in ,

5 attori che si sono pentiti di aver recitato in una Serie Tv di successo

Stannis Baratheon

Il mondo delle serie tv, proprio come quello del cinema, è pieno di attori insoddisfatti del proprio ruolo in una produzione. Se nel mondo del cinema si tratta di stringere i denti e resistere per la durata delle riprese, lo stesso non si può dire di una serie tv che potrebbe addirittura essere rinnovata per diversi anni. Ci capita sempre più spesso di sentire le testimonianze di alcuni attori che si sono completamente pentiti di aver recitato in una serie tv di successo. Quando lo veniamo a sapere è sempre un colpo al cuore, soprattutto se si tratta di uno dei nostri personaggi preferiti. Sapere che a Blake Lively, ad esempio, non piaceva essere Serena Van der Woodsen in Gossip Girl è stato tremendo. Alla fine a rimanerci male sono sempre i fan. Infatti spesso i personaggi interpretati da questi attori vengono uccisi brutalmente per giustificarne l’assenza.

Ecco l’elenco di 5 attori che si sono pentiti di aver recitato in una serie tv di successo

1) Mandy Patinkin (Criminal Minds)

Gossip Girl

Inutile prenderci in giro, Mandy Patinkin è stato fondamentale per il successo di Criminal Minds, proprio come gli altri membri del cast. E allora come mai ha deciso di abbandonare la serie dopo appena tre delle quattordici stagioni? Il motivo potrebbe sembrarvi banale, dopotutto è stato lui ad accettare il ruolo di Jason Gideon, ma non lo è affatto. Ormai siamo abituati a serie tv crime, ma non fatichiamo ad ammettere che Criminal Minds non sia come tutte le altre. Non eravamo pronti a vedere quello che ci avrebbe mostrato e, a quanto pare, non lo era nemmeno Patinkin. Tutta quella violenza esplicita lo ha profondamente turbato, facendolo preoccupare perfino per i gusti televisivi del pubblico. Con tutte le immagini crude a disposizione del pubblico, Jason ha detto di avere paura che alcuni possano arrivare a emulare i serial killer della serie.

2) Shannen Doherty (Streghe)

Gossip Girl

Ah, la morte di Prue è stata una delle cose più dolorose da dover affrontare. La serie tv Streghe ha faticato a riprendersi da quello shock eppure è andata avanti con successo. Infatti la storia è terminata dopo aver raggiunto l’ottava stagione. Il motivo della dipartita di Prue Halliwell è da attribuire ai rapporti che si erano creati sul set tra Shennen Doherty e gli altri. Tuttavia, i suoi sentimenti riguardo alla serie sono divenuti chiari quando l’ha definita una “serie per dodicenni”. Ouch.

3) Penn Badgley (Gossip Girl)

Gossip Girl

Il ragazzo solitario a volte non si sentiva a suo agio nei panni di Gossip Girl e nemmeno Penn Badgley si sentiva a suo agio nei panni di Dan Humphrey. L’attore ha più volte criticato il suo ruolo nella celebre serie tv, notando come il suo personaggio fosse cambiato nel corso delle stagioni, spesso arrivando a comportandosi da egoista. Il rapporto che si era venuto a creare tra Badgley e Humphrey non è sopravvissuto nemmeno dopo l’enorme plot twist finale che ha chiuso in bellezza la sua storyline. Gossip Girl è un cult, e su questo non ci piove, ma diversi suoi attori si sono pentiti di aver fatto parte del cast, forse per i messaggi sbagliati che arrivavano al pubblico. I ragazzi dell’Upper East Side non sono per niente esempi da seguire.

4) Miley Cyrus (Hannah Montana)

Gossip Girl

Anche nell’immacolato mondo di Disney Channel si sono verificate situazioni che hanno portato attori a pentirsi di aver recitato in una serie tv targata Disney. Il caso più eclatante è stato sicuramente quello di Miley Cyrus che, in ogni episodio del suo show, entrava nei panni della celebre pop star Hannah Montana. Stando alle sue dichiarazioni, questa distinzione tra due personalità ha finito per danneggiarla emotivamente. Sicuramente la sua opinione deve essere cambiata, dopotutto la cantante/attrice ha anche preso parte al terzo episodio della quinta stagione di Black Mirror nei panni, nuovamente, di una cantante famosa: Ashley O.

5) Stephen Dillane (Game of Thrones)

Stannis Baratheon

Lo so, lo so. Questa è molto difficile da credere, eppure non tutti gli attori che hanno recitato in Game of Thrones ne sono usciti soddisfatti e Stephen Dillane è stato uno di questi. Il motivo principale che ha spinto l’interprete di Stannis Baratheon a pentirsi di aver recitato nel colosso della HBO è stata la difficoltà a comprendere appieno cosa stesse succedendo. In un’intervista al The Times ha, infatti, confessato di dover costantemente dipendere da Liam Cunningham per farsi spiegare le diverse scene. Dillane sentiva perciò di non riuscire a dare il massimo nei panni del fratello del grande Robert. Poco male, alla fine sappiamo tutti com’è andata a finire per il suo personaggio.

Scritto da Veronica Bettinelli

È inutile girarci intorno: mentre mangio, guardo Serie Tv, mentre viaggio, guardo Serie TV, mentre studio, guardo Serie TV. E vi assicuro che se potessi, le guarderei anche mentre dormo.

friends, smallville

La classifica della 10 coppie più tossiche nella storia delle Serie Tv

5 attori delle Serie Tv a cui è stata diagnosticata una neurodiversità