in

Tre pregi e tre difetti di Jax Teller

Jax Teller, il carismatico leader dei fuorilegge californiani che abbiamo conosciuto guardando Sons of Anarchy, è il perfetto esempio di personaggio tenuto in ostaggio tra la dimensione della luce e quella dell’ombra.

Durante le sette stagioni dello show ideato da Kurt Sutter – del cui licenziamento da parte di Fox potete leggere qui se non ne siete ancora al corrente – abbiamo amato e condiviso la storia di Jax fino al punto di sentirci anche noi parte di quel clan anarchico, riconoscendo in lui un’anima antica e profonda.

Un’anima complessa e tormentata come la maggior parte di quelle che abbiamo conosciuto in Sons of Anarchy.

E se dovessimo individuare tre pregi tra le qualità di Jax sicuramente sceglieremmo questi.

1) La lealtà verso il club

serie tv migliori

Il club per Jax è sempre venuto prima di tutto. All’inizio della serie era quasi una fedeltà scontata, cieca. Con il procedere delle stagioni però e con l’emergere dei segreti di alcuni membri del clan – come nel caso di Clay e Gemma – questa lealtà diventa sempre più combattuta e faticosa.

Quando alcuni eventi metteranno a dura prova la fedeltà di Jax, questa diventerà quasi una catena a cui il principe dei SAMCRO resterà agganciato nonostante i suoi tentativi di spezzarla.

Il sentimento verso il club sopravviverà fino alla fine comunque, riemergendo prepotentemente davanti alla resa dei conti.

Written by Krizia Parrino

"Anni, amori ed episodi delle Serie Tv sono cose che non si dovrebbero mai contare."

5 curiosità su Sophia Lillis, la giovane protagonista di I Am Not Okay with This

selena gomez

Selena Gomez ricorda il bacio con Dylan Sprouse: «Il peggior giorno della mia vita. A me piaceva Cole»