Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » News » Emilia Clarke temeva il licenziamento dopo l’emorragia cerebrale: «Non avevo paura di morire»

Emilia Clarke temeva il licenziamento dopo l’emorragia cerebrale: «Non avevo paura di morire»

L’attrice britannica Emilia Clarke, che ha interpretato il ruolo di Daenerys Targaryen, la principessa che aspira a reclamare il Trono di Spade del padre e a governare i Sette Regni di Westeros per tutte le otto stagioni del popolarissimo dramma fantasy della HBO, ha recentemente fatto delle dichiarazioni riguardo il periodo sul set della serie televisiva. Dopo la prima stagione di Game of Thrones nel 2011, Clarke ha subito un’emorragia cerebrale e un’afasia che ha seriamente minacciato la sua sicurezza lavorativa nello show.

In una recente intervista per Harper’s Bazaar, la star ha parlato della sua emorragia cerebrale e degli effetti che ha avuto a livello lavorativo

L’attrice ha dichiarato che la sua preoccupazione principale non era quella di morire, anche se la patologia ha un tasso di mortalità del 33%, bensì quella di essere licenziata da Game of Thrones:


Segui il canale di Hall of Series su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaGBD713mFXxAEHUv509


“Non avevo paura di morire. Avevo paura di essere licenziata! Avevo deciso di dire a me stessa: “Questa non è una cosa che mi definirà”. Non ho mai ceduto alla sensazione che ti fa pensare “Perché io? È uno schifo”. Mi sono detta: “Devo tornare a lavorare” “.

Poco dopo la prima stagione di Game of Thrones, Clarke si stava preparando a un allenamento per alleviare lo stress delle riprese quando ha sentito un “brutto mal di testa”. Durante l’allenamento, ha avuto un improvviso collasso ed è stata trasportata d’urgenza in ospedale, dove le è stata rapidamente diagnosticata un’emorragia subaracnoidea che, in parole povere, è un’emorragia intorno al cervello. Emilia Clarke è fortunata a essere sopravvissuta, poiché questa emergenza medica provoca la morte immediata di un terzo dei pazienti.

Due anni dopo, l’attrice ha subìto un’altra emorragia cerebrale e un’operazione di routine per risolvere l’emorragia che andò male. In seguito, ha dovuto affrontare un dolore insopportabile e ha sperimentato l’afasia, un disturbo che compromette la capacità di parlare. Questo ha fatto sì che l’attrice temesse seriamente per la sua sicurezza lavorativa in Game of Thrones. Si sentiva “a pezzi” e temeva che i produttori dello show la considerassero una “persona inaffidabile” e la licenziassero.

Con determinazione e perseveranza, Clarke è riuscita a superare l’afasia e molti non ne erano a conoscenza fino al 2019, quando ha rivelato di aver subito due emorragie cerebrali potenzialmente letali. Incredibilmente, l’attrice non ha mai lasciato che i suoi problemi di salute influenzassero la sua performance in Game of Thrones, ricevendo un totale di quattro nomination agli Emmy come miglior attrice in una serie drammatica. Ora Clarke gestisce anche l’associazione di beneficenza SameYou, che aiuta i sopravvissuti a riprendersi dalle lesioni cerebrali.

Emilia Clarke contro i pregiudizi sulle produzioni col green screen: «La gente crede che non si reciti»