in

10 serial killer reali raccontati dalle Serie Tv

serie tv

A volte anche le Serie Tv sanno essere tremendamente inquietanti, in particolar modo quando ci raccontano le vicende di uomini e donne che si “divertono” a uccidere la gente e, in alcuni casi, a utilizzare il sangue delle loro vittime o altre parti dei cadaveri in modo stravagante e disgustoso.

Se all’inquietudine provocata da queste visioni aggiungiamo il fatto che molto spesso ciò che ci viene raccontato ha origine in storie reali, le Serie Tv sanno essere incredibilmente allarmanti!

I serial killer di cui ci hanno parlato i telefilm sono davvero innumerevoli: basti pensare all’infinita lista che potremmo stilare citando soltanto American Horror Story e Criminal Minds! Oggi, dunque, vi parleremo di una piccola parte di loro: 10 serial killer reali raccontati dalle Serie Tv.

1) Ed Kemper (Mindhunter)

ed kemper serie tv

Nel secondo episodio di Mindhunter Ford intervista il serial killer Edmund Kemper, un uomo realmente esistito; la carriera criminale di Kemper iniziò quand’egli era molto giovane, con l’uccisione dei suoi nonni.

Dopo aver passato alcuni anni in un istituto ne uscì a 21 anni, convincendo gli psichiatri di essere ormai “sano di mente”. Nonostante ciò uccise numerose vittime: Kemper era solito adescare le giovani ragazze mentre facevano autostop, portandole poi in luoghi isolati per seviziarle e ucciderle. Come se tutto ciò non sia già abbastanza inquietante, c’è da dire che Edmund Kemper non si fermava con l’uccisione delle ragazze: portava i cadaveri a casa, per poi commettere atti di necrofilia su di essi e squartarli successivamente. Pare che egli abbia inoltre dichiarato di essersi addirittura cibato di una delle sue vittime.

Written by Palma Vasta

Ho sempre seguito le Serie Tv e amo scrivere. Un giorno ho pensato di unire le due cose... e ogni tanto ne esce fuori addirittura qualcosa di interessante.

Mr. Robot

Mr. Robot – L’introduzione degli universi paralleli potrebbe distruggere un capolavoro

Grey’s Anatomy

Grey’s Anatomy: recensione 14×06 “Come on Down to My Boat, Baby”