in

10 malattie che esistono solo nelle Serie Tv

Sindrome Protomorfica di Barclay

malattie

Tra le varie malattie proprie dell’universo di Star Trek, questa è decisamente interessante.
Appare nella serie The Next Generation; nel tentativo di curare il tenente Reginald Barclay – ipocondriaco – dall’influenza Urodelana, la dottoressa Beverly Crusher utilizza i linfociti T per attivare i geni utili per sconfiggere l’infezione. La sua cura, però, riattiva tutti i geni dormienti del tenente, compresi gli introni, che comportano una de-evoluzione. Il virus si diffonde per via aerea a tutto l’equipaggio e viene fermato soltanto creando una cura con il liquido amniotico dell’ufficiale Alyssa Ogawa.

Epatite V

malattie

Nell’universo di True Blood, l’epatite V è una modificazione di fattura umana del virus dell’epatite D ed è stato creato per infettare i vampiri.
Quello che fa è indebolire fortemente il vampiro affetto; a poco tempo dalla contrazione può essere visto dalla pelle e dalle vene che assumono un colore bluastro. Il virus inizia a mangiare il corpo che lo ospita dall’interno, e fa il suo corso in 24/48 ore. Nel momento della morte, i vampiri si dissolvono in un cumulo di sangue.
Un’altra caratteristica è quella di accelerare il metabolismo del vampiro affetto, che entra in uno stato famelico incontrollabile, simile a quello di uno zombie per certi versi.
L’unica cura conosciuta è contenuta nel sangue di Sarah Newlin.

Giovannini Mirror Syndrome

malattie

Non possiamo dire che questo caso sia completamente inventato, ma sappiamo che Dr. House ci ha deliziati per anni con malattie estremamente rare e casi complicati.
Questa non è una reale sindrome, ma nella realtà si è verificata in un paio di casi. Nella serie la troviamo nell’episodio Mirror Mirror della quarta stagione.
Chi ne è affetto ha sofferto gravi danni al cervello, precisamente nel lobo frontale, e non ha più consapevolezza di se stesso, per questo utilizza la personalità e la morale delle persone con cui interagisce per ricostruirsi un’identità.
Nel caso di House, il paziente assorbe la personalità della persona più dominante presente nella stanza.

Written by Veronica De Simone

Studentessa universitaria in perenne attesa di una nuova stagione di Sherlock e con una sindrome da stress post-Breaking Bad.
La mia aspirazione per il futuro è lavorare nella pubblicità (con una sigaretta ed un bicchiere di Whisky à la Don Draper). Per gli amici sono quella che ama i Pink Floyd e la pizza.

Fear The Walking Dead mantiene le promesse senza fare sconti

Stephen

7 curiosità su Stephen Amell