Vai al contenuto
Home » One Tree Hill » One Tree Hill: Haley e Natan, quando amarsi è come tornare a casa

One Tree Hill: Haley e Natan, quando amarsi è come tornare a casa

Una volta Karen Roe ha detto: «c’è solo una Tree Hill ed è la tua casa» e se c’è una cosa che i fan di questa serie sanno è questa: One Tree Hill è stata molto più di un appuntamento pomeridiano, è stata un luogo in cui tornare e in cui vivere tutti i dilemmi e le fragilità dell’adolescenza insieme ai suoi protagonisti. Anche se non sono mai mancati stereotipi e cliché in ogni episodio, di questi personaggi e di queste storie rimane un bel ricordo romantico, come quando si ripensa ai banchi di scuola con una nostalgia che riesce a cancellare ansie e arrabbiature lasciandosi dietro solo i momenti più dolci. 

Sono in particolare i suoi (spesso problematici) rapporti d’amore a tornare in mente visti con occhi diversi, data la più matura sensibilità verso i prodotti seriali e i loro contenuti, ma anche con tanto affetto. Ancora oggi chi ha amato One Tree Hill non può fare a meno di ricordare il triangolo amoroso attorno a cui giravano le prime stagioni, quello tra Brooke, Lucas e Peyton. Una dinamica, quella tra loro tre, che a guardarla oggi stancherebbe nell’arco di qualche minuto, ma che all’inizio del 2000 ha tenuto stretto in un pugno il cuore di chi di noi amava la ragazza dietro la porta rossa e di chi, invece, vedeva in Lucas e Peyton una cometa che non avrebbe mai smesso di brillare. Ma c’è un rapporto, in questa serie, che è riuscito nell’arco di nove stagioni a evolvere, poco alla volta, trasformandosi in una colonna portante di questa serie.

Parliamo di Haley e Nathan, due punti inizialmente lontani nel microcosmo di One Tree Hill, ma destinati a incontrarsi.

one tree hill

Gli elementi per farci sbadigliare c’erano tutti: ragazza poco popolare, stramba senza paura di mostrarlo a tutti, sensibile e naturalmente molto carina incontra l’atleta della scuola: borioso, ricco, inizialmente attratto solo dalla possibilità di infastidire il fratellastro Lucas fingendosi interessato alla sua migliore amica. Si potrebbero impiegare ore per dissezionare questa dinamica così in voga nella tv di quasi vent’anni fa, eppure per qualche arcana ragione Haley e Nathan sono riusciti a vincere la prova del tempo e a rappresentare, ancora oggi, una delle coppie più tenere del loro genere. Il perché è semplice: la loro storia non racconta solo la fase dell’innamoramento, ma prosegue fino a mostrarci le difficoltà di un amore non perfetto, ma stabile e duraturo.
Pur essendo serie che ha puntato il tutto per tutto su drammi da soap opera ben oltre i limiti dell’inverosimile, One Tree Hill è riuscita ad andare oltre il racconto di un amore adolescenziale, mostrandoci ciò che accade dopo aver vinto le iniziali incomprensioni ed essere giunti a quel sospirato primo bacio.

one tree hill

Il motivo per cui amiamo Haley e Nathan non si trova solo in quelle prime scene in cui lui crede di portare avanti una ripicca nei confronti di Lucas e finisce per innamorarsi, ma soprattutto in quello che avviene nelle stagioni a seguire. Quando si sposano all’ultimo anno di liceo con il parere contrario di tutti a pesare sulla testa, quando entrano inevitabilmente in crisi perché in fondo sono due adolescenti ancora in fase di crescita e gestire un rapporto così profondo si rivela spesso complicato. Quando entrambi iniziano a maturare e si liberano di quelle etichette da liceo, insieme. Quando nonostante tutti i drammi, gli allontanamenti, gli eventi che li travolgono dall’esterno li vediamo rimanere l’uno accanto all’altra in qualsiasi modo possibile. Anche se non sono sempre all’apice del loro rapporto. Perché questo è ciò che li rende il punto di riferimento per chiunque li conosca: il loro ritrovarsi instancabilmente

one tree hill

Brooke: Io guardo Nathan e Haley e, in qualche modo, mi sento al sicuro.

One Tree Hill, 3×22

Così descriveva il loro rapporto Brooke Davis durante il rinnovo delle promesse matrimoniali: Nathan e Haley erano per i loro amici il simbolo di un amore destinato a durare, il modello di coppia a cui tendere.
Se c’è un concetto di romanticismo che oggi più che mai si mira a smantellare è quello secondo cui l’amore perfetto che vince su ogni cosa, un’illusione un po’ malsana ormai distante dal sentire comune. E, sebbene i due smarchino tutte le caselle di questo modello di coppia, è anche vero che il tutto è controbilanciato dal messaggio che la loro relazione lascia trapelare: la stabilità emotiva non è qualcosa che piove dal cielo, neanche nelle serie tv.

Essere eternamente innamorati di quell’amore folle che fa compiere gesti plateali non è mai bastato a Haley e Nathan per costruire qualcosa di duraturo. A volte per loro subentra la noia, l’angoscia personale, altre ancora il rancore, e non è una forza esterna che lo aiuta ad andare avanti insieme, non è il mito delle anime gemelle. È piuttosto la voglia di trovare un punto di contatto anche quando si sentono lontani l’uno dall’altra. 
Sono tutt’altro che perfetti. Spesso non riescono a comunicare come vorrebbero, si comportano in modo infantile e testardo, ma una cosa che imparano subito è non vincolarsi l’uno a l’altro fino a schiacciare sogni e opportunità individuali. 

Il matrimonio per loro non è una firma su un contratto, ma la promessa di avere sempre una casa l’uno nell’altro. E una casa è il luogo in cui si vuol tornare, non rimanere intrappolati. 

Il motivo per cui ancora oggi il nostro cuore è di Haley e Nathan è la somma delle piccole cose quotidiane che li abbiamo visti fare l’uno per l’altra e l’impegno profuso per capirsi e starsi accanto. Senza nascondersi dietro un amore che deve durare per sempre solo perché così lo hanno immaginato da ragazzini, ma vivendo il loro rapporto come qualcosa che si rinnova un passo alla volta. Nathan ci direbbe: «poi non dite che non vi abbiamo dato niente» e avrebbe ragione.

LEGGI ANCHE – One Tree Hill: 10 motivi per amare un teen drama sottovalutato