Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 5 buone Serie Tv costruite con un budget davvero molto basso

5 buone Serie Tv costruite con un budget davvero molto basso

Proprio come funziona per il cinema, anche per le serie tv i soldi contano. Parecchio anche. Ormai noi addicted abbiamo sviluppato una sorta di sesto senso che ci permette di individuare, più o meno, quanto denaro sia stato impiegato nella realizzazione di un prodotto televisivo. Gli indizi per capirlo sono diversi, ma con questo non vogliamo dire che una serie con un budget più alto sia migliore. Anzi, a volte capita proprio il contrario. Insomma, tanto denaro non è garanzia di successo. Proprio come poco denaro non significa automaticamente il fallimento. Volete un esempio? Per quanto sia difficile crederci, Doctor Who.
Ovviamente ci sono anche delle vie di mezzo in cui è proprio il budget troppo alto a costringere una serie a interrompere la produzione. C’è ancora qualcuno che si ricorda di Terranova?

Ci sono poi serie che, nonostante i costi ridotti, possono considerarsi degne del loro nome.

Ecco 5 buone serie tv con un budget davvero molto basso.

1) Doctor Who

Doctor Who

So a cosa state pensando e no, non è uno scherzo. Doctor Who è iniziata con un budget di produzione molto basso. Il che ha portato a diverse problematiche nella realizzazione di un serie fantascientifica come questa. In genere queste sono quelle che, assieme a quelle storiche, richiedono più finanziamenti, considerata la post-produzione e la realizzazione di costumi d’epoca. Invece,  i pochi “spiccioli” a disposizione hanno tirato fuori l’inventiva dell’intera crew che ha pensato a metodi alternativi per gli effetti speciali. È interessante analizzare la crescita del budget partendo proprio dalla primissima versione che risale al 1963. All’epoca, quando certamente i budget standard non erano alti come quelli di adesso, un episodio di Doctor Who veniva a costare appena duemila sterline. Il crescendo si nota già dagli ultimi anni della serie originale quando il budget a puntata era di 100.000 sterline. I numeri salgono ancora per la nuova serie: nel 2014 ad esempio, un episodio veniva a costare un milione.

2) Being Human

Un vampiro, un lupo mannaro e un fantasma condividono un appartamento di Bristol. No, non è una barzelletta, ma la trama di Being Human, una serie tv che risale al lontano 2009, trasmessa da BBC Three. Il cast non è di certo da sottovalutare: riconosciamo tra i protagonisti, John Mitchell (interpretato da Aidan Turner, meglio conosciuto per il suo ruolo in Poldark), George Sands (Russell Tovey, comparso anche in Quantico) e Annie Sawyer (Lenora Crichlow, che sicuramente riconoscerete come protagonista dell’episodio “Orso bianco” di Black Mirror).  Per la realizzazione di un singolo episodio della lunghezza complessiva di un’ora venivano impiegate 500.000 sterline.

3) Derek

Serie Tv

Rimanendo sempre in territorio inglese, non si può non citare una delle produzioni di Ricky Gervais. Proprio come il suo altro capolavoro, The Office, anche Derek è girata in stile di falso documentario. Il protagonista, interpretato dal comico, è un quarantanovenne che si occupa degli anziani in una casa di riposo. La serie ebbe diverso successo e venne acquistata da Netflix. Il budget disponibile per ogni episodio? 600.000 sterline. Relativamente basso. Ma bisogna ammettere che lo stile che caratterizza la semplicità delle riprese e delle location abbia avuto molto successo.

4) Misfits

Misfits

Almeno una volta nella vita tutti hanno guardato Misfits, o quantomeno ne hanno sentito parlare. Non è un segreto che la serie tv abbia raggiunto parecchio successo nonostante un budget molto limitato. Per la precisione 250.000 sterline a episodio (che sono poi diventate circa 404.191 per la quinta e ultima stagione). Senza alcun dubbio anche queste cifre sono da capogiro, ma basti pensare che per realizzare la sesta stagione di Game of Thrones sono stati investiti circa 10.000.000 dollari. I riconoscimenti per Misfits non sono mancati: nel 2010 ha vinto un premio BAFTA come miglior serie Drama.

5) It’s Always Sunny in Philadelphia

It's Always Sunny in Philadelphia

Per concludere questa lista, che fino ad ora ha dimostrato quanto gli inglesi si sappiano adattare alle risorse rese disponibili, non si poteva non parlare di It’s Always Sunny in Philadelphia. Una tra le facce conosciute della serie americana è l’attore Danny De Vito e lui stesso aveva rivelato quanto poco fosse costata la produzione dell’episodio pilota. Già con pochi fondi la serie aveva gettato delle ottime basi, poi, come spesso accade, la prima puntata è stata nuovamente realizzata con un budget più alto e si è arrivati così a 450.000 dollari per ogni episodio della prima stagione. Anche in questo caso, il successo di It’s Always Sunny in Philadelphia, con la suo comicità tipica, ha fatto aumentare il budget, che già durante le riprese della sesta stagione era salito a 1.500.000 dollari a episodio.