in ,

Stranger Things 4 – Un tweet rivela che Maya Hawke potrebbe tornare

La terza stagione di Stranger Things, rilasciata lo scorso 4 Luglio sul catalogo Netflix, ha lasciato non poche questioni irrisolte. Sebbene alcuni dei più importanti archi narrativi siano stati chiusi, e i protagonisti abbiano compiuto un percorso di maturazione che scandisce il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, la scelta degli autori è stata quella di lasciare aperti alcuni punti (tra cui il più clamoroso, quello legato alla questione dell’americano di cui si parla nelle scene post-credits dell’ultimo episodio della terza stagione).

La punta di diamante del repertorio Original Netflix vedrà quindi una quarta stagione, e col suo ritorno sono già partite le speculazioni sui personaggi che rivedremo in scena. Primi fra tutti Jim Hopper, sul cui destino aleggia ancora un insolubile mistero, e l’amatissima rivelazione Robin Buckley (interpretata da Maya Hawke, figlia d’arte di Ethan Hawke e Uma Thurman) che abbiamo visto restare legata al contesto Hawkins (dal quale si staccherà invece la quarta stagione, stando alla campagna pubblicitaria di Netflix).

Stranger Things 4

È proprio in merito alla partecipazione di quest’ultima alla quarta stagione che, recentemente, sono sorti nuovi indizi. La suggestione nasce da un botta e risposta avvenuto su Twitter tra l’account ufficiale degli scrittori di Stranger Things e l’account di un fan della serie.

Di seguito i due tweet che hanno dato luogo al curioso “siparietto”:

Alla domanda fatta da Scoopsy a Merry Stranger Writers su quale fosse la loro battuta preferita tra quelle iconiche di Robin Buckley, gli scrittori hanno risposto:

Magari anche una battuta della quarta stagione, quindi dovrete aspettare un po’ per la risposta.

Le riprese di Stranger Things 4 dovrebbero iniziare a gennaio 2020 e concludersi ad agosto. Sarà composta da 8 episodi, come la prima e la terza stagione, e probabilmente approderà su Netflix per il 2021.

LEGGI ANCHE – Stranger Things 4: un video audizione ha generato una teoria sulla nuova ambientazione

Written by Vincenzo Bellopede

Vincenzo, studente di psicologia.
Cresciuto a pane e Sartre, accompagnando con sbornie da prelibato nettare di Lynch.
Come disse il primo, gli oggetti sono cose che non dovrebbero commuovere in quanto non vive. Eppure lo fanno.
Se anche le parole riescono in questo, l'obiettivo di chi scrive è stato orgogliosamente raggiunto.

Hannibal

5 Serie Tv bistrattate per la loro “pesantezza”

I personaggi di Stranger Things divisi per casate di Hogwarts