Home » SERIE TV » 5 Serie Tv in cui puoi trovare un magnifico piano sequenza » Pagina 3

5 Serie Tv in cui puoi trovare un magnifico piano sequenza

Copertina True Detective

3) True Detective

True Detective

Quello che vi stiamo per descrivere è un piano sequenza unico nel suo genere, realizzato includendo location interne ed esterne, momenti di corsa e di stasi, silenzio e spari roboanti. Un piccolo miracolo che ha contribuito a fare dello show HBO un’icona. Nel quarto episodio della prima stagione di True Detective, Rust Cohle scopre che Ledoux, ricercato per l’omicidio di Dora Lange, avrebbe venduto la sua metanfetamina a un gruppo di bikers chiamati Iron Crusaders. Questo nome risulta familiare al detective interpretato da Matthew McConaughey che aveva avuto contatti con loro mentre era infiltrato per la narcotici. 

Rust decide allora di riprendere in mano la sua copertura per avvicinarsi ai motociclisti che lo ritenevano morto o in prigione, fingendo di volersi mettere in proprio nel mondo della droga e quindi aver bisogno di un fornitore. Ginger, il capo della banda di bikers, gli parla di Ledoux e stringe un accordo con Cohle: lui li aiuterà a fare una rapina e loro lo metteranno in contatto con la sua preda.

Dal preciso istante in cui Rust Cohle afferra il primo ostaggio e si introduce nella casa da rapinare, la macchina da presa seguirà ininterrottamente i suoi spostamenti, facendo di questa scena di True Detective un cult.

Per sei minuti al cardiopalma assistiamo a una danza estremamente elaborata tra i locali della casa e poi fuori nel giardino. La rapina infatti degenera in una sparatoria e all’arrivo della polizia Cohle prende in ostaggio Ginger e fugge tra le case del vicinato. Una guerriglia che grazie alla scelta del piano sequenza sembra essere vissuta in prima persona dallo spettatore. La regia di Cary Joji Fukunaga è studiata nei minimi dettagli e il minuzioso lavoro di ogni singolo operatore ha reso possibile la riuscita di un long take che ha fatto e farà la storia della televisione.

Nessuno stacco, nessun montaggio, nemmeno nel frangente in cui McConaughey scavalca una recinzione per darsi alla fuga. Realizzata al settimo ciak, la scena finale dell’episodio intitolato Who Goes There di True Detective è la perfetta sinfonia derivante dall’insieme di imprescindibili e accurate singole note. 

Pagine: 1 2 3 4 5