Vai al contenuto
Home » RECENSIONI » Mr. Robot gioca ancora a carte coperte. Ma ha un asso nella manica

Mr. Robot gioca ancora a carte coperte. Ma ha un asso nella manica

Attenzione: evitate la lettura se non volete imbattervi in spoiler sulla 2×05 di Mr. Robot. 

Se il prossimo episodio di Mr. Robot non fosse altro che una schermata nera di un’ora, non ci sarebbe niente di sorprendente. La cripticità è sempre stato un aspetto peculiare della serie tv concepita da Sam Esmail, ma nei primi cinque episodi della seconda stagione si è toccato l’apice.

Tutti dicono e non dicono. Tutti sono e non sono. Chiunque è in contrasto con se stesso mostrando una doppia anima, lasciando poco spazio per la chiarezza. È una questione di prospettive: laddove il punto di vita non è mai onnisciente e dipende unicamente dai coni di luce e di ombra dei protagonisti, il quadro si schiude lentamente, lasciando spazio al tarlo perenne del dubbio. Un po’ come è successo nella 2×05, ennesimo esempio in questo senso.

Elliot si arrende a Mr. Robot, ma deve fare i conti con Angela 

angela elliot

Angela ed Elliot si incontrano per la prima volta nella seconda stagione

Se si parla di una doppia anima, non si può non pensare immediatamente al nostro Elliot. La 2×04 aveva offerto un’occasione per mettere in scena il duello finale con Mr. Robot, ma si era concluso con un inevitabile stallo. Il pareggio ha comportato una sostanziale vittoria dello spettro del padre, regalandoci un Elliot più vicino a quello che avevamo conosciuto all’inizio della prima stagione. La restaurazione è finita e la parvenza di normalità sognata a più riprese ha lasciato spazio alla rivoluzione, abbandonata nel momento decisivo. Elliot è sconfitto, ma riprova delle sensazioni messe da parte per troppo tempo: l’onnipotenza crea dipendenza, sempre e comunque. Se poi si riesce a penetrare nel sistema informatico dell’FBI, la carica adrenalinica è doppia.

Tuttavia, ogni sensazione è effimera. Mr. Robot ha avuto la meglio su Elliot, ma Elliot è ancora aggrappato ad Angela. L’incontro tra i due, atteso da inizio stagione, è una bomba che rimette in discussione Elliot, rituffandolo nella guerra dei mondi che imperversa dentro di sé. Le evoluzioni dei due personaggi vengono meno quando l’uno si ritrova di fronte all’altro. Per un attimo, tutto torna come prima. Angela, a sua volta in lotta con se stessa, trova ogni sicurezza negli occhi di Elliot, decidendo di dare fiducia a Darlene. Comunque andrà, sarà per lei una rivoluzione, che sia con o contro la Evil Corp.

Elliot, dal canto suo, ha l’ennesima complicazione da affrontare: dietro l’umanità apparente di Ray, si cela un nuovo mostro. L’anima di un uomo e la sua nemesi si fondono ancora in un unico corpo. La chiusura della 2×05 lascia in sospeso due grandi dubbi: chi è realmente Ray? Che fine farà Elliot? Staremo a vedere.

Bipolari, in tutto il mondo 

whiterose-mr robot

Whiterose è in realtà un ministro del governo cinese

Non è tutto. Anzi, è solo l’inizio. Elliot, Darlene e la fsociety non sono altro che pedine di uno scacchiere che si sviluppa in tutto il mondo. Lo dimostra l’enigmatico Whiterose, leader di un pericolosissimo gruppo di hacker e allo stesso tempo ministro chiave del governo cinese. Bipolare, nella massima espressione possibile. Le due anime del suo personaggio nascondono un intrigo internazionale che regalerà sorprese a ripetizione. Il lungo dialogo con la DiPierro offre un quadro inquietante della sua personalità, ossessionata dal tempo e dalla caducità della vita, ed esplicativa nel creare il manifesto esistenzialista della 2×05 di Mr. Robot: ognuno di noi è tutto e il contrario di tutto. Nel momento in cui ci guardiamo allo specchio, non è mai semplice capire chi abbiamo di fronte.

Come succede a Joanna, in fondo. La donna è la degnissima moglie di Tyrell, pronto a rientrare finalmente in scena. Ogni tanto sembra desiderare la normalità tanto ricercata anche da Elliot, ma il momento dopo fa uccidere sadicamente il suo toyboy, mostrando un cinismo senza eguali.

La 2×05 ci ha detto tutto senza dire nulla. Ha mostrato gli aspetti più reconditi dell’animo umano, ponendoci di fronte ad un bivio: restaurazione o rivoluzione? Siamo Elliot Alderson oppure Mr. Robot? Siamo entrambi, e dobbiamo accettarci come tali. Lo stallo sta per finire: Mr. Robot continua a giocare a carte coperte, ma la svolta è dietro l’angolo. Il ritorno di Tyrell è ormai prossimo, d’altronde. E Whiterose è un personaggio pazzesco.Il prossimo episodio sarà molto più di una schermata nera, ne siamo certi.

Antonio Casu