in

Britannia – Tra druidi e romani, vince David Morrissey

britAnnia

Ho dato un’occhiata a Britannia, la nuova Serie Tv targata Sky Atlantic, e sono rimasta piacevolmente colpita.

Introdotta da una sigla bislacca che di epico o storico ha poco o nulla, forse sarebbe stata più adatta a qualcosa sul genere di Vinyl. Le premesse sono quelle di una Serie cruenta, spietata, in cui, al solito, i Romani sono dipinti come dei bastardoni incalliti.

E chi è uno tra i più bastardoni del mondo delle Serie Tv?

Ma è ovvio: il Governatore di The Walking Dead, quello che non ha esitato a far fuori Andrea (e, soprattutto, il caro Hershel), interpretato da David Morrissey.

In Britannia veste i panni del valoroso e un po’ viscido Aulo Plauzio, condottiero romano che lascia casa sua per partire alla conquista di una terra impervia, ostile ed ostica: l’attuale Gran Bretagna. Come da copione, il romano è crudele, spietato, privo di scrupoli e arrogante quanto basta da essere fin da subito odioso ed affascinante insieme. È freddo, razionale e segue un codice comportamentale che, nell’immaginario collettivo di Hollywood, è quasi diventato un cliché.

britannia

In questa ottica inquadrata del mondo, in cui lui è un vincitore incontrastato, ma è anche il comandante in capo senza turbamenti e condizionamenti, fa da contraltare il popolo britannico, che, quando non è impegnato in lotte fratricide, segue un complicato rituale a metà tra il religioso e il pagano. Quest’ultimo fatto di giovani vergini che si ribattezzano in una cerimonia che è un incrocio tra i figli dei fiori a Woodstock e una serata come tante per la Manson family. Uno svitato che si cosparge il viso e il petto di qualcosa molto simile al pesto alla genovese e si getta dalle scogliere di Dover (e ha dei poteri alla mago Silvan) e una vecchia che ha le pupille così dilatate da far paura e ridere insieme.

Siamo quindi di fronte ad una dicotomia molto chiara. I Romani sono quelli concreti e cattivi, il popolo britannico quello dei rituali religiosi e della purezza spirituale. I primi si muovono nella logica della conquista, per i Britanni ci sono valori come la famiglia, la religione e via dicendo.

Per il momento, tra i Britanni non spicca ancora un personaggio preponderante. Sono un popolo che lotta contro l’invasore, quindi la loro azione è corale. Così su due piedi, io propendo per l’arciera dai capelli rossi che mi ricorda tanto Merida. Come lei è ribelle, un maschiaccio e mai sia che obbedisca agli ordini del padre. Ma siamo alla prima puntata, quindi tutto può ancora accadere.

britannia

C’è comunque anche un burbero Reietto coi superpoteri, apparentemente privo di sentimenti e un po’ stralunato, che “adotta” una giovane indifesa e disperatamente bisognosa di protezione. Anche qui abbiamo del potenziale (e qualche vago richiamo al rapporto tra Hopper e Eleven in Stranger Things).

Dall’altra parte, tra i Romani, c’è solo un capitano. Ed è il buon David Morrissey, che, come sempre, ci regala una recitazione fredda, imperiosa, convincente e odiosissima. È bravo davvero, non c’è niente da dire: arrogante e sicuro di sé, avvolto in un pellicciotto che farebbe invidia a Jon Snow, comanda, uccide e cambia le vite delle persone intorno a lui. Alcune condannandole, altre salvandole. Sa sempre cosa fare e come farlo, senza nessuna esitazione.

Lui riuscirà dove Giulio Cesare ha fallito.

È sicuro di sé, proprio come lo era Roma all’epoca: indistruttibile, intoccabile, inarrestabile. Roma arriva, vede e vince, non c’è scelta o soluzione, non importa quanti Asterix, Russell Crowe e Spartacus gli si pongano davanti. Roma è la capitale del mondo e niente e nessuno, nemmeno il ruvido popolo britannico può interrompere la sua marcia trionfale.

Almeno sulla carta…

Aulo, a modo suo, prende sotto la propria ala protettiva il giovane soldato Antonio e lo guarda come il Governatore guardava Andrea quando ormai l’aveva sgamata, dandogli uno tra i consigli più preziosi mai sentiti: quando vuoi conquistare un territorio, devi lasciare il tuo segno e, senza fare troppi giri di parole, gli consiglia di liberare gli intestini. Sono seria.

Ottimo consiglio, perché a braghe calate, il povero Antonio viene catturato da un locale con la faccia dipinta e finisce in un gruppo satanista che si fa di crack, parla strano e gli fa fare un salto nel vuoto dalla cima di una cascata. Per poi restituirlo al mondo posseduto dagli spiriti. E, poi, finisce malissimo.

Vai a fidarti del Governatore…

Comunque, Britannia promette bene: incantevoli gli scenari, bravi gli attori, avvincente (anche se a tratti un po’ sopra le righe) la storia.

Direi sia il caso di darle una chance.

Leggi anche – Britannia 1×01: Luci e ombre

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

Agents of S.H.I.E.L.D.

Agents of S.H.I.E.L.D. 5×08 – Il giorno in cui tutto ha fine

The Shape of Water

The Shape of Water – La meravigliosa favola adulta di Guillermo del Toro