in ,

Gif-recensione New Girl 5×13: Febbre d’amore?

Ogni volta che mi ritrovo qui a parlare di una nuova puntata di New Girl ho il cuore nello zucchero.
Vi confesso una cosa: tutti i migliori sono matti!
…no scherzo, ripeto. Vi confesso una cosa: ho il cuore di pietra, sono gelida quasi quanto Elsa.

Eppure New Girl mi scioglie, e non parlo solo del mio amore incondizionato e morboso per i Ness, ma di tutta l’atmosfera che si crea in quei venti minuti di puntata.

Dopo questa dose di zuccheri che vi causerà svariate carie, direi che possiamo anche iniziare. Il titolo lascia poco spazio a fraintendimenti, ed intendo il titolo dell’articolo: febbre d’amore? Si ammalano quasi tutti i coinquilini e tutti hanno problemi di cuore, ricordi felici riguardo ai giorni pieni d’amore e imminenti nozze.
Ma come sempre procediamo per gradi. Due sono i punti fondamentali della puntata: gli starnuti dei nostri personaggi preferiti e ritorni inaspettati, soprattutto in una città grande come Los Angeles.

Partiamo dagli starnuti o soffiate di naso… e iniziamo a pensare di voler ridere a crepapelle.

  1. Nick MillerQui ho riso mezz’ora. Tra l’altro l’ho guardata stanotte, le mie coinquiline dormivano, io cercavo di ridere come Schmidt cerca di trattenere uno starnuto (come vedremo tra poco).
  2. CeceQuesta gif meriterebbe il sonoro, ma se avete guardato la puntata, sapete di cosa sto parlando!
  3. Winston E’ l’unico in quell’appartamento che vorrebbe ammalarsi, ma non riesce. Le prova tutte, si sigilla letteralmente in camera con Cece e Nick ammalati, ma niente. Finge, perché non vuole affrontare un mezzo-appuntamento.
  4. Schmidt, che come sempre deve distinguersi

Nick Miller è un incosciente, un dolce e amorevole incosciente. Mangia di tutto, cibo riciclato e avanzi di bambini. Lo avvertono, potrebbe beccarsi un’influenza, ma Nick va per la sua strada… E che strada!
Ovviamente, il ragazzo si ammala. Schmidt non può permettersi una febbre, deve lavorare e il suo capo odia anche un semplice starnuto sul posto di lavoro. La soluzione? In quarantena, chiunque presenti sintomi.

Mentre Cece e Schmidt impacchettano per bene la stanza in cui hanno segregato Nick, partono esclamazione che ci ricordano malinconicamente puntate passate:

Se prima Schmidt era il proprio “boo”…

…adesso lo è Cece. Che dolci!
L’amore non ha ostacoli, se non uno starnuto di Cece: Schmidt la condanna alla quarantena. Come si dice? Ah sì, la salute prima di tutto. E tanti cari saluti all’amore smielato.

Seconda questione: ritorni. Chi tornerà mai? Ce lo svela sfacciatamente il titolo della puntata “Sam, again!” e indovinate un po’? E’ tornato Sam.

Non esattamente così, più con un cespuglio in testa e un’altra come barba. PANICO

Cosa gli è successo? Dopo la rottura con Jess, ha perso la ragione. Aveva iniziato ad affezionarsi alle persone, grazie alla signorina Day, dopo la batosta del bacio con Nick, ha dato di matto.
Ma fermi tutti: dove abbiamo ritrovato Sam? Il caso vuole che Jess abbia trovato il lavoro dei suoi sogni e che la donna che dovrebbe assumerla sia fidanzata attualmente con Sam. Entrambi si sono dati alla meditazione, hanno trovato il loro punto di forza in questo.

Ma Sam vuole le scuse da Nick Miller, che ricordiamo essere al letto con la febbre. Jess gli chiede il piacere di scusarsi, sperando di non doversi ribeccare un pugno in gola.
E come non detto.

Allora iniziano a fare un giochetto: prendono una sedia su cui è seduta metaforicamente l’Onestà e si confessano con essa. Nonostante l’iniziale disappunto di Nick, ecco il succo:

Non voglio aggiungere altro. Spero solo non mi stiano riempiendo di speranze per poi non concludere nulla.

In conclusione: Schmidt si è ammalato, Sam e la ragazza si sono lasciati, Jess ha ottenuto il lavoro e Winston non ha combinato nulla, nemmeno con gli occhiali alla Fury.

Alla fine dei conti è un vero Latin Lover

Alla prossima ragazzi!

Un ringraziamento speciale va alle pagine Nick e Jess  New Girl Italy e New Girl (Italia)!

Written by Giuseppina Cataldo

Amo i viaggi (anche quelli mentali), i supereroi, i concerti, i colpi di scena, i tramonti, il mio letto, la pizza. Sono una Bridget Jones amante di apocalissi e fantascienza, per cui non ho paura di sognare in grande.
Sono ubriaca di mio, nonostante sia astemia.
Cambio look spesso, voglio captare ogni sfumatura prima di scegliere quella giusta.
In testa ho la mia isola di Lost personale.
Sono onnivora, nel senso più ampio del termine.
Odio l'ansia.

Patrick Dempsey

Patrick Dempsey dopo Grey’s Anatomy: il Dottor Stranamore torna in azione

Claire e Frank Underwood: quando amore fa rima con odio