in ,

Romulus 1×07/1×08 – Dal nostro sangue nascerà Roma

Un re che avanza a passi lenti verso una gabbia, come uno schiavo. Uno schiavo con la schiena insanguinata che qualcuno chiama re. Una famiglia persa nell’oscurità, un popolo che cerca una casa. E quelle ultime, memorabili parole con cui si chiudono gli episodi: “Dal nostro sangue nascerà Roma”. Ma come siamo arrivati a questo punto? La settima puntata di Romulus riannoda tutti i fili. Prende le storie singole e le ributta nel calderone, lasciando che i nuovi legami trovino la strada da soli, in maniera naturale, spontanea.

C’era una volta Ulisse, che con una sola idea aveva vinto la sua guerra: il cavallo di legno nelle mura di Troia costò la guerra ai Troiani e offrì la vittoria facile agli Achei. Allo stesso modo, Eulinos il greco – che di quella tradizione è figlio – si introduce a Gabi col suo carro carico di vino. I soldati brindano e mandano giù i calici, mentre fuori, nel buio, i figli della Lupa iniziano la conquista della città. Romulus ci avverte: da questo momento in poi si scivola verso la fine della serie. Non ci sono più tentennamenti, niente giri a vuoto: la guerra si combatte qui e ora. Così vediamo due eserciti contrapporsi: da una parte i soldati di Alba guidati da Ilia, dall’altra i figli della Lupa con i soldati di Lausus, il legittimo re di Gabi dopo la morte di Ertas.

romulus

Un ex schiavo contro un’ex vestale. Due personaggi che sembravano relegati ad un ruolo di secondo piano e che invece si ritrovano a combattere, l’uno di fronte all’altra, per tracciare il destino di un’intera comunità.

Wiros ha compiuto la sua ricerca. Il ragazzino impaurito del bosco ha trovato il suo posto nel mondo ed è disposto a difenderlo con i denti e col sangue. I figli della Lupa lo hanno seguito perché ha dimostrato coraggio nel salvare la ragazza-oracolo, che infatti si rivolge a lui come depositario del volere della dea Rumia. Sembrano un esercito di zombie, sporchi e tremanti. Riemergono dal bosco col terrore di chi fuori dalla propria caverna non si sente al sicuro (“Siamo usciti dal bosco e l’oracolo è morto“). Eppure, quella moltitudine di disperati è la chiave per riportare ad Alba il suo legittimo re. E a capirlo prima di ogni altro è Silvia, la figlia di Numitor, una madre spinta all’azione dall’amore incondizionato per il figlio disperso.

Wiros non è più un orfano solo. Ha finalmente trovato la sua famiglia e ora è disposto a guidarla per conquistare anche una casa.

romulus

E mentre una famiglia si unisce, un’altra si sfalda, disgregandosi dalle fondamenta. Gala, la moglie di Amulius, è preda di una malattia terribile e sconosciuta. Forse la collera degli dèi che si scatena sul suo corpo vulnerabile e fragile. Ma un altro morbo si è abbattuto sulla casa del Re dei Trenta: quello del sospetto, della paura, dei rimorsi di coscienza che divorano fino all’ultimo barlume di lucidità. Qui la regia di Romulus è magistrale: ogni volta che la scena si sposta sulla casa di Amulius, le tonalità cromatiche cambiano, si fanno più fredde, lugubri, agghiaccianti. Gala è una donna perduta, devastata dalla malattia e dal senso di colpa. Amulius è consumato dal dolore, dalla paura, dal bisogno di essere amato. E anche Ilia sembra ormai perduta. La sua furia omicida conosce ancora qualche spazio incontaminato, ma non sembra affatto intenzionata a lasciarsi sopraffare dai sentimenti della vecchia ragazzina ormai morta e sepolta.

Gli ultimi due episodi di Romulus sono principalmente emotività. Giocano sui sentimenti e sui loro contrasti, mirano agli istinti passionali più che alla strategia e alla logica.

Ci perdiamo in riti e tradizioni che ci appaiono assurdi e ancestrali. Ci lasciamo trascinare nel cuore dell’VIII secolo a.C. ascoltando una lingua incomprensibile e guardando negli occhi la paura del divino. Sono leggi arcaiche a decretare la vita o la morte di un uomo. Ma la resa scenografica e l’impatto visivo di quel mondo sullo spettatore sono assolutamente eccezionali. Nella 1×07 e 1×08, Romulus abbonda col tono epico, in alcuni tratti persino troppo. Alcune scene sembrano un po’ forzate, ridondanti. Altre addirittura stonate rispetto allo stile della serie. Ma nel complesso, Romulus continua a funzionare. E lo fa alla grande.

Yemos è rimasto l’unico prigioniero vivo della schiera di figli di Rumia catturati da re Spurius. Si è camuffato per mesi nei boschi. Lui, il fratricida, il sovrano spodestato, è stato prima uno schiavo, poi un prigioniero, infine un guerriero libero del popolo di Rumia. Con i suoi compagni ha combattuto per una causa che non era la sua. Li ha visti morire, ha pianto per loro, ma il suo destino non è ancora compiuto. Yemos è un personaggio indecifrabile. La maggior parte del tempo la passa in silenzio, poi all’improvviso si schiera. È uno che ha molto da dire, ma che finora è rimasto in disparte, volutamente in penombra. A guardarlo si ha come la sensazione che il mondo gli sia indifferente, che la sua battaglia non l’abbia ancora combattuta. Ora però, Yemos ha altro sangue da vendicare. I fantasmi delle persone che ama lo spingono verso il suo destino.

Romulus è arrivato al capitolo finale. Da quel sangue, nascerà Roma.

LEGGI ANCHE – Romulus – Tutte le recensioni della serie Sky

Written by Serena Verrecchia

Esistono milioni di storie al mondo, preziose e inimitabili. Il nostro compito è solo quello di scovarle, portarle in superficie e imparare ad amarle.
Scrivo di serie tv per un insopprimibile desiderio di bellezza, perché nelle storie, specie in quelle belle, ho trovato il mondo che vorrei.

the mandalorian

7 pessime notizie sulle Serie Tv

Friends

Il tragico finale alternativo di Friends, con la morte di uno dei protagonisti