in ,

Gif-Recensione The Vampire Diaries 7×19-7×20: Tutto su Bonnie

Bonnie

Bonnie Bennet: un personaggio bistrattato a lungo, ma talmente tanto a lungo che pensavo avrebbero distrutto la sua storyline nel giro di 10 minuti. Dopotutto, stiamo parlando di The Vampire Diaries, sappiamo che Julie Plec sarebbe capace di distruggere ogni cosa.

Sono lieta di sapere che hanno trattato la sua storia meglio di quanto io stessa avrei pensato.
Ora, data la mia assenza della settimana scorsa, mi sembra giusto farmi perdonare con una doppia recensione, anche perchè, a pensarci bene, sarebbe stato difficile riuscire a capire il senso di quest’ultima puntata senza considerare anche la precedente. E poi, l’intera storia sta girando intorno a Bonnie, e finalmente stiamo riuscendo ad ottenere le risposte che tanto abbiamo agognato nelle ultime settimane… Quasi non ci speravo più! Ma andiamo con d’ordine.

Magari qualcuno è rimasto sconvolto di più, qualcuno di meno, ma quando nelle prime puntate abbiamo visto il bacio appassionato tra Bonnie ed Enzo, in una scena che saltava nel futuro, tutti ci siamo chiesti come potesse essere successa una cosa simile. A dire la verità, se siete come me avrete avuto anche il momento in cui vi sono scoppiate le ovaie per la felicità di quanto li trovavate carini, ma questa è un’altra storia.
Insomma, ciò che conta è che finalmente, dalla puntata 7×19, cominciamo a vedere come il vampiro e la strega si sono innamorati. Manca solo un armadio e potremmo tranquillamente dire di essere a Narnia!
Riassunto: Enzo rapisce Bonnie e la porta al sicuro in una casa in mezzo ai boschi, nascosta a Dio e agli uomini… Alla faccia del romanticismo! Quello che però capiamo nel giro di poco tempo è che Enzo ha rapito Bonnie semplicemente per proteggerla, perchè l’Armeria la sta cercando. Per quale motivo? Questo all’epoca non era ancora chiaro, ma grazie all’intervento di Virginia St. Johns sappiamo che la sua famiglia ha bisogno di una strega Bennet per aprire una specie di cripta di famiglia o simili. Anche qui, non sappiamo bene cosa ci sia dentro, ma già in questa puntata abbiamo avuto qualche informazione in più, e forse va fin troppo bene così!
E’ sempre per proteggerla che Enzo comincia a dare a Bonnie le pillole contenenti il sangue di Rayna, le stesse pillole che adesso la stanno uccidendo. Le pasticche in questione tolgono la magia a Bonnie temporaneamente, e così le permettono di non essere trovata dalla gente dell’Armeria. Quando Enzo ci si mette, riesce ad essere un minimo furbo! Per un’annetto e mezzo la strega Bennet vive in quella casa, facendo ricerche e imparando a suonare la chitarra, mentre il suo “rapitore” fa il doppio gioco con sua cugina Alexandria. La cosa interessante è che, nell’arco di un anno vediamo come Bonnie ed Enzo diventano sempre più intimi, arrivando a momenti come questo

Bonnie


E questo

Bonnie

Che Enzo fosse protettivo lo sospettavamo, ma che potesse esserlo nei confronti di Bonnie, quello proprio è stato inaspettato! 
In ogni caso, una volta venuti a conoscenza dell’esistenza di questa cripta, e anche di Virginia, Bonnie decide di partire sotto copertura nella clinica psichiatrica, dalla quale sarà portata via da Enzo una volta capito che le pillole che sta prendendo, per quanto da una parta l’aiutino, la stanno uccidendo.

Ed è qui che riparte la storia presente.
Enzo è riuscito a catturare Rayna, che continua ad avere visioni compulsive sulle sue vittime scappate dalla Pietra di Fenice. Visto che Bonnie sta morendo e che per lei non c’è nessuna cura, Enzo e Damon offrono un patto alla cacciatrice: noi uccidiamo tutte le tue vittime, e tu con l’ausilio di uno sciamano trasferisci la tua ultima vita a Bonnie, per farla continuare a vivere. Non so in quanti avrebbero accettato un patto sul genere “Ti aiuto e poi per ringraziarti ti ammazzo”, ma visto che a quanto pare Rayna è parecchio stanca della vita che sta conducendo, accetta senza pensarci troppo.
Quindi, i nostri eroi partono in quarta: da una parte Damon, Enzo e Bonnie e, in altre zone del paese, Alaric e Stefan. Giusto, prima che mi dimentichi: ora che Valerie se ne è andata, Stefan ha pensato bene di tornare a Dallas per fare ammenda e cercare di riconquistare Caroline. Neanche da chiederselo, non c’è riuscito, o almeno non ancora. Ma andiamo oltre.

Bonnie

La Suicide Squad che viene messa insieme sembra funzionare alla perfezione, almeno finchè Alexandria non riesce a rintracciare Enzo. Con il rischio che prenda anche Bonnie, Damon decide di riportarla a casa pertenerla al sicuro, ed è lì che vediamo che sta accadendo l’inevitabile: le stesse macchie che colpirono Mary Louise stanno colpendo anche Bonnie Bennet, e non c’è nulla che si possa fare, se non accelerare i tempi.
Quindi, mentre Rayna continua ad aggiungere nomi alla sua lista in maniera compulsiva, mandando Enzo e Damon nel panico, Stefan, così come suo fratello qualche puntata prima, accompagna Alaric fino a casa, e al suo arrivo abbiamo l’incontro tra lui e la bionda che sembra essere la donna della sua vita:

Bonnie

Bonnie

Ovviamente, però, Caroline non sembra esattamente propensa a parlare con il più giovane dei fratelli Salvatore. E non si può nemmeno darle torto; come Damon con Bonnie, i Salvatore sono spariti per tre anni, ed è impossibile che il loro ripresentarsi riporti le cose a come stavano prima.

Ad ogni modo arriviamo all’ultima puntata uscita, dove il fulcro resta sempre e comunque Bonnie Bennet, a cui, in realtà, non è rimasto poi molto da vivere, visto che continuano a comparire macchie sul suo corpo. Assistiamo ad un nuovo incontro tra lei e Virginia St. Johns, e capiamo perchè forse è meglio se quella cripta nell’Armeria se ne resti chiusa ermeticamente: non si sa cosa c’è dentro, ma qualunque cosa sia toglie l’umanità alle persone rendendole spietate e prive di sentimenti. C’è poi un problema aggiuntivo: Yvette, parente di Alexandria e quindi, a livello teorico, anche di Enzo, è stata rinchiusa in quella cripta per 4 anni. Secondo un discorso logico dovrebbe essere morta, ma in pratica Alexandria sente le voci che manco il bambino de “Il sesto senso”, quindi è strettamente necessario riaprire quella cripta. 
Finito il colloquio, Bonnie se ne ritorna a casa, ci accorgiamo che le è tornata la magia e che quindi probabilmente è solo questione di tempo perchè l’Armeria la trovi. L’unica soluzione è una trasfusione con il sangue di Rayna, in modo da tenerla nascosta ancora per un po’. Enzo, una volta saputa l’idea della fidanzata, schizza di brutto, ed è proprio Damon che, in realtà, riesce a farlo ragionare e a convincerlo ad andare da Bonnie, visto che non si sa quanto tempo le resta.

Bonnie

La disperazione negli occhi di questo povero ragazzo… Non chiedetemi come mai, ma a me fa davvero tenerezza!
Enzo torna a casa, Damon prende accordi con Alexandria per consegnarle Bonnie se lei lo aiuterà ad ammazzare i vampiri nella lista di Rayna, e nel frattempo vediamo che l’intera Suicide Squad si è allargata: Caroline e Alaric si sono aggiunti all’insieme, mentre per Stefan è arrivato il momento di scusarsi con qualcun altro: Matt Donovan, uno dei personaggi più inutili della serie dai tempi di Tyler Lockwood. Se non altro, grazie a questa loro collaborazione forzata, riusciamo a capire per quale motivo Donovan odia così tanto i fratelli Salvatore… O meglio, odia Stefan. Abbiamo visto tutti Penny, un’altra delle poche ragazze semplicemente umane rimaste in questa serie. Matt le aveva appena proposto di sposarlo, e lei aveva appena accettato quando un incidente se la porta via: Penny la poliziotta muore schiantandosi contro un albero, ma sappiamo tutti che questo genere di incidenti facili facili sono fin troppo semplici in quel di Mystic Falls. Per l’intera puntata Matt continua ad accusare Stefan per la morte della sua ragazza, adducendo la scusa che lui quella sera fosse lì. Non che si sbagliasse, Stefan era lì davvero, solo che era solo andato a trovare lo sceriffo Forbes ad un anno dalla sua scomparsa, sperando che Caroline passasse di là e lo vedesse. Il punto, in ogni caso, è un altro: il proiettile che uccide Penny parte proprio dalla pistola di Donovan, che inizialmente era stata puntata contro Stefan. Il giovane Salvatore aveva anche fatto in modo che Matt dimenticasse l’accaduto, in modo da farlo vivere più sereno, ma non ha fatto altro che prolungare la sua agonia. Non solo, per quanto sia stato sincero Matt insiste comunque a dargli la colpa di tutto ciò che va male nella sua vita, e in questi casi l’unica cosa che si può dire è: Matt Donovan, hai davvero rotto le scatole!

Bonnie

Bonnie

Non sappiamo se ci sarà un’evoluzione del rapporto tra i due, ma onestamente continuo a sperare che Matt sparisca dalla circolazione! 
In tutto ciò, il lavoro della squadra di vampiri contro vampiri procede: l’Armeria si attiva in aiuto della squadra, ma prendono in ostaggio Caroline ed Alaric per convincere Bonnie ad aprire la cripta. Indubbiamente la strega Bennet, che tutti sappiamo avere un cuore d’oro, apre la cripta e riesce a portare in salvo i suoi amici, ma si rende anche conto del grande pericolo che alberga in quella casa. Così, una volta fuori, mantiene la promessa fatta a Virginia in ospedale e, come già era stato fatto con la sola cripta, sigilla l’intera casa dando la morte a chiunque sia lì dentro, Alexandria compresa. La cosa in realtà non fa altro che riempirci di gioia!
Ormai il lavoro è fatto: le vittime di Rayna sono tutte morte, e lei è pronta a morire per lasciare la sua vita a Bonnie. Il problema però, sta proprio qui: la cacciatrice non perdona i vampiri con cui ha collaborato fino ad ora, e al momento della morte passa a Bonnie anche la sua causa. In buona sostanza, Bonnie si risveglierà piena di odio e risentimento verso i vampiri, e non avrà pace finchè non li avrà fatti fuori tutti. E noi che pensavamo che Bonnie Bennet potesse avere una gioia, una volta ogni tanto.
Non sappiamo come si evolverà la cosa, per sapere quali sono le nuove sorti di Bonnie dovremo aspettare la settimana prossima, ma, nel frattempo, vi consiglio di rifarvi gli occhi con questa gif; potrebbe essere l’ultima volta che vediamo questi due giovani innamorati insieme.

Bonnie

Un ringraziamento in particolare a A love that consumes you: Delena & Klaroline

Written by Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

The X-Files: è tempo di credere

I 15 rapporti mentore-studente delle Serie Tv che più ci hanno emozionato