in

Ecco perché Beautiful è la serie perfetta

Beautiful

Ci sono due certezze nella vita: la morte e Beautiful. Penso non esista nessuno che non l’abbia mai vista, chi afferma il contrario solitamente mente.

Beautiful è La Soap Opera – maiuscole, in questo caso, doverose – di punta del palinsesto italo-americano sin dal 1987 e negli USA conta 7.886 puntate. Dal suo debutto ad oggi abbiamo visto di tutto, dalle guerre del Golfo alla caduta delle Twin Towers; si sono susseguiti 22 governi italiani e si sono sviluppati internet e i social network come li conosciamo attualmente. Nonostante le intemperie Beautiful sopravvive, anzi è più forte che mai.

Beautiful

Ogni tanto mi sveglio la mattina e – non avendo altro a cui pensare – mi ritrovo a riflettere sull’essenza della vita e sul perché Beautiful non sia ancora giunta al termine.

È la Serie Tv (se così possiamo definirla) più longeva mai esistita. Ha surclassato tutte le sue concorrenti tra le soap italiane – come Centovetrine caduta di recente in malora – e le telenovelas di origine iberico-portoghese.

In tutti questi anni la nostra soap preferita è riuscita a entrare nel cuore degli italiani, giovani e meno giovani. È stranamente accattivante nonostante l’intreccio sia una solfa trita e ritrita. La forza di Beautiful sta però nel riproporre i soliti intrighi ogni volta sotto un punto di vista diverso. Ti permette quindi di guardarla senza pensare, un puro passatempo. Perfetto per l’orario in cui è trasmessa: l’ora di pranzo.

Uno dei suoi punti a favore – almeno in Italia – è proprio l’orario in cui viene proposta ai telespettatori. Io personalmente detesto, mentre tento di nutrirmi, avere in sottofondo voci cadenzate che raccontano degli ultimi – tragici – avvenimenti mondiali. In un palinsesto dominato dal terrorismo mediatico Beautiful è l’unica oasi felice.

Beautiful

Non credo di essere l’unica che abbia iniziato a vederlo per questo motivo, il problema è che una volta fatto è difficile smettere.

Riesce in maniera comicamente melodrammatica a trasportarti in un mondo che nella quotidianità non ti apparterrebbe: quello dei ricconi americani, con i loro tanti vizi e le loro poche virtù che altrimenti vedremmo con il cannocchiale. In Beautiful nessuno è senza macchia o senza paura, questo ci fa sentire tutti più umani e riesce anche a insegnarci che forse i soldi – davvero – non fanno la felicità.

Generalmente, il suo essere un puro passatempo – per noi che la vediamo e per chi la scrive – rende impossibile perdere il filo del discorso. A Beautiful non importa che siano passati sei mesi dall’ultima volta in cui hai visto un televisore funzionante: ti permetterà sempre di riallacciarti agli avvenimenti. Grazie agli spiegoni riuscirai – novello pollicino – a ritrovare la retta via. Neppure vivere tra i peggiori bar di Caracas con le tecnologie più primordiali potrebbe lasciarti all’oscuro.

Beautiful

Tecnicamente parlando non è poi un prodotto così terribile. È melenso, ma non vuol dire che sia fatto male.

La fotografia, presa confidenza con i colori ovattati dallo smarmellamento a 360°, non è fastidiosa, anzi cade a pennello con il contesto. La recitazione potrebbe essere molto peggio. Non si tratta di attori alla prima esperienza – ancora devo mandare giù il quarterback di Blue Mountain State fra il cast – e in Italia ci si affida a doppiatori esperti e con una certa fama alle spalle. Diciamo che si vedono in giro prodotti di gran lunga peggiori.

E poi, giusto per non farci mancare niente, mi sembra doveroso dire che Brooke Logan si sposa ben diciannove volte. Già, diciannove.

Forse, anche usando gli stessi ingredienti di Beautiful e mettendoci nei panni del Demiurgo, non riusciremo mai a ricreare la stessa alchimia.

Mi piace pensare che, come Dorian Gray, anche questa soap ha un ritratto che invecchia al suo posto, diventa noioso e magari ha un inizio e una fine. Ci sono domande che forse non troveranno mai risposte sulla terra: l’esistenza di un dio o il senso della vita. Ma quella che in assoluto forse non sarà mai soddisfatta è: ma come c***o finisce Beautiful?

Leggi anche: Perché Paso Adelante ci piaceva così tanto

Written by Cindy Lou

Nome in codice Duchessa.

America Horror Story

American Horror Story, l’ottava stagione si preannuncia particolarmente inquietante

Doctor Who

Doctor Who 11: confermato lo speciale natalizio e molto altro!