Vai al contenuto
Home » Lost » I 5 personaggi veramente peggiori di Lost

I 5 personaggi veramente peggiori di Lost

Lost è una serie tv prevalentemente corale, a prescindere dalla singola percezione di ogni personaggio nessuno di loro è il vero protagonista, siamo noi spettatori a scegliere chi tra i tanti personaggi a tutto tondo ci appassiona a tal punto da divenire il nostro preferito.

La grandezza di questa serie tv è stata proprio l‘aver costruito ogni personaggio con puntigliosa meticolosità, di conseguenza a distanza di anni e anni si continua incessantemente a discorrere di Charlie, Jack, Desmond, Kate ecc. come fossero vecchi amici di scuola. Sappiamo bene che, passando in rassegna i nostri compagni di classe delle superiori, ricordiamo quel ragazzino che proprio non ci stava simpatico, quello che faceva il bulletto e il nostro compagno di banco con cui abbiamo condiviso merende e ansietta preinterrogazione.

Proprio così in Lost, possiamo ricordare quei personaggi che sono come amici di lunga data e quelli che proprio non riuscivano a starci simpatici o che, semplicemente, sono stati tremendamente noiosi, come quel ragazzino che magari è stato parte della classe per un solo anno e di cui fatichiamo anche ricordare il nome.

Ecco allora i 5 personaggi veramente peggiori di Lost.

1) Walt Lloyd

lost

A prescindere dal fatto che il piccolo Walt fosse un bambino abbastanza dedito alle lagne, cercavamo di farlo entrare nelle nostre grazie perché non aveva avuto una vita semplice o, forse, perché era solo un bambino. Inoltre, capricci a parte, ci era stato presentato come un personaggio promettente.

Walt era speciale, aveva capacità fuori dal normale e misteriose sfumature inquietanti, ci aspettavamo grandi cose da quel piccolo sventurato bambino che ci incuriosiva ed elettrizzava.

Ma Lost è Lost, siamo caduti inermi in uno dei suoi tranelli, un grandissimo buco nell’acqua che ha sopito le nostre speranze di assistere a colpi di scena brillanti. È così, di lui ci rimangono impresse nient’altro che false speranze e una marea di lamentele.

2) Michael Dawson

Michael è un personaggio che, sulla carta, poteva veicolare un messaggio molto forte e importante, avrebbe dovuto rappresentare la bellezza delle seconde possibilità e la forza di un legame paterno ritrovato. Avrebbe potuto, evidentemente non lo ha fatto, ci sono poche cose su cui i fan di Lost concordano in toto e una di queste è che Michael è un personaggio davvero odioso.

Lasciando un attimo da parte il brivido irritante che ci percorre la shiena guardando la sua foto e sentendo nel cervello la sua voce che urla “WAAAALT“, cerchiamo di analizzare il personaggio sine ira et studio.

Michael si affanna a fare mille cose, ma il suo affannarsi è attivato da mero egoismo, siamo sempre sul punto di credere che prima o poi arrivi il momento della sua rivalsa, la scintilla pronta a illuminare la sua evoluzione. Anche il tentativo di riscatto con la sua morte non ci convince pienamente, forse perché non lo abbiamo mai davvero perdonato per l’assassinio di Libby. Michael è costretto a rimanere un personaggio grigio, poco simpatico e un’occasione mancata.

3) Nikki e Paulo

Lost

Di errori Lost ne ha fatti davvero tanti, ma Exposè non glielo perdoneremo mai. Non avrebbe neanche senso parlare di loro separatamente, protagonisti di una puntata indecentemente inutile e una comparsata che può essere descritta solo come irritante.

All’inizio dell’articolo ho paragonato i personaggi di Lost a vecchi compagni di classe, Nikki e Paulo si identificherebbero facilmente con quel compagno di cui a stento ricordiamo il nome, che si è limitato a infastidirti un paio di volte nel corso degli anni scolastici e che ci ha fatto piacere non rivedere mai più dopo il diploma.

4) Ana Lucia Cortez

Da donna devo ammettere che un’altra pecca di Lost è stata la caratterizzazione dei personaggi femminili, eccezion fatta per un paio di loro, sono personaggi prevalentemente piatti e francamente anche abbastanza antipatici.

Tra di loro merita un posto in questa lista Ana Lucia che probabilmente era destinata a rappresentare un esempio di donna dal temperamento incisivo e non una semplice naufraga in cerca di protezione. In realtà, anche in questo caso si tratta di un personaggio poco incisivo, ci saremmo davvero ricordati di lei se non fosse stata colpevole di aver causato la morte di Shannon? Anche se, a dire la verità, ci è dispiaciuto di più vedere la disperazione di Sayid che la morte della stessa Shannon (qui trovate la classifica dei momenti più drammatici della serie).

5) Charles Widmore

Charles Widmore

L’ombrosa figura di Charles Widmore aveva tutte le carte in regola per essere uno dei personaggi meglio caratterizzati della serie, tuttavia lo ritroviamo ai piedi di questo articolo.

È il personaggio dell’eterna attesa, striscia tra gli intrecci di Lost come un eterno agguato, ma l’agguato vero e proprio non è mai arrivato. Charles Widmore è l’incarnazione di una promessa non mantenuta, ci aspettavamo un villain coi fiocchi e ci ritroviamo con un personaggio che, oltre all’alone di mistero che lo circondava, non ci ha lasciato niente ed è rimasto per sempre nell’ingombrante ombra di Benjamin che, nel frattempo, verrà ricordato come uno dei migliori villain della storia (qui trovate il confronto tra i più terribili di Lost)

LEGGI ANCHE – Lost: i 5 buchi di trama più mastodontici