in

I 22 personaggi secondari più fighi nella storia delle Serie Tv

Nolan Ross RevengePOSIZIONE 13 – NOLAN ROSS (REVENGE) – Il suo contributo nel megapiano di vendetta di Emily Thorne va oltre l’immaginabile. Finanziatore, amico, confidente, hacker: su Nolan si basano tutte le speranze di Emily di portare a termine le sue imprese e se la vendicatrice degli Hamptons lo ascoltasse più spesso, la sua qualità della vita sarebbe sicuramente più alta. Anche nei momenti più bui, inoltre, la lealtà di Nolan, anche se messa alla prova, non viene mai a mancare con buona pace di ogni possibile conseguenza. Chi non vorrebbe una spalla così?

 

 

Community POSIZIONE 12 – ABED NADIR (COMMUNITY) – Strambo, strambo ed ancora strambo. Ma indubbiamente personaggio di gran caratura. Abed è uno dei motori di Community. Fa fatica ad interagire con le persone e sembra quasi anaffettivo, salvo poi dimostrare i suoi sentimenti in alcune occasioni. In maniera stramba, ovvio. Abed è sostanzialmente lo Sheldon Cooper di CommunityDi analogie ce ne sono a bizzeffe. Ah, è pure uno dei pochissimi personaggi delle Serie TV completamente e dichiaratamente fissato per le Serie TV.

 

 

How To Get Away With Murder Frank Serie Tv POSIZIONE 11 – FRANK DELFINO (HOW TO GET AWAY WITH MURDER) – Il nostro Frank è la spalla prediletta della super avvocatessa Annalise di How To Get Away With Murder. Personaggio chiave, seppure secondario. È Frank che dal punto di vista materiale risolve tutte le situazioni. Ok, Annalise tutto vede e provvede sul piano giudiziario ma chi salva davvero il culo ai protagonisti è proprio lui. Non abbiamo capito il suo ruolo se non alla fine (SPOILER) quando ci rendiamo conto che è realmente un sicario, degno complice e sconvolgente protagonista dell’intreccio.

Berta Due Uomini E Mezzo POSIZIONE 10 – BERTA (DUE UOMINI E MEZZO) – E’ la colf di Charlie, Alan e Jake prima, di Wolden, Alan e Jake poi. Cambiano i protagonisti principali, ma lei c’è sempre. Personaggio pazzesco, dotato di un sadico senso dell’umorismo che fa sempre e comunque sbellicare dalle risate lo spettatore. Sarcastica, essenziale, cinica. Disprezza Alan considerandolo un parassita, sembra provare compassione per Jake – che ritiene un idiota – ma ha sempre un occhio di riguardo ed una particolare simpatia per i suoi capi, con cui riesce ad instaurare un buon feeling. Sostituire Charlie, probabilmente l’unica persona che gli stava simpatica al mondo, non era facile ma alla fine anche il giovane Wolden riesce a fare breccia nel cuore della burbera ed apparentemente priva di sentimenti Berta. Un character di contorno fondamentale per lo show: le poche volte che non ci pensano Alan e soci a far ridere, state sicuri che rimedierà lei.

Written by Vincenzo Galdieri

Sostanzialmente scrivo baggianate, ma gli dò un tono talmente epico che a volte rischiano pure di sembrare cose interessanti

Serie Tv LGBT contro l’omofobia

The Walking Dead in Game of Thrones: il crossover dei sogni