in ,

Peaky Blinders 5×01 – Il peso del crollo e l’ombra della rinascita

Da troppo tempo non eravamo testimoni della vita della famiglia Shelby. Peaky Blinders 5×01 comincia osannando il passato e invocando la rivoluzione.

La quinta stagione inizia così come iniziò l’avventura di Peaky Blinders. Red Right Hand di Nick Cave in sottofondo e Thomas Shelby che avanza piano sul suo cavallo. La stessa espressione, la stessa lenta cavalcata verso una meta sconosciuta.

Come nella prima puntata della prima stagione, anche qui Thomas si affida alla fortuna. Non al soffio di polvere rossa sul muso del suo cavallo, ma al lancio di una moneta.

Peaky Blinders 5×01 riprende dal punto in cui tutto era finito, dando vita al valzer cadenzato dell’inizio. La crisi che abbiamo cominciato a vedere nel finale della scorsa stagione diventa sempre più intensa, sempre più stressante.

Vediamo Thomas essere subito nel mezzo del caos, tra il crollo e la rinascita. Abbiamo sempre percepito questa contraddizione del protagonista, come un eterno dualismo che lo contraddistingue in ogni sua cavalcata, in ogni suo colpo di tosse.

Peaky Blinders 5x01
Peaky Blinders 5×01

Stavolta però è diverso: la crisi è quella vera, quella che tutto il mondo affronta e che Thomas sta subendo improvvisamente. Questa prima puntata è il primo passo di una nuova lotta. Quando la borsa di Wall Street crolla e i Peaky Blinders si ritrovano a dover fare i conti con la perdita di una fortuna.

Accanto alla crisi mondiale c’è la crisi della famiglia Shelby. Quella che va avanti da una vita, che tra discorsi e dissensi scava un solco profondo nella trama. Dalla puntata finale della terza stagione le cose sono cambiate drasticamente. La famiglia non è quella di una volta ma i battibecchi restano passionali come sempre. In tutto questo il potere femminile cresce e di conseguenza Linda vorrebbe la sua parte, Ma ancora una volta si trova in posizione diametralmente opposta a tutto ciò che succede nella famiglia, rimanendo la pedina sempre fuori dal gioco.

La vera introduzione alla trama della stagione in Peaky Blinders 5×01 è però la minaccia più grande. Si firmano ‘Gli Angeli della retribuzione’ e fanno leva sul potere dei Peaky Blinders che si sta affievolendo. Ovviamente tutto questo non fa che aumentare la volontà di potenza e di conquista di un Thomas Shelby sull’orlo del baratro. In una semplice frase urlata dichiara tutte le sue paranoie, quelle manifeste e quelle nascoste. Nessuno lo ascolta e sarà forse questo l’inizio della fine.

Rivediamo Grace, fantasma di un passato che non vuole andare via dalla testa di Thomas. E di nuovo si ritrova a pensare solo; alla fine non può essere altrimenti: deve risolvere la situazione e nessuno può farlo se non lui.

L’altra faccia della medaglia vede il consenso popolare dei Peaky Blinders: vengono acclamati e la loro politica riscuote grande successo. Nel frattempo però scopriamo che Ada è incinta e che come sempre nella famiglia Shelby ci sono dei segreti non detti, ma questo probabilmente non cambierà mai.

Ormai Thomas è membro del parlamento, sfrutta la sua dialettica e ne ricava guadagno. Eppure anche qui comincia a perdere fama e timore. E più i nemici perdono timore in lui e più Thomas deve rendere esplicite le sue intenzioni. Fa esattamente questo con il giudice dell’Alta Corte, e fa esattamente questo con il giornalista che rievoca ricordi di un passato infelice.

Il mondo è cambiato

Peaky Blinders 5×01 sottolinea molte volte questa espressione, come a voler dire che la quinta stagione sarà nuova, ancorata al passato ma cambiata e ancora più temibile. I Peaky Blinders sono ormai al di sopra della legge e ora le cose cambieranno davvero. Contano poco le crisi: la rinascita e la rivoluzione sono già state messe in atto e quello che accadrà da adesso in poi avrà il sapore di vendetta e di crudeltà.

Leggi anche: Peaky Blinders – Thomas Shelby diventerà un buono a tutti gli effetti

Passate anche dagli amici di Peaky Blinders Italia!

Written by Alana Santostefano

Si fa fatica a vivere la realtà quando si è capaci di sognare, si è così tanto legati all'astratto che si pensa di dover costruire cose assurde nel presente dell'esistenza unicamente per convincersi di essere vivi.
Sono una sognatrice, una di quelle che si guarda attorno e immagina un'altra vita, una di quelle che non vede l'ora di andare in un posto chiamato 'se stessi' per poter guardare lontano e immaginarsi coperti di nuvole a volare sul tempo.

Marianne - horror Netflix

Marianne: abbiamo data e trailer del nuovo horror francese di Netflix

Death-Note

Alla fine L ha barato pur di sconfiggere Light