in

10 trame delle Serie Tv che avrebbero meno senso in altre nazioni

2) Boris

Serie TvCi spostiamo nella nostra bella penisola. Come poteva mancare uno dei primi esempi di eccezionalità in campo seriale? Boris è un pesciolino rosso che il regista Renè Ferretti si porta sempre dietro per compagnia e come porta fortuna. Un simbolo di una Serie che ci ha fatto morire dal ridere e al contempo riflettere su una realtà disastrosa italiana. Una realtà che la tiene inchiodata nella mediocrità senza permetterle di spiccare il volo e reggere il confronto con il resto d’europa e il colosso americano, a cui abbiamo insegnato tanto nel nostro passato.

Boris non è quindi solo un pesce rosso ma una satira e critica del cinema e della televisione italiana che tra attori raccomandati, basso budget e imposizioni produttive catapulta in un circo di mediocrità e poca ricercatezza tecnica e professionale. Renè Ferretti in cuor suo odia la sua Serie Tv “occhi del cuore” e vorrebbe fare qualcosa di meglio, ne sarà così devastato che ci proverà davvero seriamente per il suo film, il quale dopo svariati ostacoli non andrà a buon fine e si metterà l’anima in pace. In conclusione una Serie come Boris non potrebbe mai essere ambientata in un altro posto a meno che non viva le medesime condizioni professionali che vengono raccontate.

Scritto da Enrico Zicari

Non ho nulla di figo e accattivante da scrivere. Sarebbe anche inutile visto e considerato che nessuno legge mai chi scrive gli articoli. Ad ogni modo se vi piacciono le mie idee, seguitemi. Senza giri di parole, qui si parla di serie tv, sintonizzatevi e gustatevi il risultato.

Britannia

Britannia 1×06 – Il casus belli

game of thrones

Grifondoro, Tassorosso, Corvonero o Serpeverde? A quale casa appartengono i protagonisti di Game of Thrones?