in

Isabelle Lightwood: una femminista 2.0

Isabelle

Eccoci al nuovo appuntamento della nostra rubrica che ci porta ad approfondire la caratterizzazione dei personaggi di Shadowhunters attraverso il libri, la serie tv e il film. Oggi è il turno di Isabelle Lightwood!

Ma chi è Isabelle?

Ogni serie tv addicted che si rispetti sa che esistono i cosiddetti personaggi badass e che la maggior parte delle donne ne è un magnifico esempio. Ma chi sono, mi chiederete?
Sono quelle donne che tengono alto lo stendardo del genere femminile, sapendo essere coraggiose, romantiche, e forti nello stesso momento. Non si fanno mettere i piedi in testa da nessuno e, molte volte, sono loro a salvare la situazione. Volete degli esempi? Regina Mills, Shelby Waytt, Amy Pond e tante altre. Quelli di voi che hanno letto sapientemente la saga di Shadowhunters sapranno che Isabelle Ligthwood è tutto ciò.

Ma non solo. È una donna bellissima che sa dimostrare che, nel mondo, anche la bellezza può essere usata come un’arma! Conosciamola insieme.

 

ISABELLE NEI LIBRI

Isabelle

 Isabelle Lightwood, classe 1991, è una giovane Shadowhunters dell’Istituto di New York. Sorella di Alec (che noi tutti ricordiamo) e di Max, è un po’ la donna di casa quando i genitori sono via. Peccato che non sappia cucinare, ma questi sono futili dettagli.
Fin dall’inizio dei libri, quando la conosciamo, veniamo a sapere di che pasta è fatta: Izzy non si fa metterei piedi in testa da nessuno. Ha uno stile tutto suo di combattimento e aiuta i suoi fratelli (Jace e Alec) nella caccia ai demoni.

Isabelle

A poco a poco scopriamo sempre di più su Isabelle. Da brava sorella sa che Alexander è innamorato del suo parabatai, ma fa di tutto per proteggerlo da chiunque potrebbe scoprirne il segret. Per questo, forse, all’inizio della nostra storia tra lei e Clary non scorre buon sangue. Le due ragazze diventeranno amiche più tardi perché Clary sentirà di poter contare sulla Shadowhunters e Izzy capirà che la ragazza ha fatto di tutto per salvare la sua famiglia e Jace.

Isabelle

La prima cosa che ci colpisce di Isabelle è il suo essere una ragazza indipendente che si difende egregiamente in un mondo in cui la forza è necessaria; per combattere un demone serve una certa dose di forza fisica e Izzy è una donna. Ma non per questo non sa come cavarsela, anzi!

La forza di Izzy è la sua bellezza, e potremmo definirla una femminista 2.0, un nuovo modo di riaffermare la potenza dell’essere donna.

La ragazza è stata più volte ferita dalle relazioni, soprattutto dopo che ha scoperto che il padre aveva una relazione extra coniugale. Da lì le sue storie d’amore sono sempre state con ragazzi che la famiglia non approvava, ma mai cose serie. Fino a Simon, che le ha fatto riscoprire la bellezza di innamorarsi sul serio. Izzy gli starà accanto anche quando dovrà affrontare il difficile passo del recupero della memoria.

Isabelle

Tutto questo dolore non le ha fatto perdere la fiducia in sé stessa e in quello che, per lei, significa essere donne in un mondo maschilista come quello degli Shadowhunters, in cui anche le ragazze devono essere un po’ maschi. Ma soprattutto non è la classica bella e senza cervello. Isabelle sa il fatto suo, è intelligente, sa cavarsela in situazioni complicate e sa essere un’ottima amica, una sorella leale e una ragazza fantastica. Lei mantiene la sua unicità, scegliendo di vestirsi in modo provocante e di farsi vedere per quella che è: una ragazza bellissima, intelligente e libera di poterlo mostrare.

Written by Lucilla Incarbone

Correntemente studiosa di Scienze del Servizio Sociale, Cattolica, Milano con una straordinaria tendenza ad iniziare Serie Tv in sessione di esami. Leggo, guardo film, mangio Pop Corn, sono una tipa da una stagione al giorno, altro che un episodio alla settimana.
E scrivo, perché tenere tutti i deliri nella testa non fa mai bene e magari possono interessare a qualcuno.
Insomma, avrei potuto avere una vita sociale.
Ma ho scelto le Serie Tv, may the force be with me.

Gomorra ha preso ritmo. E ora si salvi chi può

10 motivi per cui amiamo Frank Gallagher