in ,

10 motivi per amare Glee

10) La puntata The Quarterback

Glee

Il 13 luglio 2013, uno degli attori principali di Glee viene trovato morto in un hotel di Vancouver, dove stava girando un film, a seguito di un mix tra droga e alcol.

Per chi seguiva Glee, non credo di esagerare, è stato uno choc.

Non solo perché in pochi sapevano che Cory Monteith fosse ancora dipendente dalle droghe, ma perché aveva solo 31 anni, perché aveva quella faccia da bravo ragazzo senza pensieri ed era fidanzato con la protagonista, Lea Michele, portando nella vita vera una delle tante ship, forse quella più famosa.

Ho visto la 5×03 solo una volta e penso che non riuscirò mai più a riguardarla: per me Glee è finito con la morte di Corey, con la morte di Finn.

In tutto il pasticcio che la Serie diventò a partire dalla metà della quarta stagione, questa, però, è una delle puntate più sincere, delicate, sentite di tutta la Serie.

Tutto il cast gli ha reso omaggio, cantando una canzone e in tutte le esibizioni, c’era un sentimento e un trasporto che superava quello di tutte le altre precedenti e future, perché, va detto, gli attori erano prima di tutto amici.

Leggi anche – Glee: 10 cose che rischi di fare se la guardi troppo

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

Serie Tv

5 Serie Tv sconosciute di Netflix

Inhumans

Abbiamo visto in anteprima i primi due episodi di Marvel’s Inhumans: ecco la recensione!