera. Phoebe Waller-Bridge è Fleabag, una trentenne a pezzi senza alcuna ambizione, instabile e arrabbiata . << Un monologo travolgente di una giovane donna che cerca di dare un senso alla sua sessualità, alle sue relazioni e a se stessa>>.

Per la nostra protagonista il sesso è la risposta a ogni frustrazione familiare e personale, un malcontento che però ha radici molto più profonde e dolorose, non affatto riconducibili a quella che superficialmente appare come una disperata ricerca di attenzioni. Un dramma moderno di una donna sagace e pungente. Fleabag infrange la quarta parete interpellando gli stessi spettatori, rendendoci così partecipi di un dolore collettivo, all’indomani di un trauma che ci verrà svelato poco per volta.

2) One Mississippi

one mississippi

Probabilmente sconosciuta ai più, questa serie tv creata da e con la celebre stand-up comedian Tig Notaro, si offre come uno speciale racconto semi autobiografico. Commovente e allo stesso tempo molto divertente.

Tig Bavaro, la nostra protagonista, dopo aver avuto un cancro al seno si ritrova a dover far ritorno nella sua città natale per poter accudire la madre ormai morente. Con una trama del genere nessuno si aspetterebbe mai di ridere, eppure One Mississippi dimostra il contrario. Una dark comedy intima che racconta l’annus horribilis vissuto dalla comica nel 2012.

La serie sente forte l’influenza dell’ executive producer Louis C.K., il quale ha raccontato di aver deciso di produrre questa serie dopo aver assistito a uno show dell’attrice nell’agosto 2012, dove esordiva dicendo: ‘Hello. I have a cancer. How are you?’.

La storia di Tig Notaro, sopravvissuta al cancro e ai soprusi della sua famiglia è qui raccontata dalla stessa con delicatezza e mordace ironia.

3) Plan Coeur

Serie Tv

Cosa succede se due amiche, vedendoti triste dopo la rottura definitiva con l’ex storico, decidono di assumere un gigolò a tua insaputa per risollevarti il morale?

Lo scopriamo con la serie tv francese Plan Coeur e in sole quattordici puntate.

Questa comedy francese snocciola un tema abusato in un modo tutto suo, lasciandosi alle spalle le banalità e le scontatezze.

Come reagirà Elsa (Zita Hanrot) all’improvviso interessamento da parte di un modello? Scoprirà il complotto che l’ha resa protagonista a sua insaputa? L’unico modo per rispondere a queste domande è guardare Plan Coeur, presente sul catalogo Netflix dal 7 dicembre 2018, e in appena quattro ore avrete tutte le risposte.

4) Flaked

flaked Serie Tv

Ideata da e con Will Arnet, Flaked è la risposta a chi non sa cosa guardare dopo aver amato Californication.

Chip è un quarantenne single di Venice Beach, annoiato da se stesso e dalla sua vita, un uomo che si nasconde dietro la versione che ha scelto di mostrare al mondo per paura di svelare le sue fragilità.

Ogni giorno è sempre uguale all’altro; senza meta girovaga per la bellissima Venice in cerca di ispirazioni, fin quando non incontra London, una giovane ragazza tormentata da qualcosa, in perenne fuga. Dall’incontro dei due altalenanti personaggi nascerà qualcosa, una strana alchimia che trova la sua culla in quel dolore condiviso.

5) Chewing Gum

chewing gum Serie Tv

Questa serie tv made in UK, incentrata sulla vita di Tracey Gordon, interpretata da Michaela Coen, non può assolutamente mancare nel vostro repertorio di comedy.

Chewing gum, più di altre note serie, fa veramente ridere.

In sole due stagioni conosciamo la nostra Tracey, repressa e desideriosa di nuove avventure, e la vediamo barcamenarsi tra il giudizio di sua madre, una fervente cattolica, e la sua brama di rivalsa.

Avete 5 ore a disposizione e volete sbellicarvi? Sapete cosa fare.

6) Derry Girls

derry girls Serie Tv

Ci troviamo nel 1990, nell’Irlanda del nord, con un gruppo di quattro ragazze e un ragazzo, degli outsiders sboccati e goffi. Derry Girls ci catapulta in una piccola provincia e nella monotona quotidianità dei nostri protagonisti.

Una serie tv composta, per ora, da sole due stagioni; ambientata negli ultimi anni dei Troubles, gli anni del conflitto nordirlandese, spiega anche ironicamente la forte componente cattolica, discriminata in quegli anni.

Derry Girls è un divertente racconto dal punto di vista di cinque reietti irlandesi che le provano tutte per raggirare e sfruttare ogni situazione per loro tornaconto, non senza inciampare in buffi esiti.

7) Great News

Serie Tv

Nella redazione del ‘The Breakdown’ lavora una giovane produttrice di nome Katie (Briga Heelan) e sua madre Carol (Andrea Martin), quest’ultima da poco assunta come stagista ultrasessantenne.

Così inizia la vicenda di Great News, una serie tv dove si sente preponderante il tocco di Tina Fey qui sia nel ruolo di attrice nella seconda stagione, che di quello di produttrice.

Nei 22 minuti di ogni episodio, ritroviamo ironia e leggerezza. Una serie poco cervellotica di puro intrattenimento formato sitcom. Uno show perfetto per chi vuole ridere e staccare la spina dalla stressante quotidianità per qualche ora.

8) She’s Gotta Have It

Serie Tv

She’s Gotta Have It è una serie tv creata da Spike Lee, e con questo avrei già finito di elencarvi i motivi per i quali guardare questa avvincente comedy.

Se ancora non vi avessi convinto, vi dico che questo show è basato sul film del 1986 ‘Lola Darling’, diretto e interpretato da Spike Lee. Ed è proprio Nola Darling, nel 2017, la protagonista di questa serie imperdibile.

Ci troviamo a Brooklyn. Nola è una pittrice di talento che vive liberamente la propria sessualità dividendosi tra i suoi tre amanti, diversissimi l’uno dall’altro, decisa a non voler sottostare alle imposizioni e agli stereotipi che le vengono affidati. Sullo sfondo della vita di quartiere, Nola afferma se stessa e la sua libertà combattendo per l’emancipazione femminile e la sua libertà di pensiero.

9) The Letdown

Serie Tv the letdown

Questa serie tv australiana affronta come poche le avventure e le disavventure della maternità, ponendoci al centro il punto di vista di Audrey, interpretata da Alison Bell.

Realistica ed esilarante, ci catapulta in un gruppo di sostegno per neogenitori, tra persone bizzarre e alle prese con continue e numerose sfide giornaliere. A tratti commovente, The Letdown sa cogliere piccoli attimi di profonda bellezza, parlando della maternità in modo non convenzionale.

7 puntate, per una serie tv di tre ore e mezza: siete pronti a diventare genitori?

10) Final Space

Final Space

Eccoci alla fine delle nostre proposte, ed eccoci finalmente di fronte a una serie animata. Final Space non ha avuto il successo sperato, ma non per questo è uno show meno degno di nota.

La serie si propone come un festival del citazionismo del mondo fantascientifico, ispirandosi, tra tutte, a Guardiani della Galassia. Divertente ma anche emozionante, attraversa diversi temi quali il rapporto padre-figlio o anche semplicemente l’amicizia vera.

In sole 36 puntate (brevi), potrete ridere e commuovervi delle vicende del vanesio astronauta Gary, relegato su una navicella spaziale da ben 5 anni.

Ora basta decidere la serie tv che più riflette i vostri gusti, trovare un bel divano comodo e prepararsi al weekend!

Scritto da Claudia Balmamori

Ho finito Netflix.

Living With Yourself

Living With Yourself avrebbe meritato una seconda stagione?

Come finisce Un medico in famiglia?