in

5 misteri irrisolti di Taboo che dovranno per forza spiegarci nella prossima stagione

taboo

A partire da gennaio 2017 è andata in onda, su BBC One, Taboo, la miniserie in otto episodi con protagonista Tom Hardy. A giorni la produzione anglosassone approderà in Italia su Sky Atlantic, ma in molti conoscono già le vicende descritte nelle puntate della Serie, ed è dunque lecito pensare alla seconda stagione che, tra l’altro, è in lavorazione. Taboo ha nelle sue corde la caratteristica di essere una Serie Tv alquanto misteriosa, sia nello sviluppo che nella conclusione; con questo voglio dire che non è stato tutto spiegato, ma anzi ci sono numerosi misteri che sono rimasti decisamente irrisolti. Ne abbiamo individuati 5 particolarmente rilevanti.

1) Cosa è successo in Africa?

taboo

Come è noto, uno dei fili conduttori di Taboo è il continuo riferimento al fatto che James, sopravvissuto a un naufragio e considerato morto nel mondo occidentale, in realtà si è unito ad una tribù indigena in Africa, evento che lo ha trasformato in tutti i sensi, rendendolo un uomo pericoloso, selvaggio e imprevedibile. In realtà però, alcuni flash e soprattutto molte parole sono gli unici elementi che abbiamo per ricostruire questa sua esperienza, che di fatto non è mai raccontata. Ottima scelta per alimentare l’alone di mistero attorno al personaggio, ma sicuramente la seconda stagione non potrà tacere ancora al riguardo. Inoltre, nelle prime puntate si apprende che James avesse comunicato “tramite il fuoco” con il padre prossimo alla morte, e che per questo fosse stato in grado di tornare a Londra: che significa, esattamente?

Written by Alessandro Fazio

"Una vita basta a malapena per diventare bravo in una cosa, quindi devi stare bene attento a quello in cui vuoi diventare bravo" (True Detective). Seguire le passioni è la linfa vitale della mia esistenza.

Black Mirror

Black Mirror, a Londra una mostra fa rivivere “15 milioni di celebrità”: tutti i dettagli!

Orphan Black – rilasciato il trailer della quinta stagione: ECCOLO!