in ,

La recensione delle puntate 3 e 4 de I Medici in dialetto fiorentino

I Medici

Martedì so’ anda’i in onda altri du’ episodi della seconda stagione de I Medici. La scorsa settimana s’era lascia’o Lorenzo a hapo della Banca de i Medici dopo la morte di su’ babbo. ‘Un se la stanno passando proprio bene, nonostante i’ matrimonio tra i’ Magnifico e la Clarice Orsini. Pe’ tirà’ innanzi, Lorenzo fa un accordo con qui’ poho di bono di Galeazzo Sforza che unn’ha i sordi pe’ ripaga’ i su’ debiti ma li trova pe’ l’arte e l’oro hommestibile… Vabbé, l’importante è che così Lorenzo avrebbe reso Firenze un centro hommerciale e hulturale di prim’ordine, oltre che pe’ tira’ l’acqua a i’ su’ mulino.

I Medici

Ora la Signoria deve solo approva’ i’ tratta’o. In qui mentre la Bianca, he un’vole un matrimonio hombina’o, scappa co’ Guglielmo e diventa sua moglie agli occhi di Dio. In sordoni, i Romeo e Giulietta (qui alcune serie che si sono ispirate alle opere di Shakespeare) in versione rinascimentale fanno all’amore. Lorenzo, pe’ protegge’ la su’ sorella e pe’ regalarle la felicità, acconsente alle nozze ma si infila in un ginepraio. Prima e fa un patto co’ Soderini dove tirà’ giù le mutande e tirà’ su la camicia. Poi s’accorda co’ Jacopo che gl’è simpatico come una palata di concio su un muro bianco. In cambio della nomina di Salviati, Jacopo acconsente a i’ matrimonio ma Guglielmo la paga cara. E viene rinnega’o da i’ su zio che gl’ha dimorto pelo sullo stomaho.

Intanto Lorenzo un n’ha i voti pe’ riuscì a ratifica’ l’accordo co’ Milano. Di quest’ aire s’arrischia di perdilo di-ttutto. Ma in Signoria tro’a un allea’o inaspettato: qui’ Francesco Pazzi che vole aiuta’ i’ fratello. Così i Medici vincono. Ma un’ finisce qui: insieme a Lorenzo, e fa’ i salti mortali pe’ impedi’ lo scoppio della guerra a Volterra. Perché a Volterra gl’ave’ano scoperto un giacimento d’allume. Siccome qui’ minerale gl’è monopolio di papa, pe’ evita’ uno scontro, Lorenzo stipula accordi co’ l’amiho volterrano Stefano Maffei.

Le macchinazioni di uno Jacopo duro home i’ muro non solo portano all’omicidio di Maffei ma anche a quella guerra che Lorenzo e Francesco un’vole’ano. Giuliano temporeggia ma, alla fine, gl’è strinto fra l’uscio e i’ muro e de’e combattere co’ le truppe.

I Medici

Lorenzo gl’è distrutto da i’ senso di colpa. Pe’ fortuna che la Clarice si rivela una preziosa allea’a. Perché la Clarice l’ha un n’è becca e bastonaha. E gl’ha combinaho i’ matrimonio tra Francesco Pazzi e Novella Foscari, una nobile veneziana, hontribuendo a prohurare a Firenze un’alleanza co’ Venezia e provohando un riavvicinamento tra Lorenzo e Francesco. Cresce così la stima di Lorenzo pe’ la su’ moglie, arrihando persino ad amarla.

Gl’è proprio vero che la Clarice l’è la degna erede di Contessina! L’ha un intelletto più fine d’un capello.

Ha affrontaho Lucrezia e Lorenzo co’ una compostezza degna di nota e si è sacrifihata pe’ i bene di su’ ingrato marito. Mette ben in chiaro che rinuncia all’amore ma non al rispetto. E la si guadagnerà entrambe le cose vai! E la rimane accanto a Lorenzo senza perde’ la su dignità! Un n’è miha come Lucrezia che gl’ha visto più soffitti lei d’un imbianchino, anche se sempre co’ i’ solito omo. Che poi, ve lo hiedete anche voi indo’ gl’è i su’ marito?

I Medici

E semo arriva’i alle considerazioni generali. Queste du’ punta’e e sono sta’e proprio belle. E gl’era l’ora che facessero vede’ un po’ della mi’ bellissima regione. Le meravigliose holline toscane e i’ borgo di Volterra so’ mostra’e in tutto i’ su’ splendore. I’ tutto viene esalta’ho dalla holonna sonora de I Medici che ci sta come i’ cacio su’ maccheroni. L’uniha cosa gl’è che quella faccia’a di’ Domo proprio la un’mi va’ giù… e gl’è dell’800, non di ‘400!

Bra’issimi tutti gli attori e bono l’intreccio narrativo di questi du’ episodi de I Medici. Si dà dimorta importanza a i’ lato romantico: ci so’ così parecchi matrimoni che I Medici gl’erano diventa’i un’agenzia di wedding planningge! I’ contenu’o storico non gl’è punto penalizzato e gl’hanno affronta’o co’ rigore dimorti temi fondamentali dell’epoha di Lorenzo: l’equilibro complihato tra gli Stati regionali italiani, la diversa visione di’ mondo tra Firenze e l’austera e rigida Roma, gli intrighi alla corte papale, ecc…

Ci so’ sta’e parecchie inesattezze storihe, ma gl’è normale considerando che I Medici gl’è una serie tv ispira’a a un libro (qui i 5 show più fedeli al libro da cui sono tratte). Non intaccano la visione realistica homplessiva che questa serie riesce a da’ di quell’epoha.

I Medici

Un’ posso conclude’ questo pezzo senza un’ non cita’ i meraviglioso fisiho di Lorenzo che unn’ha i culo che fa’ provincia. Michelangelo si de’e esse’ ispiraho a lui pe’ fa quello di David. Non che a i’ pubblico maschile sia dispiaciuto vede’ Lucrezia in qui modo! Lorenzo unn’è solo bello home i’ sole, gl’è anche simpatiho. Chi un si ricorda la filastrocca sui hetriolini?

“Cetrioli ne abbiamo

Qualcuno grande, qualcuno strano

Qualcuno mal cresciuto, qualcuno invece sano

Da afferrare stretto con la mano

E pelare piano piano

Ecco è pronto lo proviamo?

Così i giovani svezziamo”

Un’ ditemi che un’ve la sie’e fatta addosso de i’ ridere perché un ci credo! E poi, o Simonetta icché tu aspetti a gettatti nelle braccia di Giuliano? Tu hai aspetta’o fino a fine punta’a per dagli un epiho bacio. Che poi, romantiho si ma così vu vi fa’e scoprì. Vu se’e poho furbi però, anche perché un n’era proprio i’ posto giusto pe’ lasciarsi anda’ a queste effusioni. Però ammettiamolo: avremmo tutti volu’o esse’ Simonetta – o Giuliano – quando i due posa’ano pe’ i famoso quadro di Botticelli Venere e Marte”! 

I Medici

Gl’è tutto pe’ oggi. Ci vediamo alla prossima recensione dove ve ne dirò di tutti i holori! In senso positivo, ovviamente… o forse no.

Leggi anche – La recensione delle prime due puntate de I Medici in dialetto fiorentino

Written by Chiara Manetti

Amo scrivere; è la mia passione più grande. Datemi due personaggi e vi monto una storia in un baleno. Mi considero da sempre una scrittrice, anche se non ho mai pubblicato niente.
Amo le serie TV. Le ho scoperte quasi per caso ma, da quando l'ho fatto, non le ho più abbandonate. Ne divoro non so quante a settimana, al mese, all'anno.
Quindi che fare con due passioni come queste? La risposta è semplice: le ho unite. Ho fatto bene? Ovviamente. Il risultato? Beh, quello me lo dovete dire voi.

Grey's Anatomy - meredith

Grey’s Anatomy 15×06 – I fantasmi del passato ritornano sempre

Steven Yeun: «Mi sono sentito piatto e banale nei panni di Glenn di The Walking Dead»