in

É morto Willie Garson, addio all’attore di White Collar e Sex and The City

Il mondo della televisione viene oggi colpito da un importante lutto: è morto infatti Willie Garson, attore di Sex and The City (in cui interpretò Stanford Blatch) e White Collar (dove interpretà invece Mozzie). L’attore americano è morto a soli 57 anni, dopo aver combattuto una lunga battaglia contro il cancro che purtroppo è arrivato a ucciderlo. Nathen Garson, suo figlio adottivo, ha così salutato il padre lasciando il suo messaggio d’addio ai social, più precisamente al suo profilo Instagram:

Ti amo così tanto, papà. Riposa in pace, sono così felice che tu abbia condiviso tutte le tue avventure con me e che sia stato in grado di realizzare così tanto. Sono così orgoglioso di te. Ti amerò sempre, ma penso che sia ora che tu parta per un’avventura tutta tua. Sarai sempre con me. Ti amo più di quanto saprai mai e sono felice che tu possa essere in pace ora. Sei sempre stata la persona più forte, divertente e intelligente che abbia mai conosciuto. Sono felice che tu abbia condiviso il tuo amore con me. Non lo dimenticherò mai e non lo perderò mai.

Willie Garson era attualmente impegnato col revival di Sex and The City. I rappresentanti di HBO hanno voluto ricordare l’amato attore con queste parole:

Willie Garson era nella vita, come sullo schermo, un amico devoto e una luce brillante per tutti nel suo universo. Ha creato uno dei personaggi più amati del pantheon HBO ed è stato un membro della nostra famiglia per quasi venticinque anni. Siamo profondamente addolorati nell’apprendere della sua scomparsa e porgiamo le nostre più sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari.

Ci uniamo ai messaggi di dispiacere e solidarietà alla famiglia di Willie Garson, un attore che ha saputo lasciare il segno durante la sua lunga e prosperosa carriera a livello di film e serie televisive.

Scritto da Vincenzo Galdieri

Sostanzialmente scrivo baggianate, ma gli dò un tono talmente epico che a volte rischiano pure di sembrare cose interessanti

Sex Education: cartelloni pubblicitari a Milano considerati troppo espliciti, furia dei cittadini