in

7 curiosità su Kate Siegel, il nuovo volto degli horror di Netflix

Abbiamo conosciuto Kate Siegel solo di recente, da quando ci ha stupiti con le sue interpretazioni in The Haunting of Hill House e The Haunting of Bly Manor, eppure la sua carriera da attrice ha avuto inizio prima della serie horror di Netflix. Non sappiamo perché, ma Kate ci ha incantati con il suo sguardo profondo e misterioso, con il suo talento unico e con la sua versatilità. Ha vestito i panni di personaggi molto diversi tra loro e a ciascuno di essi ha saputo dare un tocco di originalità.

Di recente, l’attrice statunitense è tornata su Netflix con un ruolo da protagonista in Midnight Mass una storia di dannati e falsi dei in cui emerge ancora una volta la sua passione per il genere horror. The Haunting of e Midnight Mass la consacrano definitivamente come il nuovo volto per i prodotti di questo genere distribuiti dal colosso di streaming. In attesa di nuovi titoli n cui rivederla, non ci resta che curiosare nella sua vita al di fuori dei set. Scopriamo tutto ciò che c’è da sapere su Kate Siegel.

1) La sua carriera nel panorama seriale ha avuto inizio nel 2009

kate siegel young

Sebbene si sia trattato di un piccolissimo ruolo, quello con cui Kate Siegel ha dato il via alla propria carriera, le ha comunque permesso di farsi strada nel mondo dello spettacolo. Nel 2009, infatti, ha partecipato a un episodio di Ghost Whisperer, precisamente al dodicesimo della quarta stagione, intitolato Un fantasma dal passato. In questa puntata, il fantasma di una ragazza mette caos tra madre e figlio, Melinda (Jennifer Love Hewitt) deve fare i conti con i problemi riguardanti la sua relazione complicata con Jim e Kate interpreta un personaggio di nome Cheryl. Un timido inizio quello dell’attrice statunitense, eppure un passo che le ha permesso di arrivare dov’è adesso.

2) Kate Siegel è anche sceneggiatrice

kate siegel

Dopo essersi laureata nel 2004 in Recitazione all’Università di Syracuse, Kate è sempre rimasta fedele alle proprie passioni e ha subito provato a farsi strada nell’ambito del cinema, non solo come attrice. Dopo aver avviato la propria carriera come interprete in numerosi progetti horror, Kate ha preso parte anche come sceneggiatrice ad alcuni degli stessi progetti. Per esempio, risalgono al 2013 e al 2016 due dei film a cui la Siegel ha lavorato sia come attrice che come storyteller, dimostrando tutto il suo valore in entrambi i campi. Un talento immenso e un’attrazione unica per l’horror. Sono questi i due ingredienti principali che non hanno mai smesso di guidarla in tutto ciò che fa.

3) Ama l’horror in tutte le sue sfumature

kate siegel

A Kate il genere horror piace così tanto che di recente ha partecipato al The NoSleep Podcast, come ospite di David Cummings nella venticinquesima puntata della sua settima stagione, intitolata Borrasca. La particolarità del podcast di Cummings e il motivo per cui questo ha avuto un grande successo a partire dalla sua nascita nel 2011, è proprio la partecipazione di numerose celebrità, che hanno prestato la loro voce come narratori di storie horror e paranormali. La nostra attrice è stata più che entusiasta di poter dare anche solo con il tono e il timbro della voce la giusta interpretazione a una storia spaventosa, e si è davvero divertita nel prendere parte a questo progetto. D’altronde per gli appassionati del genere, sentire i toni di una star come lei non fa che rendere l’esperienza d’ascolto ancora più elettrizzante.

4) Kate Siegel ha esordito anche al cinema con un film horror

kate siegel

Se la sua carriera nel mondo seriale ha avuto inizio nel 2009, quella nel cinema è cominciata nel 2007, con la sua partecipazione al film The Curse of the Black Dahlia, un film horror ispirato a un vero fatto di cronaca. La storia prende spunto dal brutale assassinio di una giovane attrice, il cui corpo era stato trovato mutilato a Los Angeles, nel 1947. Kate qui interpreta Jennifer, voce narrante della storia, personaggio che ha lo scopo di rimettere insieme i ricordi di questo tragico avvenimento. Il film non ha ricevuto un’accoglienza calorosa da parte della critica, eppure questo non ha impedito a Kate di proseguire con il proprio percorso artistico e di diventare una star del genere horror.

5) È sposata con un collega molto particolare

the haunting of hill house

L’uomo che vedete in foto con l’attrice statunitense, altri non è che Mike Flanagan, regista e creatore non solo della serie antologica The Haunting of e dell’ultima serie horror di Netflix Midnight Mass, ma anche di altri film horror a cui Kate ha preso parte come attrice: Oculus – Il riflesso del male (2013), Ouija – L’origine del male (2016) e Il gioco di Gerald (2017). Insomma, le loro sono una collaborazione professionale e un’unione sentimentale che vanno avanti da molto tempo e che fino a questo momento hanno dato risultati davvero unici. Quando si trova qualcuno con cui condividere le proprie passioni come hanno fatte Mike e Kate è più facile trasmettere anche al pubblico l’entusiasmo che vi si nasconde dietro.

6) Ma Kate Siegel è dichiaratamente bisessuale

the haunting of hill house

Nel 2007, Kate ha preso parte al film Stream, recitando al fianco di Ally Sheedy e Ruby Dee. Qui ha vestito i panni di una donna omosessuale, in cerca di libertà dopo una vita passata a sopportare le limitazioni di una famiglia estremamente cattolica. Durante il periodo successivo all’uscita del film, nelle interviste per la sua promozione, l’attrice ha poi dichiarato di aver avuto delle esperienze con altre donne e si è dichiarata bisessuale. Infatti, Kate è poi tornata a interpretare una donna omosessuale anche in The Haunting of Hill House e non ha mai avuto paura di mostrare se stessa ai suoi fan, divenendo anche un esempio per quanti hanno difficoltà nel fare coming out.

7) Era in dolce attesa durante le riprese di The Haunting of

the haunting of hill house

Dal felice matrimonio con il regista e sceneggiatore Mike Flanagan sono nati due bellissimi bambini. Il primo, Cody, è venuto alla luce nel 2016, anno nel quale è uscito il film Ouija – L’origine del male. La secondogenita, invece, si chiama Theodora, in onora del personaggio di cui Kate veste i panni in The Haunting of Hill House. Il nome scelto da Mike e da sua moglie non è un caso, ma l’idea è venuta alla coppia proprio perché durante le riprese della prima stagione della serie Kate era già in dolce attesa della sua secondogenita. Non è stata un’esperienza semplice la sua, e infatti ha dichiarato di aver avuto bisogno, in più di un’occasione, di riprendersi dalle nausee tipiche della gravidanza.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Elena Scipione

Cerco sempre la magia anche nelle più piccole cose. Potete trovarmi con la testa immersa fra le pagine di un libro o in qualche puntata di una serie tv. Per il resto del tempo per lo più scrivo e metto alla prova i miei poteri magici.

Squid de Papel: il Professore fallisce il colpo e riceve un bigliettino misterioso

il cacciatore

Il cacciatore – Recensione