Vai al contenuto
Home » News » Shadow and Bone: una sceneggiatrice rivela dettagli sulla trama del mancato spin-off sui Corvi

Shadow and Bone: una sceneggiatrice rivela dettagli sulla trama del mancato spin-off sui Corvi

Purtroppo, questo periodo è stato pieno di brutte notizie per i fan del Grishaverse. Qualche settimana fa, infatti, è arrivata la notizia della cancellazione di Shadow and Bone da parte di Netflix dopo sole due stagioni. Ma non è tutto, perché insieme all’annuncio del mancato rinnovo della serie per una terza stagione, è arrivato quello che anche il pianificato e atteso spin-off incentrato sui Corvi, Six of Crows, è stato scartato dalla piattaforma streaming.

Uscita per la prima volta su Netflix il 23 aprile del 2021Shadow and Bone è una serie fantasy tratta dall’omonima serie di romanzi di Leigh Bardugo. Ambientata in un mondo immaginario sconvolto dalla guerra e lacerato da una faglia di oscurità, essa ha come protagonista l’orfana Alina Starkov (Jesse Mei Li), la quale scopre di avere un potere straordinario e decisivo per la salvezza del proprio mondo, quello di Evocaluce. Tuttavia, il creatore della serie, Eric Heisserer, aveva scelto di integrare la storia con un’altra saga della scrittrice ambientata nello stesso universo narrativo, Sei di Corvi.  Alle vicende di Alina, dunque, si intrecciano nella serie Netflix quelle dei Corvi, una banda di malviventi pronta a mettersi al soldo del migliore offerente e composta dal leader del gruppo e ladro Kaz Brekker (Freddie Carter), dallo Spettro Inej Ghafa (Amita Suman) e dall’abile pistolero Jesper Fahey (Kit Young).

Nel corso della serie, spesso le vicende dei Corvi avevano finito con il prendere il sopravvento, appassionando gli spettatori più della trama originaria, fenomeno verificatosi ancora di più con l’entrata nel gruppo, in Shadow and Bone 2, della Grisha Nina Zenik (Danielle Galligan) e dell’esperto di esplosivi Wylan (Jack Wolfe). Per questo motivo, l’annuncio della realizzazione di uno spin-off incentrato solo su questi personaggi era stato accolto con favore dai fan, soprattutto in previsione dell’ingresso nella banda del sesto corvo, ovvero il Drüskelle Matthias Helvar (Calahan Skogman). Purtroppo, i costi di produzione troppo elevati rispetto agli ascolti e gli strascichi dei recenti scioperi, hanno finito col far naufragare, insieme a Shadow and Bone, anche Six of Crows. Sono tante le storyline inesplorate che non riusciremo a vedere realizzate, e ora abbiamo anche avuto un assaggio di quello che ci siamo persi.

La sceneggiatrice Christina Strain descrive una scena dello spin-off di Shadow and Bone

Nelle scorse settimane, un utente di Twitter aveva condiviso alcune dichiarazioni rilasciate da Eric Heisserer, secondo le quali in una scena dello spin-off Matthias avrebbe chiamato affettuosamente Wylan “Lamb“, ovvero “agnellino”, scatenando così la gelosia di Jesper. Dopo la pubblicazione del tweet, dove l’utente si rammaricava del fatto che non avrebbe mai potuto vedere questa scena sullo schermo, una delle sceneggiatrici di Sei di Corvi, Christina Strain, ha deciso di rispondere.Un amico mi ha riferito che Eric ha parlato a internet del nostro ‘agnellino’ quindi sono tornata di corsa per dirvi di più“, ha scritto la Strain. C’erano molti episodi in cui Matthias chiamava Wylan ‘agnellino’, ma il primo era uno dei miei. Che era un episodio incentrato su Wylan“. Dunque, in una serie di tweet, la sceneggiatrice ha descritto nel dettaglio una scena di questo episodio:

Sulla Ferolind, Wylan ha bisogno che Matthias confermi/corregga i suoi disegni della Corte di Ghiaccio ma Matthias non collabora. È arrabbiato/ intaglia aggressivamente una piccola figura di Isenulf. Allora Wylan cerca di creare una connessione dicendogli di quando suo padre lo portò alla Corte di Ghiaccio. Ed è una cosa dolce. Van Eck aveva visto quanto Wylan si fosse innamorato di un Isenulf di Drüskelle, allora Van Eck, affezionato a lui, aveva organizzato un incontro con un Drüskelle che avrebbe accompagnato il bambino in un canile pieno di cuccioli di Isenulf. Chiaramente un bel ricordo. Ma a questo punto sapete anche che Van Eck è un padre terribile, quindi…AD OGNI MODO, questo addolcisce un po’ Matthias. Allora Wylan chiede a Matthias se avesse un Isenulf, e Matthias gli parla di Trassel. Wylan gli chiede se lo cercherà quando torneranno a Fjerda, ma Matthias non può. Dopo la sua cattura, Tressel è stato liberato nella natura selvaggia. Senza un branco. Quindi ora Matthias vuole sapere di più su Wylan. Ad esempio, perché è insieme ai Corvi? Non è come loro. Non è un criminale. Wylan scherza dicendo di essere come Trassel, e di essere stato ‘liberato nella natura selvaggia’. Matthias scoppia a ridere e dice a Wylan che lui non è un lupo. È  più un agnellino”.

Insomma, ai fan non resta che sperare che Christina Strain decida di raccontare di più!

Shadow and Bone: ecco perché sono stati “vietati” più baci nella serie