in

Le 8 Serie Tv britanniche più mindfuck di sempre

#
#

5) Utopia

Serie Tv

#
#

Channel 4, ancora una volta, si è dimostrato un competitor più che valido della ben più nota BBC. Questo show non è sicuramente tra i più noti prodotti televisivi britannici e merita di essere visionato e di rientrare nella lista oggetto di questo articolo.

La narrazione segue un gruppo di protagonisti che, in condizioni normali, i più definirebbero deliranti, se non addirittura complottisti. È loro convinzione che, in quella che appare solo una innocua graphic novel, vi sia celato ben altro. Purtroppo per loro, i sospetti che nutrono si rivelano essere fondati e una misteriosa organizzazione, The Network, è intenzionata a ucciderli per coprire il suo aberrante piano. Utopia ha sollevato non poche proteste. Infatti all’emittente televisiva sono arrivate decine e decine di proteste inerenti l’eccessiva violenza di alcune scene. Per non parlare del coinvolgimento di attori minorenni in suddette scene.

#
#

Molti addicted sono rimasti affascinati e terrorizzati allo stesso tempo dalla realizzazione delle suddette scene, da come l’organizzazione The Network agisca per realizzare la sua agenda e, soprattutto, da come gli sceneggiatori abbiano saputo inserire eventi realmente accaduti nella narrazione allo scopo di renderla più viva. Un esempio che ci riguarda da vicino? Gli omicidi di Aldo Moro e di Carmine Pecorelli, sapientemente manipolati per poterli rendere parte della trama.

Siamo sicuri che, dopo aver visto Utopia, nessuno di voi guarderà più i cucchiai senza provare un brivido lungo la schiena!

Scritto da Barbara Curti

Ho 31 anni e studio Lettere. Spero che prima o poi questa mia passione per le Serie Tv mi torni utile per il futuro: lasciate solo che alle prossime Olimpiadi venga riconosciuto il binge-watching come disciplina e per me sarà la svolta!!!

Per il resto, visto che non so cos'altro aggiungere.... AMMACCABANANE!

The Americans

The Americans 6×04 – Una vita sprecata

Westworld – Sta per iniziare la lotta tra l’uomo vecchio e quello nuovo