in

5 motivi validissimi per guardare Pose

2) Una festa di suoni e glitter

Pose è glitter, è musica, è glamour, è famiglia. Grazie a questa serie, noi entriamo in contatto con un mondo sconosciuto a molti: la cultura dei ball e il sistema delle house, ovvero un sottostrato della cultura LGBTQIA+ americana, caratterizzata dalla partecipazioni di varie competizioni chiamate ball, dei balli durante i quali gli sfidanti competono tra loro danzando, posando, sfilando secondo delle categorie stabilite da una giuria. I partecipanti di solito fanno parte appunto di queste house, delle piccole famiglie (generalmente non di sangue) dove i vari membri, molto spesso reietti o senza una fissa dimora, si aiutano, si proteggono e si sostengono a vicenda.

Questa è l’essenza di Pose: da un lato abbiamo la famiglia, il rapporto meraviglioso che si crea in queste house, soprattutto in quella protagonista della serie, la House of Evangelista, dove troviamo queste donne alla continua ricerca di autodeterminazione nella società che continua a trattarle come fantasmi invisibili e indesiderati; dall’altro lato abbiamo invece la festa, la gioia dello stare insieme e dell’avere un luogo dove potersi esprimere liberamente, un insieme di brillantini, colori fluo, moda e stile queer.

Ogni puntata è una festa per gli occhi!

Written by Marta Cecconi

Ho studiato cinema e televisione, ho sempre amato parlare e analizzare il mondo telefilmico. Sono una rompiscatole quando si parla di ecologia, femminismo intersezionale e cibo. Amo viaggiare e scoprire nuove culture, sono super pigra ma amo anche le passeggiate in montagna. Una persona semplice che non ricorda nulla della sua infanzia, ma che ricorda tutte le lacrime versate davanti alle morti dei suoi personaggi preferiti.

Bojack Horseman

BoJack Horseman 6×03 – Gli ideali che rendono prigionieri

lucifer

7 notizie sulle Serie Tv che vi svolteranno la giornata