in

Come Scrubs ha disintegrato il Maschio Alpha

Scrubs

Abbiamo più volte elogiato la caratterizzazione dei personaggi in Scrubs. Qualcosa di così completo e ben fatto che a un primo sguardo non si notano nemmeno tutti gli argomenti trattati.

L’articolo conterrà spoiler su Scrubs, quindi se non avete visto la serie fermatevi qui.

Uno dei temi che sin da subito sono stati distrutti è quello del Maschio Alpha. Avete presente: quel classico personaggio maschile tutto muscoli. Serio, cupo, che si rifiuta di lasciar trasparire emozioni.
La serie ha lavorato su diversi fronti per trattare la vicenda: alcuni personaggi si sono dimostrati esterni allo stereotipo dal primo episodio. Altri hanno imparato a uscirne col tempo.

Serie Tv

Turk e J.D. sono uno degli esempi perfetti per questo argomento. L’amicizia tra i due è molto più di un semplice legame. Sono inseparati e inseparabili e non fanno nulla per nasconderlo.

J.D. è un ragazzo sentimentale ed emotivo. Cura il suo aspetto fisico ed è una frana negli sport. Mettendo lui al centro della serie, Bill Lawrence fece capire fin da subito le sue intenzioni. Noi in un certo senso vediamo Scrubs anche dagli occhi di J.D. (come abbiamo discusso anche qua) e quindi anche lo spettatore viene proiettato nella serie attraverso un personaggio che è assolutamente fuori dall’idea del Maschio Alpha.

Anche se sappiamo che John Dorian non sarebbe completo senza l’amore della sua vita: Turk. I due amici fraterni condividono un rapporto quasi da coppia effettiva. Hanno piccoli bisticci per le minime cose, si fanno i dispetti, e la serie gioca molto su questa bromance e sul fatto che sembrano amare l’altro più delle rispettive ragazze.

Turk a tratti è quasi timoroso nel far trasparire il loro affetto in pubblico. Ed è pronto a mettere le mani avanti per evitare fraintendimenti, come in Guy Love.

Questa scena non avviene realmente, o almeno non in questo esatto modo, dato che sappiamo che ogni canzone dell’episodio musical è una visione della paziente con l’aneurisma. Ma nonostante questo rappresenta al meglio i due e il loro affetto.

J.D. è stato capostipite di una rivoluzione nei protagonisti delle sitcom. Da Ted in How I Mey Your Mother, Leonard in The Big Bang Theory, Phil in Modern Family, i protagonisti delle comedy più famose dopo Scrubs hanno caratteristiche molto distanti dal classico maschio alpha. Dorian è stato un punto di svolta per l’interpretazione del personaggio principale e ha spianato la strada ai lavori futuri. Ma il discorso non sarebbe stato così rivoluzionario se con Scrubs si fossero fermati a lui e Turk.

Perché l’intero cast maschile, coi suoi tempi, esce dalla concezione di Maschio Alpha. E due su tutti ci hanno stupito in positivo…

Insegnamenti

Vi sembrerà strano vedere Kelso e Cox come esempi della disintegrazione del modello maschione dominante. Alle prime apparizioni i due sono letteralmente ciò che viene rappresentato dal concetto: burberi, senza emozioni, denigratori verso chi le prova, insensibili.

Eppure in nove stagioni quanto sono cambiati?

Per entrambi il punto di svolta è stata la stessa puntata: la quattordicesima della terza stagione. Perry, neanche a dirlo, si è ritrovato a dover affrontare la morte di Ben che lo ha distrutto emotivamente. Lo abbiamo visto piangere e lasciarsi rincuorare da J.D. in un momento di estrema debolezza. E da lì in avanti Cox affronta una montagna russa di emozioni. Già prima si erano notati sprazzi dall’uomo, ma la scomparsa di Ben è un vero e proprio paletto nel cuore.

Arriverà col tempo a legare sempre più con Dorian, prima supportandolo dopo la morte del padre, e poi avendo di nuovo bisogno di aiuto dopo Il Mio Pranzo. E basti pensare ai biglietti uomo che man mano toglie a J.D. o all’infinita lista di nomi femminili con cui lo chiama perché lo ritiene troppo emotivo. Aveva provato a nascondere il suo legame col ragazzo anche nell’ultimo giorno di Dorian al Sacro Cuore, per poi lasciarsi andare in uno dei monologhi migliori della serie, il quale evidenzia tutto il suo cuore e ciò che prova.

scrubs

E Bob? Kelso è un Maschio Alpha per due motivi: è nato nella generazione più sessista tra tutti ed è costretto a farlo per il suo ruolo. Abbiamo più volte detto di come dietro al dottor Kelso ci sia un uomo estremamente fragile e gentile, che solo col tempo riscopre come uscire allo scoperto.

E lo stesso episodio di Perry è fondamentale anche per lui: nello sgabuzzino, lontano da occhi indiscreti, l’uomo confessa a Carla quanto ami sua moglie e i suoi “difetti” per darle supporto in un momento difficile tra lei e Turk. Un primo, piccolissimo, squarcio nell’armatura che si è creato per anni.

Col tempo anche Kelso ha la sua rivelazione agli occhi di tutti. Le battute sull’omosessualità del figlio lasciano spazio ai suoi sentimenti quando Perry lo prende in giro. Il suo definire J.D. e Turk una coppia va avanti per anni, e anche lui deride il comportamento a suo dire effeminato di Dorian. Eppure i suoi piccoli sprazzi di umanità escono totalmente allo scoperto quando si licenzia, diventando un vero e proprio mentore per il gruppo.

Forse non uscendo mai totalmente dalla figura del Maschio Alpha, ormai indottrinato da una vita ad agire in quel modo, ma di sicuro fa del suo meglio per creare un rapporto di amicizia con Perry. Anzi, a tratti sembra lui quello sentimentale tra i due.

Alla fine anche per il resto del cast vale lo stesso discorso.
Ted è l’antitesi di ciò che potremmo definire un Maschio Alpha: è un loser, non ha fiducia in sé stesso, è ipersensibile, eppure ha avuto la sua rivalsa mostrando allo spettatore che non c’è un modo di agire per arrivare alla felicità (e ne abbiamo parlato qui).

Oppure il Todd, partito anche lui come chirurgo un po’ bulletto di J.D. e dai comportamenti molto discutibili. Il suo atteggiamento cambia poco nella serie, ma l’idea di mostrarci come quel modo di agire non sia esclusivo per un uomo eterosessuale, ma può essere anche di un personaggio che strizza l’occhio alla bisessualità, è qualcosa di estremamente avanguardistico.

Se oggi guardate una comedy e notate un protagonista che non si fa problemi a esternare i propri sentimenti, ricordatevi che tanti meriti sono da attribuire a Bill Lawrence.

Per cui: come Scrubs ha disintegrato il Maschio Alpha? Bene, decisamente bene.

LEGGI ANCHE – Scrubs: un film sequel? Accadrà

Written by Luca Siracusa

20 anni anagrafici, 80 percepiti. Sguardo critico ai tecnicismi e cuore di pietra; se qualcosa ha fatto piangere me, farà sicuramente crollare voi! Il membro del cast più anziano è quasi sicuramente il mio preferito, se interpreta un ruolo politicamente scorretto ancora di più.
Se mi cercate sono nel mio ufficio a mangiare muffin

I personaggi di Nickelodeon celebrano il Pride Month

Killing Eve – Su Zoom una conferenza con “soli bianchi”: piovono critiche