in

La classifica delle 5 puntate più divertenti di The Office

The Office
The Office

Potreste essere d’accordo o meno, ma la scienza ha parlato: The Office è la comedy tv più divertente mai stata creata.

Andata in onda per la prima volta ormai 15 anni fa, la serie tv sull’ufficio più (a)normale del mondo continua a dominare le classifiche dello streaming, attirando ogni anno nuovi fedelissimi fan. Il successo senza tempo di The Office è piuttosto semplice da spiegare e lascia poco spazio ai dubbi: è una comedy che fa ridere. Tanto. Tantissimo. Non sorridere e nemmeno sogghignare, The Office fa proprio ridere.

Tra gag esilaranti e citazioni iconiche (qui ne abbiamo raccolte dieci), la comedy sugli impiegati della Dunder Mifflin Paper Company è in grado di trasportare lo spettatore in un universo parallelo e divertentissimo. Abbiamo raccolto quelle che per noi sono le cinque puntate di The Office che fanno più ridere in assoluto, consapevoli che proprio il fatto che tanti episodi esilaranti siano stati esclusi sia l’ennesima prova della qualità incredibile della serie.

5) The Injury (2×12)

The Office

Dopo essersi infortunato grigliandosi un piede su una bistecchiera elettrica mentre dormiva nel suo letto, Michael Scott si dichiara disabile e decide che è il momento per la filiale di Scranton della Dunder Mifflin di imparare cosa voglia dire avere di una disabilità e come comportarsi con chi ne soffre.

Ovviamente ben sappiamo cosa ci aspetta quando Michael organizza una riunione di sensibilizzazione: moriremo dal ridere. Infatti il politicamente corretto e le normali consuetudini dell’interazione umana non trovano spazio nell’universo di Michael Scott, dando origine ad alcune delle più divertenti tra le battute di The Office.

4) Safety Training (3×20)

Quando Michael Scott si impunta su qualcosa non esiste niente al mondo in grado di fargli cambiare idea. Nel momento in cui decide di provare quali sono i rischi del lavoro d’ufficio, siamo ben consapevoli che ci aspettano assurde dimostrazioni e insensibili prese di posizione.

Tuttavia, Michael Scott supera ogni nostra più rosea aspettativa. Il manager, aiutato dal fedele assistente Dwight, preparerà uno dei più imbarazzanti e scorretti discorsi sulla depressione mai comparsi in televisione, con tanto di tentato suicidio e lanci di angurie. Insomma, senza alcun dubbio una delle scene più imbarazzanti di The Office, ma anche una delle più divertenti.

Menzione d’onore per la storyline secondaria di Safety Training, che vede il resto degli impiegati impegnati a fare scommesse sulle cose più improbabili, scatenando sfide senza senso e la caratteristica competitività di alcuni di loro.

3) Threat Level Midnight (7×17)

The Office

Proprio quando pensavamo che The Office non potesse più superare se stessa, ecco che la serie ci sorprende. E lo fa in grande stile.

L’episodio Threat Level Midnight prende il nome dall’omonimo film scritto, diretto e interpretato da Michael Scott, che proprio in questo episodio abbiamo la possibilità di vedere integralmente. La puntata è una delle ultime nelle quali è presente il personaggio interpretato da Steve Carell, che ancora più che nel resto della serie è qui protagonista assoluto. La trama del film Threat Level Midnight è quella di decine di film d’azione, ma l’esecuzione è in pieno stile The Office e la sintesi di questi due aspetti dà origine a una serie di scene che vi faranno ridere talmente forte da sentirvi male (provare per credere).

2) Stress Relief (5×14/15)

Oggi il fumo salverà delle vite.

Dwight Schrute

Quando una puntata inizia con una citazione simile ci sono ben pochi dubbi che quello che succederà sarà quanto meno memorabile. E infatti The Office non ci delude.

Tra fallimentari prove di evacuazione, infarti, improbabili sedute di meditazione e spettacoli di stand up comedy, il doppio episodio della quinta stagione Stress Relief si impone come un’ora di televisione comica nella sua massima realizzazione, in un susseguirsi di scene rocambolesche e decisamente assurde.

Sebbene i momenti in cui si ride a crepapelle siano diversi, due su tutti hanno reso Stress Relief uno degli episodi più divertenti di The Office: il tentativo di evacuazione antincendio con cui la puntata si apre e Michael Scott che decide di vendicarsi delle offese dei sui impiegati con un monologo a dir poco spassoso.

1) Dinner Party (4×13)

Se mai chiederete a un fan di The Office qual è il suo episodio preferito della serie, sappiate che la risposta sarà molto probabilmente “Dinner Party”.

Anomalo e oltremodo cringe persino per gli standard di Michael Scott, Dinner Party si distingue dalla maggioranza degli episodi di The Office perché ambientato quasi interamente fuori dall’ufficio, nella casa della coppia peggio assortita – e più esilarante – della storia della televisione: Michael Scott e Jan Levinson.

Dinner Party è una folle discesa nelle dinamiche di un amore tossico, di cui noi siamo testimoni privilegiati. La cena organizzata da Jan e Michael rivela fino in fondo la disfunzionalità del loro rapporto, la cui messa in scena risulta talmente comica ed efficace che gli stessi attori coinvolti delle scene hanno faticato a portare a termine le riprese dell’episodio da quanto spesso scoppiavano a ridere nel recitare le proprie battute.

Difficile descrivere la potenza umoristica del più divertente degli episodi di The Office a chi non è fan della serie, ma basterà ribadire come sia la perfetta sintesi di tutti quegli elementi che hanno reso la serie la più divertente di sempre: battute sagaci, una certa dose di imbarazzo, tempi comici perfetti e uno Steve Carell capace di far scoppiare a ridere con un semplice sguardo.

LEGGI ANCHE – The Office: cosa sarebbe successo se il protagonista fosse stato Dwight Schrute?

Written by Chiara Bresciani

Divoratrice di storie e aspirante Rory Gilmore.
Nella vita a volte guardo serie tv e a volte leggo, se mi avanza tempo studio politica e media. Mi piace dare la mia opinione quando è richiesta, ancora di più quando non lo è.

bojack horseman

Vincent Adultman è considerabile una linea comica di BoJack Horseman o è solo un personaggio triste?

Euphoria Parte 2, Jules – La Recensione: l’altro (doloroso) lato della medaglia