in

Bojack Horseman mi ha conquistata lentamente

bojack horseman

Ho iniziato a guardare Bojack Horseman con aspettative piuttosto alte, stando ai commenti positivi che leggevo. Le aspettative non sono state deluse, ma il mio innamoramento per questa Serie è stato graduale. Inizialmente si presenta come una Serie animata per adulti divertente e cinica, con personaggi misti tra esseri umani e animali antropomorfi – lo stesso protagonista è mezzo cavallo e mezzo uomo – che ci portano ad avere l’idea che la Serie sia piuttosto stramba e irreale.

Ma è solo un’impressione iniziale. Bojack Horseman si avvicina alla realtà forse più di qualsiasi altra Serie animata per adulti. Questo è forse dovuto anche a una particolarità che la rende diversa da molte altre: la Serie racconta una storia continua. Certo, non mancano salti temporali, ma gli episodi non sono auto conclusivi, e anzi spesso finiscono con un cliffhanger che viene poi ripreso nell’episodio successivo. Infatti, a differenza di altre Serie animate (per citarne una su tutte, I Simpson), ogni cambiamento che vediamo è definitivo, e a fine episodio non ritorna tutto come prima (Homer Simpson ad esempio perde il lavoro in centrale decine di volte nel corso delle stagioni, ma finisce sempre per tornare a lavorare lì).

playlist

Bojack Horseman mi ha conquistato lentamente. E verso la fine della seconda stagione, me ne sono innamorata completamente. La crescita del mio interesse per la Serie combacia con l’inizio del cambiamento più evidente: Bojack Horseman diventa un dramma a tutti gli effetti. Mentre durante la prima stagione (e parte della seconda) la Serie alterna momenti velatamente tristi a momenti divertenti – a volte mescolandoli insieme – con il passare degli episodi diventa poi sempre più cupa, fino ad arrivare alla terza stagione dove la tristezza è una costante nella vita di Bojack (e non solo).

Nella terza stagione si arriva esattamente allo scopo della Serie: essere un dramma. L’impressione è che questa Serie abbia sempre puntato ad essere più un dramma che una comedy, ma vuole farlo gradualmente. All’inizio infatti ci viene mostrato un lato più bizzarro e spensierato della Serie – forse proprio per mostrarci il cambiamento di Bojack, e le situazioni che lo hanno portato a quel punto – per arrivare poi alla vera profondità a cui Bojack Horseman punta. Una Serie che fa riflettere, che mostra il lato malinconico e triste della vita.

bojack horseman

È facile identificarsi in qualche personaggio, diversi tra loro ma con caratteristiche simili. Attraverso la vita di Bojack, del suo coinquilino Todd e degli amici e colleghi di Bojack, questa Serie non rappresenta solo – in maniera piuttosto diretta – una critica alla società, ma vuole rappresentare soprattutto la futilità della vita. Spesso ci porta a riflettere su quale sia il significato o lo scopo delle nostre vite, arrivando alla conclusione che niente ha davvero senso. Le scelte che facciamo, non sono poi così rilevanti, perché in fondo, rispetto all’immensità del tempo e alla grandezza dell’universo non siamo niente, e tutto perde importanza se pensiamo a questo. Come afferma la voce al Planetario:

Sia che siamo cavalli, gatti, umani o perfino lucertole, le nostre vite sono solo dei brevi flash in un universo che ha già più di 4 miliardi di anni.

Bojack Horseman

Una visione che potrebbe sembrare pessimista. Ma Bojack non vuole portarci alla disperazione e alla depressione, vuole farci capire che la vita è anche questo, e che ci piaccia o no dobbiamo accettarlo. Anzi, avere questa consapevolezza sembra quasi una liberazione. Infatti, come lui stesso dice a Sarah Lynn:

Non siamo spacciati. Nel grande scenario della vita siamo solo dei granellini che un giorno verranno dimenticati. Non importa cosa abbiamo fatto in passato o come verremo ricordati, quello che importa è il presente. Questo momento. Quest’unico momento spettacolare che stiamo condividendo.

Il senso è che tormentarsi per gli errori che commettiamo durante la nostra vita è inutile, perché niente avrà importanza alla fine. E per Bojack – che di errori ne ha fatti tanti – è una grande consolazione. Forse, alla fine, non conta cercare un senso universale alle nostre vite, forse a volte basta solo dare un senso a noi stessi.

Leggi anche – Perché Bojack funziona così bene?

Written by Dorotea La Donna

Vivo la mia vita un quarto di citazione filmica alla volta

Serie Tv

10 Serie Tv che hanno sprecato il budget a disposizione

Serie Tv

Le 10 Serie Tv più promettenti dell’autunno 2017