in

Young Sheldon è molto distante da The Big Bang Theory

Young Sheldon è una Serie Tv statunitense, spin-off della più celebre The Big Bang Theory, creata da Chuck Lorre e Steven Molaro e incentrata sull’infanzia del tanto amato/odiato Sheldon Cooper.

La trama ruota, appunto, attorno alla vita del piccolo Sheldon, un bambino che non ha nulla a che vedere con i suoi coetanei: Sheldon è un piccolo genio e si ritrova, all’età di nove anni, a dover affrontare il primo giorno di liceo. Tra una madre fervente cristiana, un padre che beve un po’ troppo e due fratelli che non lo capiscono e si prendono gioco di lui, il piccolo futuro fisico teorico cresce in una famiglia molto distante da lui, ma che lo ama.

young sheldon

Quando la notizia che sarebbe stato creato uno spin-off/prequel di The Big Bang Theory è stata diffusa, probabilmente la maggior parte di noi ha storto il naso aspettandosi qualcosa di scontato e già visto; sono molto contenta di poter dire che io mi sono completamente ricreduta. Young Sheldon si discosta completamente da The Big Bang Theory per quanto riguarda trama, ambientazione, temi trattati, inquadrature e chi più ne ha più ne metta.

Il piccolo e geniale Sheldon Cooper, aiutato dalla voce narrante di Jim Parsons, ci offre un tuffo negli anni ’80, facendoci riassaporare il gusto delle classiche sit-com a sfondo familiare di quegli anni: le difficoltà tra genitori e figli, o tra fratelli, spuntano in questa nuova Serie Tv più prepotenti che mai e noi vediamo come i vari personaggi apprendono, volta per volta, quanto sono importanti l’uno per l’altro pur non sopportandosi per la maggior parte del tempo. Emblematica e anche un po’ commovente, in tal senso, la scena in cui Sheldon si toglie il guanto che è solito utilizzare durante la classica preghiera che precede il pasto per poter prendere la mano di suo padre.

Uno dei temi fondamentali in Young Sheldon è appunto il rapporto tra genitori e figli: il piccolo Sheldon è molto diverso dagli altri bambini e dai suoi fratelli, ma i suoi genitori lo amano così com’è, con tutte le sue stranezze che lo rendono un po’ insopportabile ma di certo unico. La giovane Mary Cooper (Zoe Perry, figlia di Laurie Metcalf, che interpreta lo stesso personaggio in The Big Bang Theory) non comprende pienamente i comportamenti di suo figlio: sin dalla tenera età il piccolo Sheldon si dimostra completamente devoto alla scienza e, nonostante cresca con un’educazione religiosa, si ritrova a battibeccare con il Pastore della Chiesa proprio durante la messa domenicale. Pur trovando lei stessa suo figlio leggermente “strano”, Mary Cooper fulmina con lo sguardo chiunque lo additi come “diverso” e non si fa problemi a difendere il piccolo Sheldon, che la considera la sua “cristian soldier”.

young sheldon

Young Sheldon non avrà probabilmente la stessa notorietà e lo stesso seguito di The Big Bang Theory, soprattutto se qualcuno rimarrà deluso nel constatare che non si tratta di un The Big Bang Theory con un bambino come protagonista. Nonostante ciò, questa nuova sit-com ha tutto in regola per poter diventare un successo, probabilmente una commedia drammatica con i fiocchi.

La vera domanda è: gli autori giocheranno bene le carte che hanno a disposizione?

Noi speriamo di sì!

Leggi anche: Young Sheldon 1×01 – un inizio perfetto per lo spin-off su Sheldon Cooper

Written by Palma Vasta

Ho sempre seguito le Serie Tv e amo scrivere. Un giorno ho pensato di unire le due cose... e ogni tanto ne esce fuori addirittura qualcosa di interessante.

I 10 Finali di Serie Tv preferiti dalla redazione di Hall of Series

Vikings

Vi racconto la mia storia d’amore con Vikings