in

Ecco di quali psicopatologie soffrono i personaggi di The Walking Dead

carol the walking dead

È normale che, se stai vivendo ai tempi dell’apocalisse zombie e vedi amici e parenti morire come mosche e lotti quotidianamente per la sopravvivenza, non puoi star bene con la testa e i personaggi di The Walking Dead non sono certo un’eccezione.

Mi siedo quindi nella bellissima poltrona girevole del Dr. Mari di In Treatment e psicoanalizzo i nostri eroi.

1) Negan – Delirio di onnipotenza

the walking dead negan


Negan è convinto di essere Dio: dispone della vita e della morte di tutti i suoi sottoposti, che, più che un’armata, è un gruppo di sudditi.

Non a caso, lui è i capo dei Salvatori.

Le persone, davanti a lui, si inginocchiano come davanti a un re, o a un Santo.

Lui decide chi vive e chi muore, come e fino a che punto torturare le sue vittime, cosa prendere e cosa concedere.

È il burattinaio della sua corte, che tiene le fila di fantocci disposti a tutto per compiacerlo, sottomessi dal terrore che provano nei suoi confronti.

Negan è rispettato perché temuto, non perché particolarmente autorevole, nè, tanto meno, amato.
E penso che sarà questa la sua rovina.

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

Earl

10 motivi per amare Earl Hickey

bojack

La quarta stagione di BoJack Horseman apre spiragli inaspettati di felicità