in

Le 5 tamarrate più divertenti della terza parte de La Casa de Papel

5) Bum Bum Ciao

La palma delle tamarrate però, potremmo consegnarla a pieno merito a quella che è già diventata una scena iconica della serie. Il Bum Bum Ciao non serve alla trama. Sta lì solo per ricordarci bene chi è Palermo, ma soprattutto per divertirci. Per quell’entertainment di cui parlavamo nell’introduzione.

Un altruista seminale come Palermo fa esattamente quello per cui è stato pensato: interpretare il ruolo di un elegante misogino senza peli sulla lingua, con un grande senso dell’onore e una buona dose di squilibrio che lo rende spesso imprevedibile. Una brutta copia di Berlino, in pratica. Ma il Bum Bum Ciao è già diventato virale e sembra destinato a scalare la classifica delle hit dell’estate. Denver l’aveva detto: questa teoria fa cacare, ma ha un bel ritmo.
Helsinki se la ride, ma sarà il primo a farne le spese.

Sembra che La Casa de Papel ci abbia preso gusto a mostrare questo volto un po’ più trash e disinibito. Ma, serie tamarra o meno, è anche per queste piccole dosi di no sense che abbiamo imparato ad amarla e a sentirci parte della banda. D’altronde, chi non vorrebbe al proprio fianco un amico con l’orso disegnato sul panzone?

Leggi anche – La Casa de Papel: tutte le recensioni della terza parte

Written by Serena Verrecchia

Esistono milioni di storie al mondo, preziose e inimitabili. Il nostro compito è solo quello di scovarle, portarle in superficie e imparare ad amarle.
Scrivo di serie tv per un insopprimibile desiderio di bellezza, perché nelle storie, specie in quelle belle, ho trovato il mondo che vorrei.

Beverly Hills 90210, ci siamo! Ecco la descrizione e la sinossi del primo episodio

Lucifer – Netflix dividerà davvero l’ultima stagione in due parti?