in ,

The OA continua con i suoi assurdi misteri su Netflix

the oa

The OA è stata la sorpresa di Netflix. Non si è saputo nulla sulla serie fino al suo lancio su Netflix, il 16 dicembre 2016. La serie ha conquistato gli spettatori, ma li ha anche lasciati pieni di domande. E ora speriamo che la seconda stagione possa far luce sui quesiti irrisolti.

Netflix ha annunciato di aver rinnovato The OA per una seconda stagione. Non è però stato detto altro: nessuna data di lancio è stata attualmente annunciata.

La serie è stata creata da Brit Marling e Zal Batmanglij, che ha anche diretto tutti gli otto episodi. Intervistata sul futuro della serie, Marling ha affermato:

“Sin dall’inizio di quest’esperienza, abbiamo pensato a come costruire qualcosa che, nel corso di molte stagioni, abbia un finale soddisfacente. Quindi, c’è una conclusione. C’è una risposta ad ogni indovinello e nulla è fatto per il gusto di farlo, senza un motivo. C’è una linea ben precisa. E spero che avremo l’opportunità di dispiegarla nella sua interezza. Per quanto riguarda la seconda stagione, sappiamo già come finisce”.

the oa

The OA racconta la storia di Praire Johnson, una giovane donna cieca che torna alla sua città natia dopo sette misteriosi anni d’assenza. Ha recuperato la vista e si fa chiamare “The OA”. Gli unici a cui parla della sua scomparsa sono quattro adolescenti e il loro insegnante. Praire racconta loro la sua incredibile storia di passate identità, sequestri e viaggi trans-dimensionali, rendendoli partecipi di una missione oscura.

Praire è interpretata dall’attrice e co-creatrice Brit Marling. Nel cast anche Emory Cohen (nei panni di Homer Roberts), Scott Wilson (Abel Johnson), Phyllis Smith (Elizabeth ‘Betty’ Broderick-Allen), Alice Krige (Nancy Johnson), Brendan Meyer (Jesse) e Patrick Gibson (Steve Winchell). Jason Isaacs, famoso per il ruolo di Lucius Malfoy nei film di Harry Potter, interpreta il Dr. Hunter Aloysius “Hap” Percy.

LEGGI ANCHE – The OA: la serie più assurda del 2016!

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

Shadowhunters

Shadowhunters e il continuo avvicendarsi di romanticismo e azione

bojack horseman

BoJack Horseman: la solitudine è problema e soluzione nella terza stagione