in

Queste sono le 7 migliori Serie Tv femministe della Storia

3) FleabagFleabag

L’irresistibile Phoebe Waller-Bridge ci catapulta in una Serie Tv nevrotica e irresistibile. In una frenetica successione di scene assistiamo alla quotidianità di Fleabag, una ragazza londinese alle prese coi problemi di ogni giorno. Cinica e spigliata, la protagonista si lascia andare col pubblico a commenti in stile flusso di coscienza che integrano le sue storie giornaliere. A una straordinaria recitazione e mimica facciale si unisce la semplicità di una Serie mai banale e che mette in luce senza ipocrisie la realtà di una ragazza indipendente e estroversa. La tematica femminista, certo dominante, rifugge comunque da forme di estremismo da battaglia. La giovane Fleabag unisce all’arma della seduzione anche una certa comprensione per le “esigenze” maschili.

A volte criticata dalle frange più intransigenti dei movimenti per la liberazione sessuale, la Serie mette sul piatto senza fronzoli la realistica immagine di una ragazza che si barcamena tra mille problemi, e che affronta le tipiche nevrosi femminili. Risulta palese una certa critica alle posizioni più radicali del femminismo. A quell’impronta ideologica e asfissiante che priva la donna dell’essere pienamente e liberamente se stessa. Fleabag ci ricorda che il femminismo non è una dottrina ma un movimento nato per la valorizzazione della libertà femminile. Un aspetto troppo spesso trascurato e vituperato.

Written by Emanuele Di Eugenio

Esteta contemplativo (un modo elegante per dire nullafacente), vive immerso tra libri impolverati e consunti osservando il mondo da una finestra. Che sia quella dello schermo di una tv, di un pc o le pagine di un romanzo russo poco importa.

Hand of God

Hand of God – Una serie tv dannatamente umana

chuckie

Esistono 9 momenti trash anche in Sons of Anarchy: ecco quali