Vai al contenuto
Home » RECENSIONI » X Factor 15×02 – La Recensione: un carnevale di cartoni animati urlanti… divertenti

X Factor 15×02 – La Recensione: un carnevale di cartoni animati urlanti… divertenti

X Factor 15×02 punta sulle vertiginose scarpe di Emma, sul balletto di Mika e sulle doti canore di personaggi cartooneschi degni di un cabaret allestito alle due di notte in un vicolo buio di New York. Ma partiamo dall’inizio perché nonostante l’episodio sia stato molto colorful e “pazzerello”, quasi nessuno dei concorrenti ha saputo stupire ed emozionare come Erio nel finale della 15×01.

Sulle note di Vogue di Madonna i giudici hanno fatto il loro ingresso in studio calcando l’infinita passerella con sguardi penetranti, sorrisi trattenuti, stacchi di gamba e paura di cadere – lo so, anche io credevo che Uomini e Donne fosse solo su canale 5, eppure…

Ma X Factor 15×02 ce la mette tutta e per un istante riesce a strizzare l’occhio alle Ball degli anni ‘80, simbolo di libertà artistica e di ribellione. Peccato che si sia trattato di un istante, seguito dal visibile imbarazzo di Manuel, dallo sguardo perso di Hell Raton e dal tentativo di Emma di tirare un calcio nel vuoto, dimostrando che i trampoli in pelle nera ai piedi oltre che scarpe sarebbero potute diventare delle armi letali, per gli altri ma anche per lei. Con questo leggero ma familiare disagio si apre il secondo episodio di una stagione che punta tutto sull’inclusività, sfoggiando maglie arcobaleno e qualche script palesemente costruito per far emergere l’orientamento sessuale dei concorrenti: *coff coff* NOITE *coff coff*.

X factor 15x02

In X Factor 15×02 la strategica unione di marketing e lotte sociali si sposa perfettamente con l’inedito di Mira: “Lei tra noi”.

Il singolo è stato presentato dalla giovane e talentosa cantante come un manifesto a favore della parità di genere, ma le immagini emerse durante la performance erano ben lontane dalla lotta professata e dalla solidarietà femminile che si sta cercando. È stata un po’ l’esperienza del “quando lo ordini… quando ti arriva a casa”, poiché sentir cantare di una donna che frega l’uomo a un’altra donna tutto sembra fuorché legato alla battaglia per il raggiungimento della parità di genere. Perché alla fine è così bello parlare dei triangoli amorosi piuttosto che fare una critica sociale.

Ma ehi, lo abbiamo già detto che X Factor 15×02 a momenti si ispira alla cara Maria? In questo sovrapporsi di reti televisive e di ispirazione artistica costante il pubblico resta incollato alla sedia continuando a guardare con stupore certe perle indimenticabili, come il siciliano Matteo Milazzo che da Catania ha viaggiato con il cuore a Napoli diventando uno straordinario cantante neo melodico.

Bambola Col fisico perfetto t a fatt mamma

Sogni le copertine e tu non vuo studia

A scol o professor e fatt annamura, hai dieci in amore

Matteo Milazzo – Bambola

Necessaria questa menzione al testo di Matteo Milazzo che ormai è entrato come una cimice nella mente di una bella fetta di pubblico e nel cuore di Emma Marrone a cui la canzone era dedicata – signori e signore queste sì che sono le serenate che attendiamo tutti. Anche qui, potremmo dire di aver assistito a uno dei primi momenti d’oro di questa edizione.

X factor 15x02

Ma non demordete perché la serata è ancora lunga e non possiamo dimenticare i commenti cattivi che contraddistinguono i giudici in X Factor 15×02.

Tra i più taglienti troviamo quelli di Manuel Agnelli (che potrebbe gareggiare con Carlo Cracco, protagonista del Dinner Club targato Amazon Prime) che ha freddato più di un concorrente. Tra i primi ad essere caduti sotto i suoi giudizi troviamo Vayder, cantante lirica che dalla Russia è giunta in Italia per studiare canto moderno “nelle accademie di canto moderno in Italia” – si prega di leggere queste ultime parole con tono minaccioso e sguardo spento per rivivere l’emozionante momento in cui la cantante ha zittito Mika in un secondo. Vayder si è esibita con Baby Cry gridando sul palco poiché come direbbe Manuel:

Lei ha fatto quello che la canzone dice e ha fatto piangere tutti i bambini.

Peccato che questa sincerità o sicurezza che i giudici mostrano nel commentare le esibizioni non la adottino sempre, è infatti evidente che talvolta facciano passare personaggi carnevaleschi per puro intrattenimento lasciando indietro talenti grezzi che avrebbero potuto esternare una maggiore capacità nello step successivo. È ciò che è accaduto con Eko, il rapper e produttore che agli occhi i Hell Raton si è dimostrato una copia esagerata di Da Supreme. Eppure il ragazzo avrebbe meritato un’altra chance dato il talento dimostrato nella composizione e produzione musicale del suo inedito.

L’asticella non si è alzata di molto in X Factor 15×02, tuttavia sul palco sono saliti dei cantanti che potrebbero stupirci molto di più in futuro.

Pensiamo a Fellow, un ragazzo dalla voce profonda che nessuno si sarebbe mai aspettato guardando il suo viso delicato e giovanile. Ma è con questa voce profonda, ricordando il nonno, che ha portato sul palco Follow you degli Imagine Dragons munito solo di un piano e di tante emozioni che ha saputo trasmettere. La sua esibizione ci ha stregato poiché con le molteplici tonalità dimostrate ha zittito sia il pubblico che i giudici dando prova di poter andare avanti in questo percorso.

Poiché ci siamo lasciati alle spalle la sezione “intrattenimento” – in cui ho scordato di nominare Zen, ballerino bum bum uscito direttamente da un episodio filler Dragon Ball, e Marey che ha rubato un pokèmon ad Ash per farsi un cappello – posso dedicarmi a tre cantanti diverse tra loro ma che sarebbe bello poter risentire.

Si tratta di Miriam Dartey (qui trovate l’esibizione), Marey e Febe che con le loro storie e le loro cover così diverse hanno travolto pezzi di cuore degli spettatori partendo da Dancing in the Dark di Bruce Springsteen e arrivando alla più recente No Time To Die di Billie Eilish. Tra tutti, una menzione speciale va anche a L8, rapper geniale e scatenato che con il suo singolo Freak ha mandato in tilt un po’ di teste.

Sebbene i concorrenti di X Factor 15×02 fossero tanti, sono pochi quelli che nel bene e nel male hanno saputo lasciare un segno. Sembra infatti che questo episodio lo abbiano reso volutamente di passaggio caricandolo con molti, forse troppi, soggetti divertenti e di poca sostanza e per questo si becca un 7/10 in attesa di salire di livello con la puntata di giovedì prossimo.

MasterChef Italia 11: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione e la probabile data