The Crown

Voto 8/10
Genere: Storico, Drammatico - Stagioni: 3
Durata Media Episodio: 47-61 minuti
Ideatore/Creatore della Serie: Peter Morgan
Data di uscita: 4 novembre 2016
Trailer
Trama
The Crown racconta la storia della regina Elisabetta II dal 1947 ai giorni nostri. In particolare, la prima stagione copre gli anni che vanno dal matrimonio tra Elisabetta e Filippo di Edimburgo, fino allo scoppio della crisi di Suez nel 1956. La seconda stagione prosegue la narrazione cronologica degli eventi, comprendente anche lo lo scandalo Profumo, fino al marzo 1964, anno di nascita del principe Edoardo, ultimo figlio di Elisabetta e Filippo. La terza stagione narra gli eventi che vanno dall'elezione di Harold Wilson alla carica di primo ministro, nell'autunno 1964, al giubileo per celebrare i venticinque anni dall'ascesa al trono di Elisabetta II nel 1977, trattando nello specifico del matrimonio in continua crisi fra la principessa Margaret e Antony Armstrong-Jones e delle prime storie amorose del principe Carlo. Esordisce il 4 novembre 2016 sulla piattaforma streaming più famosa del mondo e ben presto si è conquistata il podio tra le serie più viste su Netflix, nonchè tra quelle con la votazione più alta degli ultimi anni (l'aggregatore di recensioni IMDb attribuisce alla serie una votazione di 8.7/10). The Crown racconta gran parte della vita della Regina Elisabetta II a partire dal 1947. Si compone, ad oggi, di tre stagioni che alla fine diventeranno cinque (come annunciato da Morgan nel gennaio 2020). La serie si caratterizza, inoltre, per una tendenziale e periodica rivoluzione di cast, a causa del lungo periodo di tempo che copre, perciò ogni personaggio principale ha due attori diversi per interpretarlo.


Descrizione

The Crown, creata da Peter Morgan per Netflix a partire dal 2016, è una delle serie tv storico-drammatiche più apprezzate del panorama televisivo mondiale. Esordisce il 4 novembre 2016 sulla piattaforma streaming più famosa del mondo e ben presto si è conquistata il podio tra le serie più viste su Netflix, nonchè tra quelle con la votazione più alta degli ultimi anni (l’aggregatore di recensioni IMDb attribuisce alla serie una votazione di 8.7/10). The Crown racconta gran parte della vita della Regina Elisabetta II a partire dal 1947. Si compone, ad oggi, di tre stagioni che alla fine diventeranno cinque (come annunciato da Morgan nel gennaio 2020). La serie si caratterizza, inoltre, per una tendenziale e periodica rivoluzione di cast, a causa del lungo periodo di tempo che copre, perciò ogni personaggio principale ha due attori diversi per interpretarlo.

Peter Morgan cominciò a pianificare una serie incentrata sulla famiglia reale britannica dopo aver realizzato lo spettacolo teatrale The Audience, incentrato sugli incontri settimanali tra la regina Elisabetta e i primi ministri che si sono succeduti durante il suo regno. Il progetto iniziale di Morgan era in realtà un film incentrato sul rapporto tra la regina e Winston Churchill, ma proseguendo nella scrittura si rese conto della vastità del materiale e decise di optare per una serie televisiva. Morgan ideò la serie pensando a sei stagioni da 10 episodi, incentrate sulla vita della regina Elisabetta dal 1947 ad oggi, con l’idea di sostituire l’attrice principale ogni due stagioni. Fu nel novembre 2014 che Netflix ordinò ufficialmente la serie, dando via libera per la produzione di due stagioni. The Crown era al 2017 la serie televisiva più costosa di sempre, con un budget stimato di 130 milioni di dollari a stagione.

Nel novembre 2014 venne riportato che Claire Foy avrebbe interpretato la regina Elisabetta nei primi anni del suo regno, mentre nel maggio 2015 Vanessa Kirby entrò nel cast come interprete della principessa Margaret. John Lithgow è invece Winston Churchill.  Nella seconda stagione si uniscono al cast Matthew Goode nei panni di Antony Armstrong-Jones, I conte di Snowdon, Michael C. Hall nei panni di John Fitzgerald Kennedy e Jodi Balfour nel ruolo di Jacqueline Kennedy. Nell’ottobre 2017 venne annunciato che Olivia Colman avrebbe sostituito la Foy come interprete della regina Elisabetta nella terza e nella quarta stagione.

Nel gennaio 2018 vengono annunciate altre sostituzioni: Helena Bonham Carter e Paul Bettany avrebbero ricoperto i ruoli della principessa Margaret e del principe Filippo, andando a sostituire Vanessa Kirby e Matt Smith, tuttavia poco dopo Bettany si trovò costretto a rinunciare alla parte a causa di altri impegni, lasciando il posto a Tobias Menzies. A maggio venne confermata la presenza di Helena Bonham Carter e la quella nella terza stagione di Jason Watkins nel ruolo del primo ministro Harold Wilson. A febbraio 2020 è stato annunciato che Imelda Staunton avrebbe rimpiazzato Olivia Colman nel ruolo della regina Elisabetta per la quinta ed ultima stagione della serie. Le musiche sono del grande maestro Hans Zimmer.

The Crown racconta la storia della regina Elisabetta II dal 1947 ai giorni nostri. In particolare, la prima stagione copre gli anni che vanno dal matrimonio tra Elisabetta e Filippo di Edimburgo, fino allo scoppio della crisi di Suez nel 1956. La seconda stagione prosegue la narrazione cronologica degli eventi, comprendente anche lo lo scandalo Profumo, fino al marzo 1964, anno di nascita del principe Edoardo, ultimo figlio di Elisabetta e Filippo. La terza stagione narra gli eventi che vanno dall’elezione di Harold Wilson alla carica di primo ministro, nell’autunno 1964, al giubileo per celebrare i venticinque anni dall’ascesa al trono di Elisabetta II nel 1977, trattando nello specifico del matrimonio in continua crisi fra la principessa Margaret e Antony Armstrong-Jones e delle prime storie amorose del principe Carlo.

The Crown è stata elogiata per la sua rappresentazione di eventi, sebbene abbia occasionalmente subito critiche per l’eccessiva drammatizzazione e per alcuni eventi che non hanno una precisa relazione con l’evidenza storica. Peggy Noonan del Wall Street Journal ha commentato l’imprecisione storica della serie e ha sostenuto un’esigenza di “più verità nell’arte e nello spettacolo”. La serie ha rappresentato personaggi che erano morti prima degli eventi rappresentati, in particolare il barone Nahum che ha continuato a essere presente nella seconda stagione, quando in realtà era morto nel periodo raccontato. Il principe William di Gloucester è logicamente presente nella prima stagione, ma nella rappresentazione della terza stagione del Giubileo d’argento della Regina risulta essere morto da cinque anni.

The Crown ha accumulato numerose candidature e vittorie, in particolare ai Golden Globe e agli Emmy Awards (sia come miglior serie drammatica che come riconoscimenti verso gli attori protagonisti).

Cosa aspettarsi dalla serie
The Crown è uno dei prodotti Netflix più validi in circolazione e al netto delle critiche relative all'accuratezza storica dimostra di saper raccontare con abilità la storia della Regina Elisabetta II


F.A.Q.
1) Come mai la serie compie delle operazioni di re-cast? Il creatore Peter Morgan ha spiegato che la variazione dei periodi storici trattati necessita un cambio di cast costante. 2) È vero che la serie ha mostrato come vivi personaggio che nella realtà erano morti? Si, The Crown ha rappresentato personaggi che erano morti prima degli eventi rappresentati, in particolare il barone Nahum che ha continuato a essere presente nella seconda stagione, quando in realtà era morto nel periodo raccontato.


Programmazione
NETFLIX