in ,

Nella nuova puntata di Teen Wolf succede veramente di tutto

Il Branco combatte ancora
Il Branco combatte ancora

In “Relics” i lupi di Beacon Hills passano all’azione. Ma, oltre le battaglie e gli scontri, sono le reliquie dal passato le vere protagoniste della 6×04 di Teen Wolf.

Abbiamo capito ormai. Più gli episodi avanzano, più Teen Wolf sembra prenderci gusto a tormentarci con i feels. Forse non usciremo vivi da questa sesta stagione, ma possiamo sicuramente godercela.

Per chi si fosse perso il tortuoso e soprannaturale cammino che ci ha portato fino a questa recensione qui potete trovare l’ultima. Intanto un breve riassunto!

Alla ricerca di Stiles


Stiles è un ricordo, nel vero senso della parola. I villains del momento, i Ghost Riders, saranno anche vestiti da cow-boys, ma sono molto pericolosi. Catturano ed eliminano completamente le loro vittime, trasformandole in nulla. Il Branco di Beacon Hills ha però a che fare con un ulteriore problema: dall’ultimo party adesso i bersagli si sono moltiplicati. E loro devono trovare il modo di proteggere le ignare vittime. Ah, e non dimentichiamoci del Nazi-werewolf/chimera che mangia la ghiandola pineale delle persone, affidato questa volta a Melissa e Chris. Partiamo proprio da loro!

6×04: “Reliquie” è una puntata mozzafiato

Il papà Argent e la mamma McCall sono sulle tracce dell’assassino mangiatore di ghiandole pineali (di cui noi conosciamo già l’identità *coff coff* nazi-werewolf *coff coff*) e decidono così di andare a fare trekking di notte nel bosco. Melissa è uno dei miei personaggi preferiti in assoluto, insomma, è stanca delle persone che ama ferite continuamente e cosa fa? Melissa McCall, infermiera e mamma, va a caccia per la prima volta. La amo, punto.

I due però più che una abile coppia di cacciatori ricordano molto più Will e Grace, con la differenza che Will aka Chris è molto più interessato a Melissa. Sinceramente Teen Wolf mi sorprende ancora: non avrei mai pensato alla coppia Melissa e Chris (McCargent? Chrissa?) ma a quanto pare sono decisi a ricalcare le orme dei più giovani Scott e Allison (ci manchi). Sarà una cosa di famiglia, insomma.

I due cacciatori hanno però molta fortuna: trovano infatti due vittime nel bel mezzo del bosco. I due ciclisti hanno avuto un incontro sfortunato con il Nazi-werewolf, e per loro ormai non c’è proprio più speranza. Ma i due non sono completamente soli. Una certa were-coyote si sta dirigendo molto velocemente nella loro direzione, e Chris decide di essere prudente. Sparandole ad una gamba.

Poi parli di Kate, eh Chris. (Scherziamo ovviamente, sei molto meglio)

Melissa tenta di estrarre la pallottola dalla gamba di Malia, che sta infliggendo lo stesso dolore al braccio di Chris per par condicio. La coyote perde la già di suo sottile pazienza e si opera da sola, depositando poi la pallottola nelle mani di un dolorante ed esterrefatto Chris. Go, Malia, go.

Tornando al topic della puntata però, troviamo il Branco alle prese con un enorme problema. I bersagli si sono moltiplicati a dismisura dal gesto di Corey, che ha mostrato a tutti i festaioli il Ghost Rider. I lupi devono così mettere insieme le loro teste e trovare un modo per proteggere tutti e intanto battere i Ghost. Una passeggiata insomma. Hayden intanto si premura di tenere sotto controllo Gwen, che a conti fatti è ancora la prossima sicura vittima, seguendola ovunque. Tranne in bagno, perchè si rispetta sempre la privacy di una persona, anche in questioni di vita o di morte.

Liam e Mason intanto discutono sulla tecnica migliore da attuare, un po’ alla Scott e Stiles dei vecchi tempi.

Sanno infatti che i Ghost “cavalcano” letteralmente i fulmini, riuscendo così anche a superare linee di sorbo e muri, come successo al party. Mason potrebbe utilizzare l‘Indice K (usato in meteorologia per misurare l’entità dei fulmini) per avvertire attraverso il numero di fulmini, e quindi lo scoppio della tempesta. E quindi l’arrivo dei Riders.

Liam vorrebbe però passare all’azione usando un parafulmini come esca, Mason, appoggiato da Scott, decide invece di proteggere le vittime in un nascondiglio. E, poichè Mason ha una testolina geniale, si opta per un nascondiglio sottoterra, in modo che i fulmini si disperdano e i Ghost non entrino. E chi ha un bunker sottoterra che possono usare? (Spon-ge-bob!) No, Chris Argent.

A questo punto il problema sembrerebbe risolto, ma i nostri eroi non hanno fatto i conti con la più forte e inamovibile forza contraria: l’incredulità del teenager medio. Che, molto realisticamente, non crede subito alla storia dei Cavalieri che su un nero destriero giungono per portarti via ed eliminarti per sempre. Neanche io, ma Teen Wolf mi ha insegnato anche a prendere in considerazione tale opzione. Dopo essere riusciti a convincere il figo di turno, Nathan, attraverso la carta dell’ assassino con la pistola che sta venendo per spararti in testa (funziona sempre) il piano può finalmente iniziare.

Le reliquie di Stiles

Intanto, la banshee dai rossi capelli sta ancora cercando tracce di Stiles.

Partendo dalla precedente esperienza con i Ghost Riders, capisce che alcuni oggetti (reliquie) possono fungere da importanti indizi. Nulla si crea e nulla si distrugge, e sorprendentemente anche i Riders seguono questa regola. Ci sono infatti reliquie (la tessera dello studente scomparso e il bracciale della sorella di Gwen), che se toccati possono far riemergere i ricordi della persona scomparsa. Così Lydia chiede allo Sceriffo (Noah, ancora non ci credo) di poter ispezionare la sua casa, e viene fuori che lo Sceriffo potrebbe aver trovato inavvertitamente una reliquia.

Una mazza da baseball, in particolare, potrebbe essere una della reliquie. Vogliono proprio farci morire per i feels, vero?  Lydia, giunta a casa Stilinski, è molto vicina a trovare una reliquia: dietro la carta da parati potrebbe essere nascosta la porta di una camera dimenticata. Ovviamente a guastarle le feste arriva Mrs. Stilinski che mi sta sempre meno simpatica. La donna misteriosa sta diventando troppo sospettosa per i miei gusti, vedremo come si evolverà la cosa.

Cala la notte, e il Branco è pronto a mettere in azione il loro piano: nascondono tutti nel bunker dell’Argent. Alla richiesta (sensata) di una spiegazione del perchè avessero un bunker e chi fossero, Liam riassume tutte e sei le stagioni in una sola frase:

Liam ci illumina

Grazie, Liam.

Il gruppo nel bunker si divide, lasciando Malia e Chris a fare da guardia al rifugio. Gli altri tre dovranno scendere in campo e cercare i ragazzi che non sono nel bunker. Chris, reduce da un brutto errore con Malia, parla con la coyote e la rassicura: lei non è solo un’ animale, ma è anche umana. E non tutti i “buoni” sono veramente buoni: Kate, una cacciatrice, ne è l’esempio più importante. Sentire Chris riaprire il discorso sorella è stato un po’ un tuffo al cuore, perchè teneva davvero molto alla sua famiglia. Che alla fine ha perso, però, fino all’ultimo componente. Chris, ti vogliamo bene, con Melissa potresti rifarti e avere una vita felice non mollare.

Le reliquie di Stiles

Liam, Mason e Scott devono però accantonare il piano di battaglia: il Coach li ha sorpresi e costretti a scendere in campo a giocare. I tre pensano così di unire l’utile al dilettevole e di proteggere Gwen mentre giocano. All’aria aperta e in piena notte, con una tempesta in arrivo. Dei veri geni del crimine, Mason questa da te non me l’aspettavo.

Lydia, reduce intanto da un’altra delle reliquie quasi scoperta, trova in sua madre una potente alleata. Sembra che la Sign. Martina e “Claudia” siano state compagne di liceo, ma Lydia non è affatto sicura sulla donna, e vuole indagare più a fondo. Lydia, segui i tuoi istinti da banshee, hanno sempre ragione.

Così le due chiedono aiuto all’unica che potrebbe avere maggiori informazioni: Melissa. L’infermiera è inizialmente restia a mostrare la cartella clinica di Claudia alle due Martin. Ma anche lei sa che raramente Lydia sbaglia, e così le porta nell’archivio. Sembra però che la banshee abbia fatto un buco nell’acqua: Claudia Stilinski non ha avuto mai avuto figli, ma sicuramente ha avuto qualcos’altro. Una demenza lobo-frontale, che avrebbe dovuto tecnicamente ucciderla 10 anni prima. Sembra proprio che ci sia stato uno scambio: uno Stilinski per un altro. Ma come ha fatto Claudia ad arrivare lì? Attraverso i Ghost Riders? Tutto molto sospetto.

Sul campo da lacrosse, accade tutto ciò che ci aspettavamo e temevamo. Una violenta tempesta arriva durante la partita, portando con sè anche i Riders.

Le reliquie di Stiles

I lupi accerchiano Gwen per proteggerla, ma i Ghost sono troppi e li circondano, attaccandoli in più punti. Mason e Hayden, intanto ricorrono finalmente all’arma segreta: Parrish. Mason ha capito che il vice-sceriffo è stato il fattore che ha portato i Riders a fuggire. E la scena che segue gli da ragione: il Rider spara nel petto di Parrish, che lo sta per attaccare nella sua forma di cane infernale. Tra fiamme verdi e rosse, il colpo non ha nessun effetto su di lui. Tanto che il Rider fugge prima che Hayden possa approfittare del momento.

Alpha McCall all'attacco

Ma, sul campo ormai è accaduta la tragedia. Nonostante il coraggio mostrato durante la battaglia sotto la pioggia, il Rider è riuscito a catturare Gwen, persa per sempre.

Nel bunker la situazione non è migliore: uno dei ragazzi, Nathan, è scappato e sta cercando una via di uscita. Una via che costerebbe la vita non solo a lui, ma anche a tutti gli altri. Malia e Chris fanno di tutto, ma alla fine il genio del momento lo fa. Apre l’uscita verso l’esterno. Da cui entrano, con suoni di fulmini, i Riders.

Teen Wolf non ci dona un lieto fine: i Riders prendono non solo Gwen sul campo, ma anche tutti quelli nascosti nel bunker.

Solo Malia e Chris sopravvivono, per non si sa quale precisa ragione. Ragionevolmente, i Riders prendono tutti, creatura soprannaturale o meno. Ma a quanto pare Teen Wolf non ci regala solo battaglie, ma anche incomprensioni. Il solito, insomma.

A quanto pare il piano non era così geniale; forse Liam aveva ragione, il parafulmini poteva veramente dare al gruppo una possibilità in più. Scott riconosce il suo errore, ma corre comunque all’ospedale, dove hanno portato Malia e Chris.

All’ospedale troviamo così Lydia, Malia e Scott, che si confrontano sulla cruda realtà. Hanno fallito nel proteggere le vittime dei Riders,e forse non c’è nessuna reliquia su Stiles. Forse, “Stiles” non è neppure mai esistito. Proprio quando stiamo per urlare allo schermo un “non è vero, Stiles esiste!” a pieni polmoni, ci pensa Lydia a farlo per noi. La banshee è convinta della sua esistenza.

Lydia e la reliquia di Stiles

E sulle parole della ship Stydia, Scott osserva anche il momento della nascita di un’ altra coppia. Melissa che rincuora Chris sul letto d’ospedale, sotto gli occhi di un indifferente Scott. La domanda è: lui lo sapeva? Quando? Dove? No, perchè nelle cinque stagioni di Teen Wolf non c’era stata alcuna avvisaglia, o forse non l’ho vista solo io?
Va bene lo stesso comunque. Se prima non ero convinta, lo sono ora. Potrebbero essere una bella coppia.

La ship è salpata

Ma, poichè Teen Wolf (come già detto) non è amante del vissero felici e contenti, ci lascia ancora una volta con un finale aperto.

Il baby branco infatti ha eletto il suo Alpha. Liam non è solo diventato capitano della squadra di lacrosse, ma anche del futuro Branco di Beacon Hills. Il suo prossimo obiettivo è chiaro: catturare un Ghost Rider. Durante la conversazione nel parcheggio non ci vengono spiegate le modalità, ma qualcosa di ugualmente importante. La reliquia di Stiles è infatti una. Esiste ed è sotto gli occhi di tutti. Una reliquia blu e a motore, fedele compagna delle sue giornate. Chi sarà il primo ad accorgersene? (Nonostante ci sia da chiedersi come nessuno se ne sia accorto fino a quel momento, mistero x2)

La reliquia blu teen wolf

Teen Wolf conclude così “Relics”, con, appunto, una reliquia! Molte sono le anticipazioni per il prossimo mercoledì, data di uscita della nuova puntata. In cui speriamo in un ritorno di Stiles! (e non solo) Alla prossima!

Nell’attesa ecco un’utile guida di articoli made in Teen Wolf!

Leggi anche – Teen Wolf: i 15 momenti più romantici

Leggi anche – Teen Wolf: le 10 (+1) Ship non Canon

 

 

Written by Sofia Aurora Salvati

Procrastinatrice extraordinarie e nel tempo libero matricola di Lettere, passa più tempo sui libri e serie tv che a studiare. Sogni nel cassetto: viaggiare per il mondo, diventare giornalista, e specializzarsi nell'antica arte della maratona tv non-stop H24, non necessariamente in questo ordine.

Le migliori citazioni di The Walking Dead 7×07 – Tu sei il mio sole

Casa

#LaCasaDelleSerie – Il primo fantareality coi personaggi delle Serie Tv! – PRIMA PUNTATA