in

#VenerdìVintage – Dirty Sexy Money: lo scandalo è servito

dirty

Creata da Craig Wright, già reduce del successo della serie HBO Six Feet Under, Lost e Brothers & Sisters, Dirty Sexy Money ha richiamato l’attenzione sui temi caldi della NY bene, facendo interpretare i peccati capitali al suo cast stellare, da Donald Sutherland a Jill Clayburgh, William Baldwin (Gossip Girl) e Peter Krause (Six Feet Under), Samaire Armstrong (The O.C.) e Seth Gramble (Fringe, Arrow).

Il titolo originale doveva essere The Darlings, ma Dirty Sexy Money esprime molto meglio ciò che la famiglia facoltosa rappresenta: scandali e sesso.

dirty


Nick George nello studio dei Darling

Dirty Sexy Money ha debuttato nel 2007 sulla ABC, arrivando in Italia l’anno seguente con la Fox, la serie è riuscita a sopravvivere per due stagioni, per soli 25 episodi. Drama e comedy in un mix esplosivo, fatto di battute acide vomitate da donne sull’orlo di una crisi di nervi; giovani ereditieri tutti droga e rock’n’roll; sermoni evangelici sbandierati da chi ha più figli illegittimi che fede in Dio. Questo sono i Darling, e molto di più. 

Nick George (Peter Krause) è un mediocre avvocato tutto idealismo e remore morali, e si trova invischiato nei loschi affari della famiglia perché succede al padre Dutch come avvocato di fiducia dei Darling. Nonostante lo scetticismo iniziale, regalatogli da un padre sempre assente per prendersi cura dei Darling, Nick inizia a lavorare per la famiglia risolvendo i loro guai e assecondando i loro capricci. Purtroppo, tra un arresto per possesso di sostanze stupefacenti e l’ennesima crisi depressiva della matriarca, l’avvocato scopre qualcosa di strano nell’incidente che ha causato la morte del padre: non è stato un incidente, ma un omicidio.

I nodi salienti per fare una bella serie ci sono tutti, partendo da una bella trama, seppur non originalissima, una location patinata e alla moda, i protagonisti che si sbeffeggiano a vicenda come nelle migliori famiglie. Tripp e Leatitia, moglie e marito la cui affinità è andata perdendosi tra vizi e tradimenti, hanno ben cinque figli, uno degno di reggere un intero spettacolo da solo. Il maggiore, Patrick (William Baldwin), candidato al Senato degli Stati Uniti, è un uomo in completo griffato con moglie da copertina al braccio…e amante trans nell’altra!

dirty
Karen Darling

Karen (Natalie Zea), primo amore dello stesso Nick e mai dimenticato dalla donna, si sollazza tra matrimoni lampo e rampolli da spellare, nel corso della prima stagione sta organizzando le quarte nozze; i gemelli terribili Jeremy (Seth Gabel) e Juliet (Samaire Armstrong), ormai volti noti ai serial addicted dei nostri giorni, sono una coppia di venticinquenni allo sbaraglio, tra festini e partite truccate, atteggiamenti da diva e ambizioni teatrali. Dulcis in fundo, colui che assolve i fratelli dai loro peccati, Brian (Glenn Fitzgerald), un pastore episcopale

dirty
Brian Darling

freddo e calcolatore, una persona profondamente opportunista ma molto sensibile nei confronti…del figlioletto illegittimo!

Le atmosfere patinate e gli scandali nella corte ne fanno il degno antecedente di teen drama come Gossip Girl family drama come Desperate Housewives, ma dalla sua Dirty Sex Money ha una marcia in più: riesce a trovare il perfetto equilibrio tra umorismo nero e spirito investigativo che nel precedente Six Feet Under ha riscosso un enorme successo di pubblico.

dirty
I gemelli Juliet e Jeremy

La pubblicità è stata fondamentale per questa serie, con la strizzata d’occhio palese alle disavventure dell’ereditiera più famosa, Paris Hilton, sulla cui figura è stata modellata quella della gemella Miss Snob Juliet e la sigla affidata alla regina del trash chic, Lady Gaga, il cui brano Beautiful, Dirty, Rich è stato utilizzato come spot per gli episodi, e la cantante ha anche riassemblato clip dello show in un video musicale alternativo.

Ahimè, non riusciremo mai a scoprire che fine faranno i parassiti dell’alta società a causa della cancellazione anticipata della serie. Speravo in un bell’happy ending, con Nick e Karen convolare a giuste quanto sospirate nozze, una bella elezione a sorpresa di Patrick, il dire addio a predicozzi e abiti talari di Brian e la bella vita dei gemelli sempre alla ricerca di qualcosa di eccitante. Peccato, davvero un peccato!

La serie è stata sostituita da Cashmere Mafia dell’onnipresente Darren Star, cogliendo l’eredità dei Darling e mettendo in scena un quartetto alla Sex and the City, tutto al femminile. Anche questa è stata un flop e subito cancellata con solo sette miseri episodi all’attivo.

Se vi piacciono i pettegolezzi, la cultura pop, gli intrighi e i tradimenti dell’alta società, la corruzione dei costumi che attira nel suo fagocitante abbraccio anche l’uomo più retto, allora Dirty Sexy Money fa al caso vostro. Io gli avrei dato una seconda chance, e voi?

 

Written by Francesca Solazzo

Cinema, Serie Tv, Plaid, Caminetto: la mia vita in quattro parole. Annoiata dal logorio della vita moderna, mi rifugio nei classici o nel Fantasy... ma sono quello Urban eh! Per il resto, "giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio cose…"

colin

#VenerdìVintage – Gli esordi assurdi di Colin O’Donoghue

buffy

#VenerdìVintage – Buffy l’ammazzavampiri: quando il potere è donna