in

Fred West, il serial killer inglese che ha ispirato l’episodio di Criminal Minds

C’è un episodio nella prima stagione di Criminal Minds intitolato “Riding the Lightening” che ha per protagonisti una coppia di pluriomicidi. Marito e moglie hanno assassinato 13 ragazzine e il loro figlio di appena due anni.

Forse non tutti sanno che questa storia è tratta da un reale fatto di cronaca che ha per protagonisti Fred e Rosemary West.

Frederick Walter Stephen West nasce il 29 settembre 1941 a Bickerton Cottage, nell’Hertfordshire inglese, primo figlio dopo una serie di aborti di Walter Stephen West e Daisy Hannah Hill. La famiglia è di umili origini, con genitori iperprotettivi e ossessionati dalla disciplina.

I West si trasferiscono a Moorcourt Farm, in un cottage senza elettricità, dove, nel 1951 la madre ha già dato alle luce otto figli, di cui sei sopravvissuti. Fred rimane comunque il cocco di mamma, etichetta che gli rimarrà appiccicata addosso per tutta la vita.

I ragazzi West crescono seguendo una rigida disciplina e si dedicano ai duri lavori in fattoria.

Serie Tv Criminal minds

A scuola Fred è un bambino trasandato, lento, con la tendenza a mettersi sempre nei guai: non è un grande studente e, per quanto bravo nelle discipline manuali, resterà sempre poco istruito. Lascia la scuola a 15 anni e va a lavorare in fattoria.

La famiglia di Fred è quanto meno disfunzionale: il padre è un pedofilo dedito all’incesto e anche il giovane commette atti bestiali. Più avanti diventerà un adolescente violento a livello sessuale.

A 17 anni ha un incidente in moto a causa del quale riporta diverse ferite: resta in coma ed è costretto a usare tutori per mesi. Da questo momento in avanti è soggetto a crisi d’ira.

Nel giugno del 1961, la sorella tredicenne di Fred, Kitty, rivela alla madre di essere stata da lui ripetutamente violentata e di essere incinta. Quando viene arrestato, ammette le proprie colpe e, candidamente, chiede:

“Ma non lo fanno tutti?”

Il cocco di mamma viene difeso, appunto, dalla madre, mentre la sorella non vuole testimoniare e il caso decade. Viene però cacciato di casa e va a vivere dalla zia.

Nel 1962 sposa Catherine Bernadette Costello, detta Rena, che è già incinta di un altro uomo, un autista di autobus di origini asiatiche. La bambina, Charmaine, nasce nel marzo del 1963 e, per giustificarne l’etnia (le coppie miste all’epoca erano viste sotto una cattiva luce), affermano che Rena ha avuto un aborto e la bambina è stata adottata.

Insieme vanno a vivere nei dintorni di Glasgow.

Nasce un’altra bambina, Anna Marie, ma Fred è un padre degenere, durissimo, violento e sadico.

Nel dicembre del 1965, dopo un incidente stradale in cui uccide un bambino, la disastrata famiglia si trasferisce a Gloucester, alla quale si uniscono Isa McNeill e Anne McFall, due ragazze provenienti da ambienti di grande povertà.

Circondato da sole donne, Fred dà sfogo al proprio violento sadismo: è un uomo crudele che picchia e violenta le donne, ma che non sarebbe mai in grado di mettere al tappeto un uomo.

La moglie lo lascia e abbandona la casa, lasciando inspiegabilmente le bambine col marito. Rimane, invece, Anne McFall che ha 18 anni ed è incinta di otto mesi del bambino di Fred.

La donna scompare improvvisamente nel nulla. Viene ritrovata solo nel 1994, seppellita ai margini di un campo di grano, fatta a pezzi insieme al feto del nascituro.

Rosemary Letts incontra Fred nel 1969, quando ha solo 15 anni, alla stazione degli autobus di Cheltenham. Rose è una ragazzina attratta dalle lusinghe di Fred, non ci mette molto a cedere, seppur ostacolata dai genitori di lei.

Già incinta, si trasferisce da lui nel 1970 e insieme vanno a vivere a Gloucester, dove Rose partorisce Heather Ann.

È probabilmente proprio Rose a uccidere Charmaine, dando via alla scia di omicidi riportata in Criminal Minds.

È solo la prima di una lunga lista di vittime aggredite sessualmente, uccise e poi sepolte.

Dopo l’omicidio di Rena, Fred e Rose si sposano nel 1972, hanno una bambina di nome Mae June e, subito dopo, Rose inizia a prostituirsi.

Rose si rivela per quello che è: la degna compagna di quel mostro che è Fred. È sadica, malata di sesso, promiscua, violenta e perversa e nel 1983 ha già partorito otto figli, di cui almeno tre avuti con clienti sconosciuti.

Le vittime riconosciute sono tantissime, tutte giovani e tutte donne, esattamente come in Criminal Minds.

Nel 1992, dopo una serie di ripetute violenze alla figlia Louise, che trova la forza di confidarsi con un’amica, scattano le indagini che portano all’arresto di Fred.

Malgrado la grande varietà di prove contro i West, dopo una vita di soprusi e minacce, le figlie non riescono a testimoniare contro i genitori. Questo però non blocca le perquisizioni nella proprietà dei coniugi, dove vengono ritrovati svariati cadaveri sepolti in giardino e in diverse stanze della casa.

Questo porta anche all’arresto di Rose che, come si vede in Criminal Minds, condivide le sorti del marito.

I due finiscono in carcere dove Fred si suicida nel 1995 impiccandosi in cella. Viene cremato il 29 marzo, con solo quattro familiari presenti, senza inni e con una cerimonia che non dura più di cinque minuti.

Rose è tutt’ora in carcere e continua a sostenere la propria innocenza, malgrado tutto.

I bambini West superstiti ricevono una nuova identità che li protegge dalla orribile vicenda che li ha coinvolti e vivono in casa-famiglia.

Leggi anche – Criminal Minds: L’inizio della fine

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

reboot serie tv

Basta fare reboot!

5 curiosità su Billie Lourd, la figlia d’arte di American Horror Story