in ,

Con un mash-up tra Game of Thrones e Westworld è nata l’opening più bella di sempre

Ricordate l’ormai arcinota teoria che disegna l’universo di Game of Thrones come nient’altro che l’ennesimo parco a tema nel distopico scenario di Westworld? Ecco, a quanto pare c’è chi quest’idea non è mai riuscita a togliersela dalla testa, malgrado le numerose smentite.
Anzi, al contrario (per nostra fortuna) qualcuno ha avuto la geniale idea di sviluppare un video riadattando e rimescolando aspetti dell’una e dell’altra opening.

È il caso di Gilles Augustijnen, un artista/video-maker belga (trovate qui il profilo professionale VIMEO con tutte le sue creazioni) il quale ha speso ben otto mesi per sviluppare questa meravigliosa opera, sfruttando il delizioso riarrangiamento delle musiche a opera di Brandon Chapman.
Il marciante, fiero e dirompente ritmo della sigla di Game of Thrones si infrange contro il profondo e sospensivo tema di Westworld, creando un mix di suoni e immagini da brividi per i fan delle due serie.

Come suggeriscono le numerose speculazioni in merito a un legame tra le due serie, l’unione delle due sigle non può che essere concettuale oltre che meramente grafico. Da una parte, la sigla d’apertura di Westworld ci mostra step-by-step il raffinato processo di creazione degli androidi; dall’altra, sempre come accompagnati da una guida, quella di Game of Thrones ci conduce verso i luoghi e le icone della serie.
Nell’idea di Gilles Augustijnen, la “genesi in salsa cyberpunk” messa in atto nell’opening di Westworld è il presupposto perfetto per riprodurre la creazione di draghi sintetici (realizzati in grafica 3D), agognati Troni e un’agghiacciante sagoma rappresentante il Re della Notte.

Abbiamo recentemente parlato del peso specifico e del significato intrinseco della opening di Westworld (qui trovate un’analisi che suggerisce il perché è uno spreco skipparla), così come abbiamo già discusso del possibile significato delle variazioni nella nuova opening di Game of Thrones 8 (qui trovate l’approfondimento).

Potete ora godervi a pieno il capolavoro ideato da Gilles Augustijnen, che trovate qui sotto. “Welcome to WesterosWorld”:

LEGGI ANCHE – Up In The Air: la canzone dei 30 Seconds To Mars racconta Westworld

Written by Vincenzo Bellopede

Vincenzo, studente di psicologia.
Cresciuto a pane e Sartre, accompagnando con sbornie da prelibato nettare di Lynch.
Come disse il primo, gli oggetti sono cose che non dovrebbero commuovere in quanto non vive. Eppure lo fanno.
Se anche le parole riescono in questo, l'obiettivo di chi scrive è stato orgogliosamente raggiunto.

How I Met Your Mother

Il buco di trama di How I Met Your Mother che nessuno aveva mai notato

Netflix non si ferma: arriva anche il tasto Shuffle per guardare Serie Tv random