Vai al contenuto
Home » Breaking Bad » 5 curiosità sul finale di Breaking Bad

5 curiosità sul finale di Breaking Bad

Considerato da molti uno dei finali migliori di sempre, l’ultimo episodio di Breaking Bad ci è rimasto nel cuore. Per quanto doloroso, infatti, sappiamo bene che l’epilogo che abbiamo avuto era praticamente l’unico realistico.

L’episodio Felina di Breaking Bad non lascia nulla al caso: ogni tassello viene rimesso al suo posto, ogni personaggio ha il suo finale, che non è affatto lieto.

Abbiamo più volte parlato di quest’innovativa serie tv, abbiamo spiegato perché secondo noi è un vero e proprio capolavoro. L’abbiamo quasi venerata. Oggi, però, vogliamo parlarvi in modo particolare dell’ultimo episodio di Breaking Bad. Quello crudo, quello che ci ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca perché, mentre lo guardavamo, sapevamo che sarebbe stato difficile trovare poi qualcosa all’altezza di Breaking Bad.

Vediamo insieme alcune curiosità su Felina.

1) BRYAN CRANSTON E AARON PAUL SCOPRONO IL “LORO” FINALE

Prima di girare l’episodio finale di Breaking Bad, i protagonisti Bryan Cranston e Aaron Paul hanno voluto incontrarsi. Hanno deciso, infatti, di scoprire insieme quale sarebbe stato l’epilogo per i loro personaggi.

Con una birra in mano e un po’ di tristezza, ci hanno lasciato questo video che ci mostra le loro reazioni nello scoprire l’ultima puntata della serie tv a cui hanno lavorato per anni.

2) FELINA

breaking bad

Il titolo dell’episodio finale è Felina, anagramma di Finale.

Quando Walter torna ad Albuquerque, inoltre, ascolta un brano musicale intitolato El Paso che narra le vicende di un uomo che, nonostante sia un ricercato, decide di tornare nella sua città per vedere la donna che ama: Felina.

Come se tutto ciò non bastasse, infine, possiamo anche scomporre la parola Felina. Ciò che ne ricaveremmo è Iron (Fe, ferro), Lithium (Li, litio) e Sodium (Na, sodio). Tre semplici parole: sangue, metanfetamina, lacrime. Breaking Bad.

3) ESISTE UN FINALE ALTERNATIVO DI BREAKING BAD CHE LO COLLEGA A MALCOLM IN THE MIDDLE

breaking bad

Per quanto mi riguarda è ancora strano pensare che il pericolosissimo Walter White e l’ingenuo Hal siano stati interpretati dallo stesso, strabiliante attore. Ciò che non tutti sanno, però, è che è stato creato un “finale alternativo” per scherzare sul passato televisivo di Bryan Cranston.

Nella clip, inserita tra i contenuti extra del cofanetto della quinta stagione di Breaking Bad, vedremo Hal che si risveglia nel cuore della notte dopo un sogno. L’uomo, molto scosso, inizia a raccontare a Lois del suo incubo.

I personaggi con cui ha avuto a che fare, infatti, erano a dir poco strani e inquietanti.

«Un tizio che non parlava e suonava un campanello” (Hector), “un altro che sembrava un poliziotto, un agente della Dea, penso che fosse mio fratello o qualcosa di simile, sembrava il tipo di ‘The Shield’ “ (Hank). Poi “Un altro ragazzino, uno sperduto, che indossava sempre i vestiti di suo fratello maggiore, e diceva sempre ‘Ehi, b…’, la b-word, usava questa parola, diceva ‘Yo, b-word, ‘yay scienza, b-word!»(Jesse)

Per parlare di sé stesso, invece, Hal dice:

«E poi c’ero io, ero rasato, avevo il pizzetto, indossavo un cappello nero, e l’unica cosa che aveva senso nel mio sogno è che indossavo ancora le mie mutande»

4) BRYAN CRANSTON SI È TATUATO IN ONORE DI BREAKING BAD

breaking bad

Dopo le riprese della quinta stagione Bryan Cranston ha deciso di farsi tatuare il logo di Breaking Bad su un dito della mano destra, affermando:

“Mi manca molto Walter White, ho fatto questo tatuaggio l’ultimo giorno di riprese e quando mi hanno chiesto: ‘Perché vuoi farlo lì se nessuno lo vedrà?’. Ho risposto che era importante che io vedessi tutte le opportunità che ho avuto e sto avendo grazie a questo show”

5) 62 EPISODI

breaking bad

Gli episodi totali di Breaking Bad sono 62. Nella tavola periodica l’elemento numero 62, per chi non ne fosse a conoscenza, è il Samario.

Il Samario è un metallo utilizzato, tra le altre cose, anche in medicina nucleare per la terapia delle metastasi nei pazienti affetti da cancro.