in

Lettera di Thomas Shelby a Grace

peaky blinders tommy grace

È notte Grace. Una silenziosa e interminabile notte. Una piccola luce illumina questo pezzo di carta che timidamente tengo tra le mani. Mani che tremano, sussultano a ogni pensiero che ho di te. Avrei voluto dirti tante cose e solo ora, dopo la tua morte, mi rendo conto che è tutto svanito, consumato dal tempo. Eppure qui, seduto su questa scrivania, la mente vaga, svuotata da ogni discorso provato, ogni parola analizzata, ogni emozione sentita.

L’averti persa è stato un imperdonabile errore. Un martellante dolore che mi logora giorno dopo giorno.

L’ultimo schiaffo di una vita che mi consuma, alla quale ho ceduto per mettermi in costante discussione. Sebbene abbia deciso io stesso di vivere così l’esistenza, la mia attuale inadeguatezza nei confronti degli affari e della gestione familiare mi attanaglia. La guerra è ancora oggi un demone che non riesco a uccidere, lo è per tutti qui. Dopo la tua morte sono in bilico e non riesco a perdonarmi.

peaky blinders tommy shelby 2x06


Non sono bastate le continue lotte di potere, fuori e dentro dai Peaky Blinders.

Non sono bastati gli italiani e neanche gli ebrei. No, la vita è una sofferenza che va vissuta in silenzio, sporcando un vecchio foglio di inchiostro, lontano da sguardi indiscreti. Non possiamo mostrarci deboli. Non posso, non devo. Sei riuscita a frantumare i muri della mia fermezza, della mia determinazione e della mia forza. Per questo mi odio.

Io mi odio Grace.

Mi odio perché dopo tanti anni hai distrutto ogni mia certezza. Dopo tanti anni mi hai reso debole, scioccamente fragile. Mi hai dato un motivo per credere che la vita potesse ancora sorprendermi. Ero accecato, vivevo un’illusione. Nel mio lavoro, nel mio ambiente, non esiste spazio per cedere alla gioia. Non esiste spazio per credere all’amore. Ho ceduto lo ammetto, e con l’amore mi son trascinato dietro il rimpianto.

Il rimpianto di non aver dimostrato di amarti e mettere prima te. Prima di qualsiasi altra cosa. L’onore della mia famiglia, I’orgoglio e il mio ruolo come leader dei Peaky Blinders sono il mio più grande rimpianto. Cinque anni Grace. Cinque dannati lunghi anni per ritrovarmi in questa situazione.Tutto questo è diabolico, una bestia che ti si aggrappa sulle spalle e ti fa sprofondare lentamente.

Peaky Blinders

Nei loro occhi ti vedo, Grace. Negli occhi di tutti.

Posso osservare il loro dispiacere, il loro malcontento, i loro dubbi sulle mie decisioni e sul mio stato fisico. Se solo mi vedessi ora, saresti spettatrice di un uomo distrutto. E adesso non so davvero cosa fare. Tuttavia ho deciso di non mentire più, né a te né a me stesso.

La verità è che l’odio non è altro che un pretesto. Un silenzioso rifugio per non ammettere a me stesso la verità. È semplicemente una maschera. Una proiezione di quello che penso nei miei riguardi. Della mia arroganza e spavalderia.

Ti ho sempre amata Grace, questa è la più grande delle verità.

Ed è con questa verità che urlo con disperazione il tuo nome. Con questa verità hai riportato in vita una parte di me, distrutta dalla guerra. Una fenice che risorge dalle ceneri. Perché in questa casa, ogni cosa è un ricordo di noi. Ogni muro, quadro, tavolo e tappeto. Questa casa siamo noi, in un mortifero dipinto che svanisce. I colori sembrano sempre più grigi e io sto perdendo lucidità, Grace. Non riesco ad affrontare come dovrei gli affari di famiglia. Sono pilotato dalla rabbia e dalla frustrazione.

Il mio freddo raziocinio brancola nel buio, lo stesso buio nel quale vivo dopo la tua scomparsa. Sei stata sfortunata a incontrarmi Grace, è la terrificante storia della mia vita. Chiunque sia vicino a me, prima o poi paga un prezzo per le mie azioni. In questo mondo crudele dove viviamo non esistono il bene e il male, la guerra me lo ha insegnato molto bene. In questa vita esistono solo il rispetto, gli affari e la famiglia, l’unica cosa realmente importante e da difendere.

peaky blinders

La famiglia. Eri parte della mia famiglia. Lo ammetto, seppur in ritardo. E mi maledico. Maledico l’esserti stato lontano per tutti questi anni. Oggi, nel buio, riesco ancora a osservare i tuoi occhi. Riesco a vederti come se fosse la prima volta. Di fronte a me sei nitida, danzi con addosso ancora quei vestiti, camicetta bianca e gilet rosso. Un tulipano, splendente e solitario.

Riesco a sentire la tua voce e tu che canti per me. Un canto meravigliosamente triste. Quelle lacrime, ieri come oggi, solcano ancora il mio viso e annacquano il mio whisky. Maledetto whisky, mi brucia in gola come un fuoco. Un implacabile incendio che mi tormenta e allieta al contempo. Non mi fa pensare, non mi fa ricordare.

Eppure è giunto il momento di ricordare. È giunto il momento di affrontarti, per l’ultima volta e da uomo.

Nostro figlio Charles assomiglia sempre più a te. È un ragazzino in gamba, combatto e combatterò sempre per lui, un giorno prenderà con fierezza il mio posto. Anche per lui ti scrivo, anche per lui ti ricordo, con un ultimo tributo.

peaky blinders

Questa sarà l’ultima notte in cui mi torturerò. Una lettera dall’America minaccia me, i Peaky Blinders e le mia famiglia. Queste poche parole sono il mio addio per te. Spero tu possa capire, solo tu ne sei in grado. Devo lasciarti alle spalle, per il bene di nostro figlio e dei nostri cari. Questo piccolo e insignificante sfogo rimarrà un segreto tra me e te, silenzioso, come le parole e i gesti che hanno caratterizzato la nostra storia.

Ti ringrazio per avermi ascoltato ancora, per l’ultima volta. Ti ringrazio per aver fatto parte della mia vita e ti ringrazio per avermi fatto dono della capacità di poter vedere il mondo con altri occhi. Poter vedere Thomas Shelby prima della guerra. Ricordarlo e ammirarlo. Lasciare dentro al mio cuore il giusto spazio che merita. Con questa consapevolezza ti ringrazio e ti lascio andare. 

Ti ringrazio, addio Grace.

Non scordatevi di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato a Peaky Blinders. Lo trovate qui.

Leggi anche – Peaky Blinders: la tristezza incurabile di Thomas Shelby

Written by Enrico Zicari

Non ho nulla di figo e accattivante da scrivere. Sarebbe anche inutile visto e considerato che nessuno legge mai chi scrive gli articoli. Ad ogni modo se vi piacciono le mie idee, seguitemi. Senza giri di parole, qui si parla di serie tv, sintonizzatevi e gustatevi il risultato.

Una statua a grandezza naturale di Vegeta è pronta a entrare nelle vostre case

one piece

One Piece – Il creatore ha dato un’indicazione decisiva sul leggendario tesoro (e sull’intero finale)