in

Suit Up

how i met your mother

È possibile che un abito possa caratterizzare la personalità di un uomo? Probabilmente no. Per quello ci vuole un intero guardaroba e How I Met Your Mother ce lo ha insegnato.

A volte l’abito cambia il monaco.

E per Barney Stinson questa è la dura realtà. Perché dura vi starete chiedendo? Come possono esserci lati negativi nell’indossare abiti di lusso? Girare in giacca e cravatta. Vestirsi bene. Bisogna partire da dove tutto è iniziato: prima che Barney (che abbiamo analizzato a fondo qua) fosse quello che ci viene presentato nel pilot.

Perché ben prima che ci mostrassero per quel playboy tutto in tiro dalle mille donne, la personalità di Barney era completamente diversa. Un giovane che quasi rispecchiava la visione hippie del mondo: amante della musica, dei fiori. Capelli lunghi e pace. Un carattere dolce, un futuro semplice ma felice con la donna della sua vita.

How I Met Your Mother

Shannon era la luce dei suoi occhi. E quando lei decide di lasciarlo per un uomo d’affari, il cuore di Stinson va in frantumi. Lui cerca di riconquistarla registrandole un messaggio d’amore, ma all’ennesima derisione della nuova coppia scappa in lacrime.

Sarà proprio sul cammino che lo allontana fisicamente da loro che Barney si imbatte nel volantino che gli avrebbe cambiato il look… e la vita. Due parole: Suit Up!

È in quel momento che Barney cambia il proprio aspetto e il proprio atteggiamento, diventando il marpione che abbiamo imparato ad amare in How I Met Your Mother. Però perché? Perché quel restyling gli ha cambiato la vita? Perché ha scelto di continuare ad adottare quel cambio di look? Cosa gli ha realmente fatto quel Suit Up?

Le domande sono tante e le risposte ci scorrono davanti agli occhi episodio dopo episodio. Dobbiamo solo imparare a scovare le soluzioni e noi oggi siamo qui per aiutarvi a farlo.

Capiremo insieme cosa si nasconde sotto gli abiti di Barney Stinson.

playbook

Vi dice qualcosa la citazione “Nothing Suits Me Like A Suit”?

La canzone apparsa nel dodicesimo episodio della quinta stagione ha un tono scherzoso ed esagerato, ma nasconde un messaggio profondissimo. Tra qualsiasi cosa al mondo e un abito, Barney sceglierebbe un abito.

Perché innanzitutto l’abito è ciò che lo ha rialzato dopo quella depressione amorosa. La vicenda con Shannon ha distrutto emotivamente l’uomo. La voglia di vendetta verso colui che gli aveva rubato la donna è stata il motivo principale per questo cambiamento di stile. Doveva trovare un modo per farsi assumere nell’azienda del suo acerrimo nemico senza farsi riconoscere.

Il cambio di stile e l’assunzione hanno portato anche a un cambio di comportamento. Barney inizia a mostrare una maschera. Un carattere sicuro di sé, cinico, legato ai beni materiali. L’esatto opposto di ciò che era prima. Ma la farsa deve andare avanti affinché la vendetta si compia. E più continua, più questa maschera inizia a fondersi con Barney, andando ad assopire la sua vecchia personalità.

Col tempo Barney diventa l’uomo che fingeva di essere, e questo lo influenza così tanto da non riuscire più a tornare indietro. I vestiti di Barney diventano la sua armatura, grazie a essi si sente forte e sicuro di sé. Si sente credibile. Il suo abito racconta la storia di un uomo vincente, e col tempo convince anche Barney stesso.

La mente di Stinson ha creato una correlazione tra i suoi abiti e la sua personalità forte. Entrambi arrivati insieme dopo il trauma amoroso.
Barney non vuole smettere di indossare abiti perché se lo facesse nella sua testa tornerebbe l’uomo fragile che era un tempo. Colui che fu manipolato per i propri sentimenti. Barney non vuole e non può più sopportare di riaprire una ferita come quella lasciata da Shannon, e l’autoconvincersi lo aiuta.

Ogni momento è buono per gridare “Suit Up!” perché un vestito fa bene. Un vestito di lusso ti protegge dalla derisione del prossimo. Un vestito è qualcosa che lascia fuori i sentimenti inutili. È una crisalide all’interno del quale il bruco vuole diventare una farfalla.

I vestiti per lui rappresentano la felicità. Qualcosa che un tempo aveva perso e che non è più intenzionato a lasciare andare. Un sentimento di cui ha bisogno, che brama per non sentirsi solo. Perché quando è solo, nonostante ciò che indossi, sa che quello non è realmente lui.

Barney sa cosa ha perso e ha paura di aprire il proprio cuore al mondo.

Il suo botta e via con le donne è una rappresentazione di questa paura di amare e venir ferito di nuovo. Non a caso le poche relazioni serie in How I Met Your Mother lo cambieranno molto a livello umano. Perché ogni volta che riuscirà a strappare via metaforicamente un vestito, tornerà a provare per qualche attimo la felicità pura. Non quella artificiale basata sui beni materiali, ma quella che proviene dal suo cuore e dai suoi sentimenti.

Ciò che Barney non ha mai capito, però, è che la vita è sì ingiusta ma nascondere la propria personalità è sempre sbagliato. La vendetta che porta a buon fine nei confronti di chi gli ha rovinato l’esistenza non risolve nulla. Il vuoto lasciato nel cuore di Barney verrà riempito dall’amore delle quattro donne della sua vita. Nora, Quinn, Robin (qui stabiliamo la migliore) ed Ellie, sua figlia.

Non importa quanti vestiti indosserà Barney, né quanto saranno costosi. L’amore riuscirà sempre a raggiungere l’uomo nascosto nel profondo della sua personalità. Quell’uomo capace di donare mente e corpo a qualcuno. Il Barney ferito ma umano. Quello che tutti, in fondo in fondo, adoriamo vedere.

A volte l’abito cambia il monaco. Ma l’amore lo fa meglio.

Leggi anche – How I Met Your Mother: la tempesta perfetta

Written by Luca Siracusa

20 anni anagrafici, 80 percepiti. Sguardo critico ai tecnicismi e cuore di pietra; se qualcosa ha fatto piangere me, farà sicuramente crollare voi! Il membro del cast più anziano è quasi sicuramente il mio preferito, se interpreta un ruolo politicamente scorretto ancora di più.
Se mi cercate sono nel mio ufficio a mangiare muffin

la casa de papel

La classifica dei 5 peggiori villain de La Casa de Papel

westworld

5 Serie Tv che si sono fatte attendere troppo a lungo tra una stagione e l’altra