in ,

Absentia, la terza stagione di una serie che merita più di quello che riceve

Attenzione: sono presenti spoiler sulla terza stagione di Absentia

Sono ormai passati tre giorni dal rilascio su Amazon Prime della terza stagione di Absentia. Mandata in onda inizialmente su AXN, la serie ha attirato a sé consensi da pubblico e critica eppure siamo ancora a un punto morto in Italia.

Probabilmente il rilascio sulla piattaforma di Amazon potrà dare luce a un prodotto che merita sicuramente uno sguardo attento. Già dalla prima stagione (qui potete trovare le prime recensioni) ha mostrato la volontà di autori e attori di portare nella serialità moderna un tipo di originalità che attrae e sorprende. L’ambientazione è il primo fattore che risponde a questi canoni, vediamo la Bulgaria, la Romania e gli Stati Uniti, ci sembrerà persino di vedere l’Europa, ma saranno solo scene girate all’interno di edifici in Bulgaria, lì dove l’idea è nata. Lo stesso personaggio principale, Emily Byrne interpretata da Stana Katic. risulta distante da qualsiasi altro personaggio visto finora. Ex agente dell’FBI che viene rapita e torturata per anni in qualche modo riesce a scappare e viene salvata dal suo ormai ex marito. Torna in una società che non le assomiglia per nulla, né nell’aspetto, né negli ideali, diventa nemica di tutti, persino di se stessa.

Absentia

Absentia è lo sguardo, profondo e spaventato, di una donna che ha vissuto l’Inferno e che non può fare a meno di riviverlo di nuovo, in ogni missione, in ogni istante della sua vita lontana dall’FBI.

Emily Byrne è patologia e rimedio. Durante le stagioni il suo personaggio, come gli altri, evolve in maniera straordinaria. Cambia stando però sempre dalla stessa parte, è forse l’elemento che si modifica di più all’interno della serie.

Ne avevamo già parlato, di come Absentia sia nel suo piccolo, perché ancora non valorizzata abbastanza in Italia, un prodotto eccelso che merita la visione e induce alla riflessione. Racconta e rende poesia una storia che inizia da un trauma e che si costruisce pian piano su se stessa. Arriva a raccontarsi da sola, fino alla terza stagione.

Qui c’è un’evoluzione non solo dei personaggi, ma anche delle storie dei nuovi elementi che vengono introdotti. Si parla di Europa, di fiducia (non come nelle prime due stagioni) ma di qualcosa che va oltre e che guida le azioni dei personaggi. La stessa Emily Byrne lotta in maniera diversa, lo fa per la sua famiglia e per la sua vita. Così come ha detto la stessa attrice nelle dirette con parte del cast sul suo profilo Instagram.

absentia prime video

La dichiarazione d’intenti del pilot diventa altro nella terza stagione. Parliamo solo in maniera marginale del trauma di Emily, anche se avrà sempre la sua importanza nella trama, il nostro focus è su qualcosa che lega indissolubilmente tutti, dalla protagonista alla comparsa. L’idea che ne risulta di conseguenza sarà guidata dal senso di coesione e famiglia. Non c’è più solo Emily, ma il suo mondo è diventato trama con lei. Absentia con la terza stagione ha costruito un importante punto zero, Emily lotterà sempre, ma non più per se stessa, per redimersi dalla solita ingiusta accusa che si fa cadere sulle vittime, ma lotterà per l’unità degli elementi.

La scena in cui Nick e Flynn sembrano ormai essere morti è una delle conferme della sintonia che in questi anni si è creata tra pubblico e produttori. Sappiamo che non può essere vero, eppure abbiamo comunque un minimo sospetto. Fino alla scena dell’arrivederci che svela tutto e ci permette di essere in pace con tutta la stagione.

Questa terza stagione, grazie ad Amazon Prime, è stata rilasciata completamente il 17 luglio, a differenza delle precedenti due stagioni i cui episodi sono stati rilasciati uno ogni settimana. Probabilmente questa nuova opportunità di visione ci ha permesso di vedere in un continuum temporale ogni piccolo cambiamento tra una puntata e l’altra. E ne abbiamo gioito non poco.

L’attesa per la quarta stagione è già iniziata e forse toccherà aspettare anche più di un anno vista la situazione. Ma in un certo senso siamo sicuri che ne varrà la pena: Absentia è pronta a superare la prova del nove.

Leggi anche – Non solo Absentia: Amazon Prime Video: tutte le novità in arrivo nella settimana dal 13 luglio al 19 luglio

Written by Alana Santostefano

Si fa fatica a vivere la realtà quando si è capaci di sognare, si è così tanto legati all'astratto che si pensa di dover costruire cose assurde nel presente dell'esistenza unicamente per convincersi di essere vivi.
Sono una sognatrice, una di quelle che si guarda attorno e immagina un'altra vita, una di quelle che non vede l'ora di andare in un posto chiamato 'se stessi' per poter guardare lontano e immaginarsi coperti di nuvole a volare sul tempo.

La classifica dei 5 migliori gatti nella storia delle Serie Tv

Friends

L’episodio più divertente di Friends